December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

COMMENTO: Il ritorno a scuola è diverso quest’anno

COMMENTO

È la stagione del ritorno a scuola. Come ogni anno, i bambini sono entusiasti di nuovi insegnanti, nuove esperienze, nuovi vestiti e forse anche nuovi amici. Ma per molte famiglie, il ritorno a scuola non è come al solito quest’anno. In molti casi, i cambiamenti temporanei all’istruzione causati dal Covid-19 sono diventati permanenti.

Forse il cambiamento più grande è il numero di famiglie che hanno deciso di istruire i propri figli a casa. Il numero di famiglie che hanno studiato a casa durante l’anno scolastico 2020-2021 raddoppiato rispetto all’anno precedente. Questo non conta coloro che hanno fatto scuola da casa.

I dati sulle scuole private sono stati misti. Mentre gli impatti economici di il coronavirus ha costretto a chiudere alcune scuole private, altre scuole private hanno visto un forte aumento delle iscrizioni da famiglie in cerca di alternative alle scuole statali. È possibile che scuole private forti abbiano approfittato di una crescita della domanda mentre quelle che già erano in difficoltà siano state costrette a chiudere.

Ciò che è innegabile è che c’è stato un cambiamento significativo nel rapporto tra il pubblico e le scuole pubbliche locali ed è possibile che questo cambiamento sia solo all’inizio. Ci sono diverse ragioni per questo.

In primo luogo, la scuola da casa ha dato ai genitori la possibilità di sbirciare dietro il sipario dell’istruzione pubblica ea molti non è piaciuto quello che hanno visto. Per anni, i genitori si sono preoccupati per il curriculum di educazione sessuale che è troppo presto e dice ai bambini che possono scegliere di essere un maschio o una femmina. Inoltre, i distretti scolastici e i singoli insegnanti stanno dando sempre più priorità ai componenti della teoria della razza critica e al curriculum come il Progetto 1619, che insegna che la rivoluzione americana è stata combattuta per proteggere la schiavitù. I genitori stanno cominciando a rendersi conto che la scuola è molto diversa oggi rispetto agli anni passati e hanno scelto di fare qualcosa al riguardo.

In secondo luogo, il COVID ha aperto gli occhi a molte famiglie sul fatto che le scuole pubbliche non sono l’unica opzione. Quando le scuole hanno chiuso, le famiglie sono state costrette ad adeguarsi. Alcune famiglie hanno iniziato a studiare a casa e hanno scoperto, nonostante i dubbi, di potercela fare. Hanno anche scoperto cooperative homeschool, chiesee altri gruppi che forniscono sostegno ai genitori e alla comunità per le famiglie che hanno rivendicato il controllo dell’istruzione dei propri figli.

Inoltre, l’azione legislativa in molti stati ha reso la scuola privata più realistica per molte famiglie. Stati come l’Ohio hanno notevolmente ampliato il numero di scuole che possono beneficiare di programmi di scelta della scuola. L’Indiana ha ampliato un programma di scelta della scuola in modo che la maggior parte delle famiglie della classe media possono utilizzare i dollari dell’istruzione statale per mandare i propri figli a scuole private. Di conseguenza, le famiglie che hanno nuove opzioni stanno scoprendo che a loro piace l’alternativa meglio di quelle che erano le uniche opzioni.

In terzo luogo, la risposta in corso al coronavirus dalla loro scuola pubblica locale continua a essere insostenibile per molte famiglie. Fin dall’inizio, le scuole pubbliche e private hanno risposto in modi radicalmente diversi al coronavirus. Durante l’autunno e l’inverno del 2020, Il 60% degli studenti delle scuole private riceveva lezioni di persona mentre solo il 24% degli studenti delle scuole pubbliche lo era. Probabilmente quella disparità sarebbe stata ancora maggiore se non fosse stato per le giurisdizioni che ha reso illegale per le scuole private tenere lezioni di persona. Ciò riflette anche la differenza tra sistemi che sono responsabili principalmente verso i genitori e sistemi che sono responsabili principalmente verso i politici. Mentre i sindacati degli insegnanti lottato per tenere le scuole chiuse, i genitori cercavano disperatamente di impedire ai loro figli di rimanere indietro. Molti di coloro che hanno trovato opzioni al di fuori del sistema scolastico pubblico ora non hanno intenzione di tornare. Molte scuole pubbliche su cui i genitori facevano affidamento e si fidavano quasi di studenti e famiglie abbandonati durante una crisi – un fatto che i genitori non dimenticheranno probabilmente.

C’è motivo di credere che il movimento legato al COVID lontano dalle scuole pubbliche continuerà. Nove stati (California, Washington, New Mexico, Nevada, Louisiana, New York, Connecticut, Delaware e Hawaii) richiederà a tutti gli studenti di indossare maschere all’inizio dell’anno scolastico 2021. I singoli distretti scolastici di altri stati si stanno assumendo la responsabilità di richiedere agli studenti di indossare maschere.

Le famiglie che erano disposte a sopportare un anno educativo molto difficile per i propri figli potrebbero non essere disposte a sopportarne un secondo. I mandati delle maschere nelle scuole sono particolarmente irritanti dato che altri stati (Carolina del Sud, Florida, Iowa, Arkansas, Oklahoma, Texas, Arizona e Utah) hanno vietato alle giurisdizioni locali di richiedere maschere. Sempre più spesso, l’esperienza di vivere in stati diversi sembra più simile all’esperienza di vivere in paesi diversi.

In un mondo in cui tante cose che una volta erano scelte sono diventate dei mandati, molti genitori scelgono di esercitare la scelta dove ne hanno ancora. Quindi per molte famiglie, il ritorno a scuola è diverso quest’anno, o perché hanno già fatto un cambiamento o perché stanno per farlo.

Joseph Backholm è Senior Fellow per la visione biblica del mondo e l’impegno strategico presso il Family Research Council. Meg Kilgannon è Senior Fellow for Education Studies presso il Family Research Council.