December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

I talebani distruggono un’enorme fascia dell’Afghanistan, rafforzati dal ritiro degli Stati Uniti: “Vi uccideremo tutti, ragazzi”

I talebani hanno sequestrato altre tre capitali di provincia in Afghanistan e un quartier generale dell’esercito afghano. I radicali islamici ora controllano quasi i due terzi dell’intero Paese.

I talebani si sono mossi rapidamente per riconquistare parti dell’Afghanistan dopo che le truppe della Coalizione USA hanno abbandonato le basi che usavano da decenni.

Il presidente degli Stati Uniti dei capi di stato maggiore Mark Milley ammette che non sembra buono. “C’è chiaramente una narrativa là fuori che i talebani stanno vincendo. In effetti, stanno propagando quella narrativa, stanno dominando le onde radio su quel genere di cose”.

E gli afgani che hanno lavorato per la NATO temono per le loro vite.

Un interprete afghano ha spiegato: “Non siamo al sicuro. I talebani stanno arrivando e ci dicono: ‘Tuo fratello se ne andrà presto… e uccideremo tutti voi ragazzi che avete lavorato con le forze statunitensi”.

Centinaia di interpreti afgani chiedono asilo fuori dall’ultima base americana rimasta a Kabul. E l’ex comandante della base aerea di Bagram dice che se lo sono guadagnato.

Maj Gen (in pensione) Jeffrey Schloesser, ex comandante del 101st Airborne, ha dichiarato: “Dobbiamo spostare quegli interpreti, traduttori, tutte quelle persone che hanno aiutato l’America per 20 anni, spostarli fuori da quel paese e dar loro una vita in America.”

Schloesser descrive in dettaglio i suoi 15 mesi in Afghanistan nel suo nuovo libro, Marathon War.

“Abbiamo effettivamente deciso che avremmo posto fine alla parte di combattimento della guerra diversi anni fa”, ha detto. “Non abbiamo mai avuto abbastanza truppe per dominare un intero paese… non come abbiamo fatto dopo la seconda guerra mondiale”.

E la sua visione del futuro dell’Afghanistan è cupa.

“Guerra civile”, prevede. “I talebani alla fine riprendono il controllo del paese. Forse un anno, forse due anni”.

Decine di migliaia di afgani sono già fuggiti dalle loro case nel nord del paese, mentre le brutali forze talebane sono arrivate.

“Non credo che l’esercito afghano sarà in grado di resistere ai talebani, quindi vedrai questa diaspora umana… molto più grande di quella che stiamo contemplando attualmente con gli interpreti e le loro famiglie”, Egli ha detto.

Nonostante la rinascita dei talebani, Schloesser non crede che il sangue e il tesoro americani siano stati sprecati qui.

“Per 20 anni non siamo stati attaccati da Al Qaeda sul nostro territorio. Questo da solo significava che i sacrifici erano importanti. E non dobbiamo dimenticarlo”, ha detto.