July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

“Combatteremo ancora”: l’allenatore di calcio licenziato per aver pregato sta tornando alla Corte Suprema

L’ex allenatore di football del liceo dello stato di Washington che è stato licenziato per le sue preghiere post-partita è tornato alla Corte Suprema degli Stati Uniti dopo una battaglia legale durata anni.

L’intera Corte d’Appello del Nono Circuito degli Stati Uniti ha rifiutato di riesaminare le argomentazioni del suo caso.

A marzo, una giuria più piccola di tre giudici del Nono Circuito aveva confermato una sentenza della corte inferiore secondo cui il distretto scolastico di Bremerton può vietare all’allenatore Joe Kennedy di inginocchiarsi in una breve preghiera personale dopo le partite di calcio.

Gli avvocati del distretto scolastico hanno applaudito la decisione della corte.

“Il nono circuito ha fatto la scelta giusta: il distretto scolastico di Bremerton ha fatto bene a proteggere la libertà religiosa dei suoi studenti e delle loro famiglie”, ha affermato Richard Katskee, direttore legale di Americans United for Separation of Church and State, il team legale del distretto scolastico. in una dichiarazione a Fox News. “La Costituzione richiede alle scuole pubbliche di fornire un ambiente inclusivo e accogliente per tutti gli studenti… il che include garantire che gli studenti-atleti non si sentano obbligati a pregare o partecipare ad attività religiose per assicurarsi il loro posto in una squadra”.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Ma in un’interessante nota a margine, alcuni dei giudici dell’intero Nono Circuito hanno rilasciato una dichiarazione a sostegno della richiesta di libertà di parola di Kennedy.

Nella sua dichiarazione in merito alla negazione delle prove en banc, il giudice O’Scannlain, affiancato dai giudici Callahan, Bea, R. Nelson, Collins, Lee, Bumatay e VanDyke, ha affermato: “Tuttavia l’opinione, in questo caso, cancella tale diritto costituzionale tutele annunciando una nuova norma secondo cui qualsiasi discorso di un insegnante o allenatore di una scuola pubblica, mentre è in orario e a portata d’orecchio di altri, è soggetto al controllo plenario del governo.Infatti, ci viene detto che, dal momento in cui il calcio pubblico del liceo L’allenatore Joseph Kennedy arriva al lavoro fino a quando l’ultimo dei suoi giocatori non è tornato a casa dopo una partita, la clausola di libertà di parola semplicemente non si applica a lui”.

Come CBN News ha precedentemente riportato, Kennedy è stato licenziato nel 2015 dopo che le sue preghiere “silenziose” post-partita sulla linea delle 50 yard hanno preso piede, riversandosi sui suoi giocatori e persino sulle squadre avversarie.

I funzionari della scuola temevano che quelle preghiere potessero dare l’impressione che il distretto approvasse le preghiere pubbliche dell’allenatore Kennedy, creando una potenziale approvazione della religione. Alla fine hanno licenziato Kennedy, che definisce quell’atto una violazione del suo diritto alla libertà di parola.

Ha chiesto alla Corte Suprema degli Stati Uniti di ascoltare il suo caso nel 2019, ma l’Alta corte ha rinviato il caso ai tribunali inferiori, affermando che erano necessari più fatti e invece ha permesso al caso di Coach Kennedy di continuare attraverso il sistema giudiziario.

Il caso è stato quindi rinviato al tribunale distrettuale per un ulteriore esame. Nel gennaio 2020, il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale di Washington ha accolto la mozione del distretto scolastico di Bremerton (WA) per giudizio sommario. Gli avvocati di Kennedy si sono quindi appellati al Nono Circuito. Poi la giuria di tre giudici schierato con il distretto scolastico all’inizio di quest’anno.

Kennedy e i suoi avvocati al Primo Istituto Libertà ha detto che l’ordine del distretto di porre fine alle sue preghiere sul campo e post-partita ha violato i suoi diritti del Primo Emendamento e continueranno a combattere.

“Faremo appello e siamo fiduciosi che la Corte Suprema degli Stati Uniti risolverà questo errore”, ha affermato Jeff Mateer, Chief Legal Officer del First Liberty Institute. “Vietare agli allenatori di pregare solo perché possono essere visti contraddice la Costituzione. A coach Kennedy è stata negata la libertà di allenare per oltre cinque anni, ma non ha mai mollato. Continueremo a combattere”.

Nel 2019, il giudice Samuel Alito ha scritto in merito al caso di Kennedy: “La comprensione del Nono Circuito dei diritti di libertà di parola degli insegnanti delle scuole pubbliche è preoccupante e potrebbe giustificare una revisione in futuro”.

“Siamo molto fiduciosi, alla luce della precedente dichiarazione del giudice Alito in merito a questo caso, che la corte si schiererà a favore della libertà religiosa. Prevediamo di chiedere alla Corte di occuparsi del caso in autunno”, ha affermato il General Counsel del First Liberty Institute. Hiram Sasser ha detto Fox News.

COPERTURA NOTIZIE CBN

L’allenatore licenziato per aver pregato perde in tribunale: “Speriamo che la Corte suprema corregga questo errore”

Licenziato per aver pregato: il giudice federale si schiera con il licenziamento da parte del distretto scolastico dell’allenatore della scuola superiore

“Non mi togli la fede”: l’allenatore licenziato promette di lottare per il diritto costituzionale di pregare

Guarda questo aggiornamento sul caso dell’allenatore Kennedy dal First Liberty Institute: