October 18, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

I senatori del GOP chiedono una revisione dopo che l’IRS ha individuato gli “insegnamenti biblici” e ha bloccato lo status di esenzione fiscale dei cristiani senza scopo di lucro

I senatori James Lankford (R-OK) e Ben Sasse (R-NE) hanno portato una lettera firmata da un gruppo di senatori all’ispettore generale del Tesoro per l’amministrazione fiscale J. Russell George chiedendo una revisione dei processi dell’Internal Revenue Service (IRS) per rendere determinazioni dello status di esenzione fiscale e l’apparente fallimento dei controlli di qualità nel caso dell’organizzazione religiosa Christians Engaged.

Come Notizie CBN riportate il mese scorso, l’IRS ha deciso di fare marcia indietro e ha concesso lo status di esenzione fiscale a Cristiani impegnati, un’organizzazione senza scopo di lucro che educa e autorizza i cristiani a impegnarsi civicamente mentre pregano per l’America e per i nostri funzionari eletti.

L’inversione è arrivata dopo un contraccolpo nazionale contro il rifiuto iniziale dell’IRS dello status di non profit di Christians Engaged. L’IRS aveva affermato all’epoca: “Gli insegnamenti biblici sono in genere affiliati al partito repubblicano e ai candidati”.

In risposta alla smentita dell’IRS, il presidente dei Christians Engaged Bunni Pounds ha dichiarato: “Vogliamo solo incoraggiare più persone a votare e partecipare al processo politico. Come si può essere contrari?”

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

La lettera firmata da Lankford, Sasse e altri 11 senatori ha ricordato a George che la revisione dell’IRS delle organizzazioni religiose o religiose che cercano lo status di non profit deve essere “basata su legge e fatto, e priva di commenti estranei e inappropriati”.

“Gli agenti sono addestrati a elaborare le domande in modo neutrale, privo di convinzioni politiche o personali degli agenti e con aderenza alla legge e ai fatti di ciascuna domanda”, hanno scritto i senatori nella loro lettera all’ispettore generale del Tesoro. “Con questo processo in mente, la nostra preoccupazione per la considerazione neutrale e rispettosa di tutte le domande, in particolare per quelle con una missione religiosa o basata sulla fede, alla luce dell’ostilità percepita nei confronti dei cristiani coinvolti nella proposta di lettera di determinazione avversa dell’IRS, è cresciuta. “

“È importante garantire che i molteplici passaggi identificati dall’IRS, compresi i livelli di revisione del “controllo di qualità”, siano effettivamente basati su leggi e fatti e assenti commenti estranei e inappropriati”, continua la lettera. “Come agenzia all’interno del governo federale, l’IRS dovrebbe assicurarsi che nessuna decisione sia basata su pregiudizi pro o contro un punto di vista politico o religioso”.

Leggi il testo della lettera completa qui.

La lettera è stata firmata anche dai senatori Kevin Cramer (R-ND), John Barrasso (R-WY), Mike Braun (R-IN), Todd Young (R-IN), Steve Daines (R-MT), Jim Inhofe ( R-OK), Rick Scott (R-FL), Tim Scott (R-SC), Jerry Moran (R-KS), Cindy Hyde-Smith (R-MS) e Marco Rubio (R-FL).

Sul suo sito web, l’organizzazione afferma di essere educativa, cristiana e apartitica.

Come CBN News riportato a giugno, Christians Engaged, è stata negata l’esenzione fiscale in una lettera del direttore di IRS Exempt Organizations Stephen A. Martin.

“In particolare, educhi i cristiani su ciò che dice la Bibbia in aree in cui possono essere strumentali, comprese le aree della santità della vita, la definizione del matrimonio, la giustizia biblica, la libertà di parola, la difesa, i confini e l’immigrazione, le relazioni tra Stati Uniti e Israele “, ha scritto Martino. “Gli insegnamenti biblici sono in genere affiliati al partito repubblicano e ai candidati. Questo ti squalifica dall’esenzione ai sensi della sezione IRC 501 (c) (3).”

Nella sua lettera di ricorso amministrativo all’IRS, gli avvocati del Primo Istituto Libertà, uno studio legale per i diritti religiosi, ha scritto: “Trovando che Christians Engaged non soddisfa il test operativo, il direttore Martin sbaglia in tre modi: 1) inventa un requisito inesistente che le organizzazioni esenti siano neutrali sulle questioni di ordine pubblico; 2) ha sbagliato conclude che Christians Engaged serve principalmente scopi privati, non esenti, piuttosto che pubblici, scopi esenti perché pensa che le sue convinzioni si sovrappongano alle posizioni politiche del Partito Repubblicano; e 3) viola le clausole sulla libertà di parola, sul libero esercizio e sull’establishment del Primo Emendamento impegnandosi in sia la discriminazione di punto di vista che la discriminazione religiosa”.

Dopo l’appello, il direttore Martin ha accolto la domanda per lo status 501 (c) (3).