July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Il tribunale di Berlino annulla il divieto di utilizzo delle prove di EncroChat nei processi penali

Ai pubblici ministeri di Berlino è stato detto che possono utilizzare i messaggi intercettati dalla polizia francese durante una sofisticata operazione di hacking nella rete telefonica crittografata EncroChat nei tribunali tedeschi.

Il Corte Superiore di Berlino questa settimana ha ribaltato una sentenza del Tribunale regionale di Berlino che ha scoperto che milioni di messaggi di testo raccolti dalla polizia francese e olandese in un’operazione di hacking contro gli utenti di EncroChat non potevano essere usati legalmente come prova.

Il pubblico ministero di Berlino ha annunciato il verdetto su Twitter: “La nostra denuncia è andata a buon fine”. Il tribunale ha confermato l’usabilità di “EncroChat in conformità con la giurisprudenza della corte superiore in Germania”.

Gli investigatori francesi e olandesi hanno ottenuto milioni di messaggi presumibilmente sicuri da utenti di telefoni EncroChat tra aprile e giugno 2020 dopo aver ricevuto un’ingiunzione del tribunale per posizionare un dispositivo di intercettazione dati su un server EncroChat che è stato caricato su decine di migliaia di cellulari.

di questa settimana dominante arriva due mesi dopo una sentenza che limita l’uso dei messaggi EncroChat da un tribunale di Berlino.

Il caso riguarda un 31enne accusato di spaccio di droga, ma ha implicazioni più ampie per l’ammissibilità delle prove di EncroChat nei procedimenti legali.

Il pubblico ministero ha confermato di aver riemesso un mandato di cattura contro l’individuo, che vive con la sua famiglia da due mesi dopo la scarcerazione. I pubblici ministeri hanno detto che l’individuo era a rischio di fuga.

Da luglio, secondo la stampa tedesca, sono stati avviati più di 550 procedimenti giudiziari contro 135 sospetti sulla base dei dati di EncroChat a Berlino.

I tribunali del Regno Unito, della Francia e dell’Olanda affrontano sfide legali simili sull’ammissibilità delle prove di EncroChat. Si ritiene che almeno 20 imputati abbiano presentato denunce all’Investigatory Powers Tribunal del Regno Unito, che dovrebbe pronunciarsi il prossimo anno. Altre sfide legali sono all’esame dei tribunali della corona.

La questione dell’ammissibilità delle prove di EncroChat in Germania dovrebbe essere affrontata dalla Corte suprema tedesca, che sta esaminando una serie di casi relativi a EncroChat. Un verdetto non è previsto fino alla primavera del 2022.

Parlando dopo il verdetto di questa settimana, Christian Lödden, un avvocato della difesa penale che ha familiarità con il caso, ha affermato che il verdetto della Corte Superiore di Berlino è stato debole e poco motivato, date le rigide leggi sulla privacy della Germania.

L’anno scorso, ha affermato che lo stato ha approvato 21 intercettazioni telefoniche tramite malware in tutta la Germania, un numero minuscolo rispetto ai 3.350 telefoni EncroChat in Germania che sono stati hackerati dalla gendarmeria francese. unità criminale informatica, C3N.

“Gli ostacoli per ottenere i mandati per intercettare i telefoni, per entrare nei telefoni e leggere i messaggi, sono davvero alti in Germania. Servono sospetti concreti, persone nominate e forti violazioni penali. Non puoi farlo per ogni reato”, ha detto.

Lödden ha affermato che ogni tribunale regionale in Germania ha avuto almeno un caso EncroChat e che i giudici del paese hanno trattato i casi in modi diversi.

“Alla fine della giornata, la Corte Suprema troverà una decisione definitiva su questa questione legale. È ammissibile? Non è?”

Il caso sarà ora rinviato al tribunale regionale di Berlino dove sarà ascoltato da una nuova serie di giudici.

I procedimenti giudiziari di EncroChat si stanno muovendo lentamente in Germania, ha affermato Lödden.

Primo tribunale a fermare il processo di EncroChat

Il tribunale regionale di Berlino è diventato il primo tribunale in Germania a fermare un processo basato sulle prove della rete telefonica crittografata EncroChat, raccolte attraverso una nuova operazione di hacking condotta dalla polizia francese lo scorso anno in collaborazione con gli olandesi.

Il tribunale trovato il 1 luglio 2021 che anche se l’operazione di intercettazione contro i telefoni EncroChat è legale secondo la legge francese, l’uso dei dati provenienti da dati EncroChat raccolti sul territorio tedesco violava la legge tedesca.

L’operazione di hacking della gendarmeria francese ha posto sotto sorveglianza più di 30.000 utenti di telefoni in 122 paesi, indipendentemente dal fatto che ci fossero prove di criminalità individuale o meno, ha poi stabilito il tribunale.

“Il TAR ritiene incompatibile con il principio di proporzionalità in senso stretto la sorveglianza di 30.000 utenti di EncroChat. Ciò significa che le misure erano illegali”, ha stabilito la corte in una sentenza di 22 pagine.

Decisione annullata

Tale decisione è stata ora ribaltata dalla Corte Suprema di Berlino.

Ha rilevato che, sebbene le misure investigative svolte dai francesi non sembrassero soddisfare i requisiti del diritto tedesco, ciò non vietava ai tribunali tedeschi di utilizzare le conoscenze e le informazioni acquisite dai francesi.

La legge tedesca consente di effettuare la sorveglianza nei confronti di un individuo per recuperare informazioni specifiche solo laddove vi sia un chiaro sospetto di reato da parte dell’individuo sotto sorveglianza.

Ma le prove raccolte dai francesi potrebbero essere utilizzate come una “scoperta accidentale” per perseguire gli utenti tedeschi di EncroChat, ha rilevato la corte.

“Il fatto che non vi fosse alcun sospetto qualificato… al momento del [surveillance measures]…non impedisce l’uso della conoscenza una volta acquisita”, ha affermato.

I tribunali tedeschi non erano autorizzati a mettere in discussione le azioni avviate da altri Stati membri dell’UE che sono legali secondo la propria legge, a condizione che le prove non si basino su una richiesta tedesca di assistenza reciproca, ha affermato il tribunale.

Farlo minerebbe la “fiducia reciproca” tra gli Stati membri.

Il fatto che le misure investigative svolte dai francesi non sembrassero soddisfare i requisiti della legge tedesca per il monitoraggio delle telecomunicazioni e del traffico Internet non ha impedito che le conoscenze acquisite vengano utilizzate in Germania, ha affermato il tribunale.

L’uso di EncroChat fornisce motivi di sospetto

Nella sua decisione di luglio, il tribunale regionale di Berlino ha stabilito che il semplice utilizzo di un telefono crittografato, anche con un alto livello di crittografia, non era indice di criminalità.

Il governo federale tedesco sta incoraggiando attivamente l’uso della crittografia, attraverso l’agenda digitale del governo federale, ed è stato riluttante a obbligare le società di telecomunicazioni e Internet a implementare “backdoor” per consentire al governo di accedere ai dati privati, ha affermato il giudice.

Il semplice possesso di un telefono EncroChat non ha fornito motivi per la sorveglianza, allo stesso modo in cui il possesso di piedi di porco o tronchesi non fornisce motivi sufficienti per un mandato di perquisizione.

Ma nell’ultima sentenza, la Corte Superiore di Berlino ha scoperto che il modo in cui i dispositivi EncroChat sono stati venduti e il loro costo elevato, insieme ad altri risultati degli investigatori francesi, ha fornito motivi di sospetto.

Nel 2017 e nel 2018, la polizia francese ha sequestrato i telefoni EncroChat durante sette indagini indipendenti, tra cui cinque inchieste per reati di droga, furto di veicoli di lusso e altri reati.

Il sito web di EncroChat pubblicizzava i telefoni come “anonimato garantito, una piattaforma Android personalizzata, un doppio sistema operativo, la tecnologia più recente, la cancellazione automatica dei messaggi” e la crittografia hardware.

La società non aveva una sede ufficiale e non aveva personale identificato. Non vendeva telefoni sul suo sito web, ma i telefoni EncroChat erano disponibili su eBay al costo di 1.600 euro per un contratto di sei mesi.

Una “guida” inviata a un rivenditore di telefoni EncroChat australiano ottenuta durante l’operazione di hacking consigliava ai rivenditori di rimanere sotto copertura dalla polizia, di accettare pagamenti per i telefoni utilizzando criptovalute ove possibile ed evitare di attirare l’attenzione.

Gli investigatori francesi hanno preso un’immagine forense di uno dei server EncroChat nel dicembre 2018 e sono stati in grado di decrittare le note crittografate fatte dagli utenti del telefono, che sono state archiviate sul server.

Le informazioni recuperate suggerivano che alcuni utenti fossero coinvolti in attività illegali. La nota di un utente, ad esempio, probabilmente mostrava il suo coinvolgimento nel traffico di droga e la sua capacità di riciclare denaro a Parigi attraverso il Marocco.

Madre patria dietro i diritti umani

“Nel valutare l’ammissibilità dell’uso delle prove, oltre al notevole rischio per la salute pubblica, si deve tener conto anche della minaccia rappresentata dalle strutture della criminalità organizzata promosse e finanziate attraverso il traffico illecito di droga”, ha affermato la Corte Suprema di Berlino. .

Il verdetto ha anche rilevato che il mancato utilizzo di materiale di intercettazione dalla Francia violerebbe il senso di giustizia dei cittadini tedeschi.

“Il mancato utilizzo di informazioni ottenute legalmente su crimini così gravi da parte delle autorità della Repubblica di Francia – membro fondatore dell’Unione Europea e uno dei paesi madri dietro i diritti umani – violerebbe in modo significativo il senso generale di giustizia della legge -popolazione stabile”, ha detto.

La corte ha riconosciuto che le autorità francesi avevano l’obbligo di informare le autorità tedesche che stavano effettuando una sorveglianza sul traffico di telecomunicazioni di persone sul territorio tedesco.

Ma la mancata notifica da parte della Francia alla Germania non vieta lo sfruttamento del materiale di sorveglianza.

“Le autorità tedesche hanno chiarito attraverso la loro ulteriore condotta che non si oppongono alle misure investigative”, ha affermato il tribunale. “Si può presumere che le autorità tedesche avrebbero acconsentito alla sorveglianza degli accusati se fossero state informate”.

Le norme procedurali tedesche non contengono un divieto generale di sfruttamento delle prove ottenute illegalmente, ma consentono al tribunale di valutare le prove, ha affermato la corte.

I dati ottenuti non incidono, per quanto si vede, su alcuna informazione fondamentale relativa alla vita privata di un individuo.

Trasmissione spontanea

La corte ha ritenuto che le autorità tedesche non fossero coinvolte nelle operazioni condotte dalle autorità investigative francesi.

“Piuttosto, i dati ottenuti sono stati inizialmente trasmessi spontaneamente alla polizia tedesca senza previa consultazione”, ha affermato.

Secondo il verdetto del tribunale, quando ha ricevuto i dati ad aprile, la Germania non aveva presentato una richiesta di assistenza legale reciproca per ottenere le informazioni dalla Francia.

Solo due mesi dopo l’inizio dell’operazione di hacking, il 2 giugno, i pubblici ministeri tedeschi hanno presentato una denuncia Ordine europeo di indagine ai francesi, chiedendo formalmente il diritto di utilizzare i dati intercettati da EncroChat.

Tuttavia, è emerso in altri casi giudiziari in Germania che i pubblici ministeri tedeschi hanno partecipato a una riunione presso l’Agenzia dell’Unione europea per la cooperazione in materia di giustizia penale Eurojust all’Aia, per discutere dello sfruttamento dei dati hackerati da EncroChat già a marzo 2020, prima dell’inizio dell’operazione di hacking.

Ciò ha sollevato dubbi sul fatto che la Germania fosse semplicemente un destinatario passivo dei dati ottenuti dai francesi, come suggeriscono i pubblici ministeri.

La decisione era “politica”

Lödden ha affermato che, con l’elezione del nuovo cancelliere che si terrà il mese prossimo, la decisione della Corte Suprema è stata in parte politica.

Il verdetto dell’Alta corte di Berlino secondo cui le prove di EncroChat non potevano essere utilizzate ha portato a critiche sulla stampa, ha detto.

“C’erano molte voci che dicevano che non poteva essere. Perché ogni paese in Europa può accusare i criminali e solo noi, in Germania, non siamo in grado di farlo perché ci nascondevamo dietro le nostre leggi”, ha detto. “Quindi c’è stata molta pressione da parte dell’opinione pubblica”.