October 18, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Alcuni sacerdoti cattolici tedeschi sfidano Papa Francesco, pianificano di benedire le unioni gay nonostante il divieto del Vaticano

I potenti progressisti cattolici tedeschi stanno sfidando apertamente un recente pronunciamento della Chiesa cattolica romana secondo cui i sacerdoti non possono benedire le unioni tra persone dello stesso sesso, offrendo tali benedizioni alle funzioni in circa 100 chiese diverse in tutto il paese questa settimana.

Le benedizioni ai servizi di culto aperti sono l’ultima reazione dei cattolici tedeschi contro un documento del Vaticano rilasciato a marzo.

Come CBN News ha riportato, l’ufficio di ortodossia del Vaticano, la Congregazione per la Dottrina della Fede, ha detto che il clero cattolico non può benedire le unioni dello stesso sesso perché Dio “non può benedire il peccato”.

La spiegazione di due pagine, pubblicata in sette lingue e approvata da Papa Francesco, distingueva tra l’accoglienza e la benedizione da parte della Chiesa delle persone gay, che sosteneva, ma non le loro unioni.

***Si prega di registrarsi per CBN Newsletters e scaricare il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva decisamente cristiana.***

Il Vaticano sostiene che i gay devono essere trattati con dignità e rispetto, ma che il sesso gay è “intrinsecamente disordinato”. L’insegnamento cattolico sostiene che il matrimonio tra un uomo e una donna fa parte del piano di Dio ed è finalizzato alla creazione di una nuova vita.

Poiché le unioni gay non sono destinate a far parte di quel piano, non possono essere benedette dalla Chiesa, dice il documento.

“La presenza in tali relazioni di elementi positivi, che sono di per sé da valorizzare e apprezzare, non può giustificare queste relazioni e renderle oggetto legittimo di una benedizione ecclesiale, poiché gli elementi positivi esistono nel contesto di un’unione non ordinata al piano del Creatore”, ha detto il documento.

Dio “non benedice e non può benedire il peccato: Egli benedice l’uomo peccatore, affinché egli riconosca di far parte del suo piano d’amore e si lasci cambiare da lui”, diceva.

Papa Francesco ha appoggiato l’idea di fornire alle coppie gay protezioni legali nelle unioni tra persone dello stesso sesso, ma questo è in riferimento alla sfera civile, non all’interno della chiesa.

Una parte della Chiesa tedesca potrebbe lasciare la Chiesa cattolica?

Le decine di funzioni religiose tedesche che celebrano la benedizione delle unioni gay sono l’ultima escalation nelle tensioni tra conservatori e progressisti che hanno già suscitato l’allarme che una parte della chiesa tedesca potrebbe rompere con il Vaticano.

La Germania non è estranea alla divisione religiosa. Martin Lutero vi lanciò la Riforma 500 anni fa.

Papa Francesco, che ha sostenuto una struttura della Chiesa più decentralizzata, ha già ricordato alla gerarchia tedesca che deve rimanere in comunione con Roma durante il suo processo di riforma, noto come “percorso sinodale”.

A Berlino, il Rev. Jan Korditschke, un gesuita che lavora per la diocesi preparando adulti per il battesimo e aiuta nella congregazione di St. Canisius, guiderà le benedizioni per le coppie LGBTQ in una funzione religiosa il 16 maggio.

“Sono convinto che l’orientamento omosessuale non è un male, né l’amore omosessuale è un peccato”, ha detto Korditschke a The Associated Press. “Voglio celebrare l’amore degli omosessuali con queste benedizioni”.

Il 44enne ha detto che è importante che gli omosessuali possano mostrarsi all’interno della Chiesa cattolica e ottenere più visibilità a lungo termine.

Il capo della Conferenza episcopale tedesca il mese scorso ha criticato l’iniziativa popolare per la benedizione dei gay che si chiama “Liebe Gewinnt” o “L’amore vince”.

Il vescovo di Limburg Georg Baetzing ha detto che le benedizioni “non sono adatte come strumento di manifestazioni politiche della chiesa o di azioni politiche”.

Ma, la potente organizzazione laica tedesca, il Comitato centrale dei cattolici tedeschi, o ZdK, che ha sostenuto le benedizioni gay dal 2015, si è posizionata ancora una volta a favore di esse. Ha definito il documento di Roma “non molto utile” e ha espresso esplicitamente il suo sostegno alle benedizioni LGBTQ.

“Queste sono celebrazioni di culto in cui le persone esprimono a Dio ciò che le muove”, ha detto all’AP Birgit Mock, portavoce della ZdK per gli affari familiari.

La ZdK partecipa da più di un anno alle riunioni del “percorso sinodale” con la Conferenza episcopale tedesca. La loro conclusione è prevista per l’autunno. Gli incontri includono, tra le altre riforme, colloqui per permettere ai sacerdoti di sposarsi, l’ordinazione delle donne e una diversa comprensione della sessualità. Il processo è stato lanciato come parte della risposta alle rivelazioni sugli abusi sessuali del clero.

L’agenzia di stampa cattolica riferisce che un gruppo cattolico tedesco ha fatto appello ai vescovi del paese per unirsi a Roma e fermare la benedizione delle unioni omosessuali prevista da alcuni sacerdoti per iniziare questa settimana.

In una dichiarazione, Clara Steinbrecher, leader del gruppo Maria 1.0 ha detto: “Le celebrazioni di benedizione pianificate sono una provocazione mirata in direzione di Papa Francesco e dovrebbero quindi essere omesse dai sacerdoti”.