January 28, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Gavin MacLeod, capitano di ‘Love Boat’, muore a 90 anni

LOS ANGELES (AP) – Gavin MacLeod, il veterano attore non protagonista che ha raggiunto la celebrità come Murray Slaughter, il sardonico scrittore di notizie televisive su “The Mary Tyler Moore Show”, prima di diventare ancora più famoso come l’allegro Capt. Stubing in “The Love Boat”, è morto. Aveva 90 anni.

MacLeod è morto sabato mattina, ha detto a Variety suo nipote, Mark See. La salute di MacLeod era stata cagionevole di recente, ma non è stata fornita alcuna causa di morte, secondo la pubblicazione commerciale.

Conosciuto dai fan delle sitcom per la sua testa pelata e il suo ampio sorriso, MacLeod ha lavorato duramente nell’anonimato per più di un decennio, apparendo in dozzine di programmi TV e in diversi film prima di ottenere il ruolo di “Mary Tyler Moore” nel 1970.

Inizialmente aveva provato per il capo televisivo di Moore, Lou Grant, una parte che è andata a Ed Asner. Rendendosi conto che non era giusto per interpretare il turbolento e irascibile leader della redazione televisiva, MacLeod ha chiesto se poteva provare invece per lo spiritoso giornalista televisivo, le sue battute spesso a spese dell’ottuso presentatore televisivo Ted Baxter.

“The Mary Tyler Moore Show” è stato un successo fin dall’inizio e rimane un classico delle commedie di situazione. Ha prodotto due spin-off, “Rhoda” e “Phyllis”, con Valerie Harper e Cloris Leachman, che avevano interpretato i vicini di Mary.

Era ancora molto apprezzato quando Moore, che interpretava la produttrice di notizie Mary Richards, decise di chiuderlo dopo sette stagioni.

MacLeod è passato a “The Love Boat”, una commedia romantica in cui le guest star, che vanno da Gene Kelly a Janet Jackson, sarebbero salite a bordo per una crociera e si sarebbero innamorate l’una dell’altra.

Sebbene disprezzata dalla critica, la serie si è rivelata immensamente popolare, durando 11 stagioni e producendo diversi film TV, inclusi due in cui MacLeod è rimasto al timone della nave da crociera. Ha anche portato alla sua assunzione come presentatore televisivo per Princess Cruise Lines.

“I critici lo odiavano. L’hanno chiamata TV senza cervello, ma siamo diventati ambasciatori di buona volontà”, ha detto al Los Angeles Times nel 2013.

Tra i suoi ultimi crediti televisivi c’erano “Touched by An Angel”, “JAG” e “The King of Queens”.

Il personaggio spensierato di MacLeod sullo schermo era in contrasto con la sua vita privata. Nel suo libro di memorie del 2013, “This Is Your Captain Speaking”, MacLeod ha riconosciuto di aver lottato con l’alcolismo negli anni ’60 e ’70. Ha anche scritto che perdere i capelli in tenera età gli ha reso difficile trovare lavoro come attore.

“Sono andato in tutta la città alla ricerca di un agente, ma nessuno era interessato a rappresentare un giovane con la testa calva”, ha scritto. “Sapevo cosa dovevo fare. Avevo bisogno di comprarmi un parrucchino. ” Un parrucchino ha cambiato la sua fortuna “abbastanza rapidamente”. Alla mezza età, non aveva bisogno del parrucchino.

MacLeod, il cui nome di battesimo era Allan See, prese il suo nome da un film francese e il suo ultimo da un insegnante di teatro all’Ithaca College di New York che lo aveva incoraggiato a intraprendere la carriera di attore.

Dopo il college, il Mount Kisco, nativo di New York, è diventato un attore non protagonista in “A Hatful of Rain” e altri spettacoli di Broadway, e in film come “I Want to Live!” e “Operazione Sottoveste”.

Ha fatto apparizioni in programmi televisivi negli anni ’60, tra cui “Hogan’s Heroes”, “Hawaii Five-O” e “The Dick Van Dyke Show”. È apparso anche in “McHale’s Navy” dal 1962 al 1964 come marinaio Joseph “Happy” Haines.

Un ruolo importante per cui ha fatto l’audizione: Archie Bunker in “All in the Family”. Ma si è subito reso conto che il personaggio, immortalato da Carol O’Conner, era sbagliato per lui. “Subito ho pensato: ‘Questo non è il copione per me. Il personaggio è troppo bigotto.’ Non posso dire queste cose”, ha scritto MacLeod nelle sue memorie.

Altri crediti cinematografici includono “Kelly’s Heroes”, “The Sand Pebbles” e “The Sword of Ali Baba”.

MacLeod ha avuto quattro figli con la sua prima moglie, Joan Rootvik, dalla quale ha divorziato nel 1972. Era figlio di un alcolizzato e i suoi problemi con l’alcol hanno contribuito a portare a un secondo divorzio, a Patti Steele. Ma dopo che MacLeod smise di bere, lui e Steele si risposarono nel 1985.

La coppia in seguito condusse un programma radiofonico cristiano intitolato “Back on Course: A Ministry for Marriages”.

Copyright 2021. L’Associated Press. Tutti i diritti riservati.