December 3, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

I federali accusano 4 in Iran complotto per rapire attivista negli Stati Uniti, altri,

NEW YORK (AP) – Un ufficiale dell’intelligence iraniana e tre presunti membri di una rete di intelligence iraniana sono stati accusati a Manhattan di aver complottato per rapire un’importante attivista dell’opposizione e scrittrice iraniana in esilio e riportarla a Teheran, hanno detto le autorità martedì.

Un atto d’accusa presso la corte federale di Manhattan sostiene che il complotto faceva parte di un piano più ampio per attirare in Iran tre individui in Canada e una quinta persona nel Regno Unito. Le vittime sono state prese di mira anche negli Emirati Arabi Uniti, hanno detto le autorità.

Le identità delle presunte vittime non sono state rilasciate, ma Masih Alinejad, con sede a Brooklyn, ha confermato che le autorità le avevano detto che era tra le vittime prese di mira.

“Sapevo che questa è la natura della Repubblica Islamica, sai, rapire persone, arrestare persone, torturare persone, uccidere persone. Ma non potevo crederci che mi sarebbe successo negli Stati Uniti d’America”, ha detto Alinejad all’Associated Press.

La missione iraniana presso le Nazioni Unite non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. I media statali a Teheran non hanno riconosciuto immediatamente il presunto complotto, sebbene l’Iran sia diventato più aggressivo negli ultimi anni riguardo al sequestro di giornalisti dell’opposizione e dissidenti all’estero in mezzo alle tensioni sul suo accordo nucleare a brandelli.

L’accusa lo riconosce, nominando un giornalista esiliato con sede a Parigi in seguito sequestrato dall’Iran e giustiziato. È stato anche nominato un membro con sede in California di un gruppo di opposizione militante iraniano in esilio la cui famiglia afferma che è stato rapito dall’Iran mentre era a Dubai nel 2020. I pubblici ministeri hanno affermato che l’ufficiale dell’intelligence iraniana aveva un dispositivo elettronico contenente un’immagine di Alinejad insieme a quei due uomini , hanno detto i pubblici ministeri.

Alinejad, che ha lavorato per anni come giornalista in Iran, è stata a lungo presa di mira dalla sua teocrazia dopo essere fuggita dal paese in seguito alle contestate elezioni presidenziali del 2009 e alla repressione.

È una figura di spicco dei canali satellitari in lingua farsi all’estero che osservano in modo critico l’Iran e ha lavorato come appaltatore per la rete in lingua farsi di Voice of America, finanziata dagli Stati Uniti dal 2015. È diventata cittadina statunitense nell’ottobre 2019.

Le sue campagne “Mercoledì bianco” e “My Stealthy Freedom” hanno visto le donne filmarsi senza copricapo o hijab, in pubblico in Iran, il che può portare ad arresti e multe. I dettagli dell’accusa corrispondono anche alla biografia di Alinejad.

Alinejad ha detto che le autorità sono venute da lei l’anno scorso e le hanno detto che era osservata, comprese le foto scattate a casa sua. Ha detto di aver vissuto sotto la protezione del governo degli Stati Uniti da allora, compreso il tempo trascorso in varie case sicure. Ha anche detto che l’FBI a un certo punto le ha chiesto di condurre un video in diretta online per vedere se l’intelligence iraniana poteva rintracciarla.

Sebbene non sia stata accusata del complotto di rapimento, Niloufar Bahadorifar, nota anche come Nellie, è stata arrestata il 1° luglio in California con l’accusa di aver fornito servizi finanziari e di altro tipo statunitensi a residenti ed entità iraniane e alcuni servizi finanziari hanno sostenuto il complotto e violato le sanzioni contro l’Iran , secondo i pm.

L’accusa afferma che Bahadorifar, 46 anni, originario dell’Iran, lavora in un grande magazzino della California. L’avvocato di Bahadorifar, l’assistente del difensore federale Martin Cohen, ha rifiutato di commentare.

Bahadorifar si è dichiarata non colpevole delle accuse presentate al momento del suo arresto ed è stata rilasciata su cauzione, hanno detto le autorità. Lei deve ancora affrontare l’accusa con l’accusa sostitutiva di martedì.

Il resto degli imputati sono latitanti che si ritiene abbiano sede in Iran, hanno detto le autorità.

“Tra le libertà più care a questo Paese c’è il diritto di esprimere la propria opinione senza timore di rappresaglie del governo”, ha affermato il procuratore americano Audrey Strauss. “Un cittadino americano che vive negli Stati Uniti deve essere in grado di difendere i diritti umani senza essere preso di mira dall’intelligence straniera. operatori”.

“Ogni persona negli Stati Uniti deve essere libera da molestie, minacce e danni fisici da parte di potenze straniere”, ha aggiunto il vice procuratore generale degli Stati Uniti Mark J. Lesko. “Attraverso questa accusa, portiamo alla luce uno di questi complotti perniciosi per danneggiare un americano cittadino che stava esercitando i propri diritti del Primo Emendamento”.

William F. Sweeney Jr., il capo dell’ufficio dell’FBI di New York, ha osservato che l’accusa suonava un po’ come “una trama inverosimile di un film”.

“Noi sosteniamo che un gruppo, sostenuto dal governo iraniano, abbia cospirato per rapire una giornalista con sede negli Stati Uniti qui sul nostro territorio e riportarla con la forza in Iran. Non sotto i nostri occhi”, ha detto.