July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

“Il sesso è un fatto biologico e immutabile”: la donna britannica che ha perso il lavoro a causa di opinioni transgender vince l’appello

Una donna britannica, che è stata licenziata dal lavoro dopo aver affermato che gli uomini non possono trasformarsi in donne, ha vinto la sua causa in appello giovedì con l’Alta Corte dichiarando che le sue convinzioni erano protette dall’Equality Act.

Nel 2018, ricercatore Maya Forstater ha condiviso la sua opinione su sesso e genere in una serie di tweet che non sono andati bene con alcuni dei suoi colleghi del Center for Global Development (CGD). A seguito di una serie di denunce, il datore di lavoro di Forstater non ha rinnovato il suo contratto per l’anno successivo.

Forstater ha preso azione legale quando il suo contratto non è stato esteso, affermando “La mia convinzione… è che il sesso è un fatto biologico ed è immutabile. Ci sono due sessi, maschio e femmina. Uomini e ragazzi sono maschi. Donne e ragazze sono femmine. È impossibile cambiare sesso. Fino a poco tempo fa erano intesi come fatti basilari della vita da quasi tutti”.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Durante la sentenza della scorsa settimana, Giudice Akhlaq Choudhury ha detto che le opinioni di Forstater potrebbero essere offensive per alcuni, ma sono state coperte dalla protezione della libertà di credo nell’Equality Act.

Dopo la pronuncia della sentenza, Forstater ha detto, “Sono lieto di essere stato vendicato. Ho perso il lavoro semplicemente per aver espresso un punto di vista vero e importante, e sostenuto dalla grande maggioranza delle persone in questo paese: il sesso conta”.

Ha aggiunto: “Dopo questa sentenza, i datori di lavoro e i fornitori di servizi che ignorano il sesso e mettono a tacere le donne che si oppongono, devono considerare se stanno agendo illegalmente e i sostanziali rischi legali che devono affrontare se non cambiano il loro approccio”.

Il caso di Forstater ha anche ricevuto il sostegno dell’autrice di “Harry Potter” JK Rowling, che ha subito un contraccolpo dopo twittare: “Vivi la tua vita migliore in pace e sicurezza. Ma costringere le donne a lasciare il lavoro per aver affermato che il sesso è reale?”

In risposta alla recente sentenza, Amanda Glassman, vicepresidente esecutivo di CGD, si è detta delusa dal risultato.

“La decisione è deludente e sorprendente perché crediamo che il giudice Tayler abbia avuto ragione quando ha scoperto che questo tipo di discorso offensivo provoca danni alle persone trans e quindi non può essere protetto dall’Equality Act”, ha affermato in una nota. “La decisione di oggi è un passo indietro per l’inclusione e l’uguaglianza per tutti. Attualmente stiamo valutando le varie strade da seguire con i nostri avvocati”.

In un precedente sentenza nel caso durante il 2019, il giudice James Tayler ha affermato che le convinzioni di Forstater “non sono degne di rispetto in una società democratica”.

Ma Choudhury ha rimproverato questa affermazione, affermando che le opinioni di Forstater “non si avvicinano affatto ad avvicinarsi al tipo di credenza simile al nazismo o al totalitarismo” che andrebbe a scontrarsi con il “divieto di abuso dei diritti” nella Convenzione europea dei diritti umani.