August 19, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Il progetto Endeavour si conclude con viaggi a bordo di veicoli autonomi a Londra

Due anni dopo il suo primo annuncio e quasi 10 mesi dopo le prime prove dal vivo, il programma di ricerca e sviluppo Project Endeavour, sostenuto dal governo britannico, per accelerare e ampliare l’adozione di servizi di veicoli autonomi concluderà la sua dimostrazione in più città con una prova finale su strada , con corse gratuite per il pubblico, a Greenwich, Londra.

Lanciato a marzo 2019, il progetto ha riunito società di software autonoma Oxbotica, innovatore urbano DG Cities e società di simulazione dei trasporti Immense. In vista del primo processo pubblico a Oxford nell’ottobre 2020 – quale Sforzo del progetto detto avrebbe avvicinato lo spiegamento di veicoli commerciali autonomi nel Regno Unito – tre nuovi partner del consorzio sono stati aggiunti al progetto: il Laboratorio di ricerca sui trasporti, British Standards Institution e Oxfordshire County Council.

Project Endeavour è in parte finanziato dal Centre for Connected and Autonomous Vehicles, realizzato in collaborazione con Innovate UK. Fa parte del Fondo per la mobilità intelligente da 100 milioni di sterline del governo, a sostegno del Future of Mobility Grand Challenge. Ha costruito sul consorzio Driven, che ha dimostrato le capacità di una flotta di veicoli a guida autonoma nell’ambiente urbano impegnativo e complesso dell’Oxfordshire e di Londra.

Dopo Oxford, le prove si sono svolte a Birmingham prima dell’imminente finale a Londra, dove più di 100 membri del pubblico potranno programmare giri dimostrativi nei veicoli Oxbotica. Partner consortile DG Città esaminerà la fiducia e la fiducia nella tecnologia prima e dopo, al fine di analizzare la percezione della sicurezza del veicolo autonomo.

Una flotta di sei Ford Mondeo è stata schierata durante la dimostrazione per replicare come può funzionare un servizio di mobilità autonoma in un ambiente urbano. I veicoli, integrati con la piattaforma software di autonomia di Oxbotica, completeranno un percorso urbano di cinque miglia intorno alle strade di Greenwich, offrendo ai partner l’opportunità di modellare la rete complessa e trafficata ed esponendo il veicolo a diverse condizioni di traffico e meteorologiche.

I veicoli saranno schierati sui percorsi monitorati e strumentati dello Smart Mobility Living Lab di proprietà e gestito da TRL (SMLL) banco di prova a Greenwich, segnando il primo utilizzo del banco di prova della mobilità connessa e automatizzata (CAM) di Londra per una prova su larga scala di veicoli autonomi. I veicoli saranno alloggiati presso SMLL per tutta la durata delle prove, con pieno accesso alle principali strutture diagnostiche e ingegneristiche in loco.

La ricerca condotta prima delle prove ha rivelato che il pubblico del Regno Unito considera la sicurezza dei veicoli e il record di sicurezza del fornitore di servizi come le due considerazioni più importanti nella scelta dei futuri fornitori di mobilità, che si collocano davanti a costi, pulizia e disponibilità.

Project Endeavour ha applicato la specifica del quadro di riferimento per i casi di sicurezza di BSI PAS 1881:2020 Assuring the Safety of Automated Vehicle Trials and Testing, che specifica i requisiti per i casi di sicurezza operativa per le prove di veicoli automatizzati e i test di sviluppo nel Regno Unito. Oxbotica è la prima azienda ad aver valutato il proprio caso di sicurezza da BSI in base ai requisiti della PAS 1881:2020. I dati post-prova saranno studiati per capire se l’esperienza della tecnologia migliora l’accettazione dei veicoli autonomi.

I pianificatori dei trasporti e le autorità locali stanno anche utilizzando le prove per capire come l’autonomia può colmare le lacune di mobilità negli ambienti urbani e rurali e come supportare le comunità nell’accesso alla nuova tecnologia mentre svolgono un ruolo nella sostenibilità a lungo termine delle città.

“La dimostrazione londinese conclude la fase di prove su strada del Progetto Endeavour”, ha affermato l’amministratore delegato della DG Cities Trevor Dorling. “I risultati del progetto consentiranno ai partner del progetto di far progredire ulteriormente l’implementazione di servizi di veicoli autonomi in modo sicuro e su larga scala, affrontando alcune delle principali sfide di trasporto che le città devono affrontare oggi e in futuro.

“Siamo anche entusiasti di essere in grado di offrire al pubblico l’opportunità di guidare in uno dei Progetto Endeavour veicoli autonomi durante le nostre prove nel Royal Borough of Greenwich. Il loro feedback ci darà preziose informazioni su come dobbiamo continuare ad adattare sia la tecnologia che la sua implementazione nelle città negli anni a venire”.