September 28, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Il corridore olimpico bielorusso che temeva la punizione del regime brutale atterra in sicurezza in Austria

VIENNA, Austria (AP) – Una velocista olimpica bielorussa che ha affermato che una faida con i funzionari della squadra le ha fatto sentire che non poteva tornare a casa in sicurezza è arrivata in Austria mercoledì, parte di un viaggio che potrebbe vederla stabilirsi in Europa per evitare rappresaglie da parte del suo autoritario governo.

Dopo uno scalo a Vienna, Krystsina Tsimanousskaya dovrebbe recarsi in Polonia, che le ha concesso un visto umanitario. In una drammatica situazione di stallo ai Giochi di Tokyo, il corridore ha detto che i funzionari della squadra hanno cercato di costringerla a tornare a casa presto dopo averli criticati, e alcuni paesi europei sono intervenuti per offrire assistenza.

Non è chiaro quali saranno le prospettive per la 24enne, né nella sua vita sportiva né in quella personale. Prima di lasciare il Giappone, ha detto che sperava di continuare la sua carriera agonistica, ma che la sicurezza era la sua priorità immediata. Suo marito è fuggito dalla Bielorussia poco dopo che sua moglie ha detto che non sarebbe tornata, e anche la Polonia gli ha offerto un visto.

“Siamo molto felici che sia qui al sicuro”, ha detto Magnus Brunner, un alto funzionario del governo austriaco, dopo che l’aereo di Tsimanouskaya è arrivato mercoledì pomeriggio da Tokyo. “Ma ha paura del suo futuro e della sua famiglia”.

All’aeroporto, il corridore è stato protetto da agenti di polizia austriaci, secondo quanto riportato dall’emittente pubblica ORF. Brunner ha detto di non aver chiesto asilo in Austria.

Secondo un attivista di un gruppo che l’ha sostenuta, avrebbe dovuto recarsi a Varsavia mercoledì.

Tsimanouskaya è volata prima in Austria invece che direttamente in Polonia su consiglio delle autorità polacche per motivi di sicurezza, ha affermato Vadim Krivosheyev, della Fondazione bielorussa per la solidarietà sportiva.

Il dramma è iniziato dopo che le critiche di Tsimanousskaya su come i funzionari stavano gestendo la sua squadra hanno scatenato un massiccio contraccolpo nei media statali in Bielorussia, dove il governo ha soffocato inesorabilmente qualsiasi critica. La runner ha dichiarato su Instagram di essere stata inserita nella staffetta 4×400 anche se non ha mai corso nell’evento. Le è stato poi vietato di gareggiare nei 200 metri.

Ha accusato i funzionari della squadra di portarla all’aeroporto, ma si è rifiutata di salire a bordo di un aereo per tornare a casa.

I funzionari “hanno chiarito che, al ritorno a casa, avrei sicuramente affrontato una qualche forma di punizione”, ha detto Tsimanouskaya all’AP in una videochiamata da Tokyo martedì. “C’erano anche indizi sottilmente camuffati che più mi avrebbe aspettato.”

Il velocista ha invitato le autorità sportive internazionali “a indagare sulla situazione, chi ha dato l’ordine, chi ha effettivamente preso la decisione che non posso più gareggiare”. Ha suggerito possibili sanzioni contro l’allenatore.

Raggiunto per telefono, Dzmitry Dauhalionak, capo della delegazione bielorussa alle Olimpiadi di Tokyo, ha rifiutato di commentare.

La situazione di stallo ha attirato più attenzione sul governo autoritario intransigente della Bielorussia. Quando il paese è stato scosso da mesi di proteste a seguito di un’elezione presidenziale che l’opposizione e l’Occidente hanno visto come truccate, le autorità hanno risposto arrestando circa 35.000 persone e picchiando migliaia di manifestanti.

Il presidente Alexander Lukashenko, che ha guidato il Comitato olimpico nazionale bielorusso per quasi un quarto di secolo prima di cedere l’incarico al figlio a febbraio, ha un vivo interesse per lo sport, considerandolo un elemento chiave del prestigio nazionale.

E il suo governo ha dimostrato di essere disposto a fare di tutto per colpire i suoi critici. A maggio, le autorità bielorusse hanno dirottato un aereo passeggeri verso la capitale Minsk, dove hanno arrestato a bordo un giornalista dell’opposizione.

Nell’intervista ad AP, Tsimanousskaya ha espresso preoccupazione per i suoi genitori, che rimangono in Bielorussia.

Suo marito, Arseni Zdanevich, partì per l’Ucraina poco dopo l’inizio del dramma. Da allora la Polonia gli ha rilasciato un visto umanitario, secondo il portavoce del governo Piotr Mueller.

In mezzo alla frattura di Tsimanousskaya con i dirigenti della squadra, altri due atleti bielorussi hanno annunciato la loro intenzione di rimanere all’estero.

L’eptatleta Yana Maksimava ha detto che lei e suo marito, Andrei Krauchanka, che ha vinto l’argento nel decathlon alle Olimpiadi di Pechino 2008, rimarranno in Germania.

“Non ho intenzione di tornare a casa dopo tutti gli eventi accaduti in Bielorussia”, ha detto Maksimava su Instagram, aggiungendo che “puoi perdere non solo la tua libertà ma anche la tua vita” nella sua terra natale.

I leader occidentali hanno condannato il trattamento riservato a Tsimanousskaya da parte delle autorità bielorusse.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha denunciato il tentativo dei funzionari bielorussi di costringere Tsimanouskaya a tornare in Bielorussia per aver esercitato la libertà di parola come “un altro atto di repressione transnazionale”.

“Tali azioni violano lo spirito olimpico, sono un affronto ai diritti fondamentali e non possono essere tollerate”, ha detto Blinken su Twitter.

Mentre Tsimanouskaya ha detto che sperava di continuare la sua carriera sportiva, potrebbe affrontare lunghe procedure se vuole competere sotto una bandiera diversa.

Tomasz Majewski, vicepresidente dell’Associazione polacca di atletica ed ex medaglia d’oro olimpica, ha espresso il timore che “perderà il miglior periodo della sua carriera” se cambia cittadinanza.

“Sono questioni complicate, sappiamo che ci saranno chiare obiezioni da parte della squadra di casa, che probabilmente renderanno difficile o addirittura cercheranno la squalifica dell’atleta”, ha detto.

Copyright 2021 The Associated Press. Tutti i diritti riservati.