July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Direttore della cerimonia di apertura olimpica licenziato per scherzo sull’Olocausto

TOKYO (AP) — Il comitato organizzatore delle Olimpiadi di Tokyo ha licenziato il direttore della cerimonia di apertura giovedì a causa di uno scherzo sull’Olocausto che ha fatto durante uno spettacolo comico nel 1998.

Il presidente del comitato organizzatore Seiko Hashimoto ha dichiarato un giorno prima della cerimonia di apertura che il regista Kentaro Kobayashi è stato licenziato. È stato accusato di aver usato una battuta sull’Olocausto nella sua commedia, inclusa la frase “Giochiamo all’Olocausto”.

“Abbiamo scoperto che il signor Kobayashi, nella sua stessa esibizione, ha usato una frase per ridicolizzare una tragedia storica”, ha detto Hashimoto. “Ci scusiamo profondamente per aver causato un tale sviluppo il giorno prima della cerimonia di apertura e per aver causato problemi e preoccupazioni a molte parti coinvolte, nonché alle persone a Tokyo e nel resto del paese”.

Tokyo è stata tormentata da scandali da quando sono stati assegnati i Giochi nel 2013. Gli investigatori francesi stanno esaminando presunte tangenti pagate ai membri del Comitato Olimpico Internazionale per influenzare il voto per Tokyo. La ricaduta ha costretto le dimissioni due anni fa di Tsunekazu Takeda, che era a capo del Comitato Olimpico giapponese ed era membro del CIO.

La cerimonia di apertura dei Giochi ritardati dalla pandemia è prevista per venerdì. La cerimonia si terrà senza spettatori come misura per prevenire la diffusione dei contagi da coronavirus, anche se alcuni funzionari, ospiti e media parteciperanno.

“Avremo la cerimonia di apertura domani e, sì, sono sicuro che ci sono molte persone che non si sentono a proprio agio per l’apertura dei Giochi”, ha detto Hashimoto. “Ma apriremo i Giochi domani in questa difficile situazione”.

All’inizio di questa settimana, il compositore Keigo Oyamada, la cui musica doveva essere utilizzata durante la cerimonia, è stato costretto a dimettersi a causa del bullismo passato dei suoi compagni di classe, di cui si vantava nelle interviste alle riviste. Il segmento della sua musica non verrà utilizzato.

Poco dopo la rivelazione di un videoclip e della sceneggiatura della performance di Kobayashi, le critiche hanno invaso i social media.

“Qualsiasi persona, non importa quanto sia creativa, non ha il diritto di deridere le vittime del genocidio nazista”, ha affermato il rabbino Abraham Cooper, preside associato e direttore dell’azione sociale globale del Simon Wiesenthal Center, un gruppo per i diritti umani con sede a Los Angeles. .

Ha anche notato che i nazisti hanno gasato i tedeschi con disabilità.

“Qualsiasi associazione di questa persona alle Olimpiadi di Tokyo insulterebbe la memoria di 6 milioni di ebrei e si burlerebbe crudelmente delle Paralimpiadi”, ha detto.

Tutti i contenuti © copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati