May 24, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Inghiottito da una balena: un titolo moderno con sfumature bibliche

In una storia dai toni biblici, un pescatore di aragoste dice che una balena ha cercato di inghiottirlo, ma è riuscito a uscirne vivo.

I tempi di Cape Cod riferisce che il 56enne Michael Packard dice che era sott’acqua quando ha sentito una spinta. Poi le cose sono diventate completamente nere e si è reso conto che una balena stava per inghiottirlo.

“Potevo sentire che mi stavo muovendo e potevo sentire la balena che si stringeva con i muscoli della sua bocca”, ha detto.

All’inizio, Packard pensava che il suo aggressore fosse un grande squalo bianco, ma non aveva subito alcuna ferita grave che i denti affilati come rasoi di uno squalo avrebbero causato. Fu allora che si rese conto di essere nella bocca di una balena.

“Ero completamente dentro; era completamente nero”, ha detto Packard al giornale. “Ho pensato a me stesso, ‘non c’è modo che io esca da qui. Ho finito, sono morto.’ Tutto quello a cui riuscivo a pensare erano i miei ragazzi: hanno 12 e 15 anni”.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Indossando attrezzatura subacquea, ha lottato e la balena ha risposto scuotendo la testa. Poi l’animale riemerse improvvisamente.

“Poi all’improvviso è salito in superficie ed è scoppiato e ha iniziato a scuotere la testa. Sono stato lanciato in aria e sono atterrato in acqua”, ha detto Packard WBZ-TV. “Ero libero e galleggiavo lì. Non potevo crederci… Sono qui per raccontarlo.”

Il capitano Joe Francis, che stava lavorando sul suo peschereccio nelle vicinanze, ha detto alla stazione televisiva di aver assistito alla fuga stretta di Packard.

“Poi ho visto Mike volare fuori dall’acqua per primo con le sue pinne e atterrare in acqua”, ha detto Francis. “Sono saltato a bordo della barca. L’abbiamo alzato, gli abbiamo tolto il serbatoio. L’ho portato sul ponte e lo abbiamo calmato e lui ha detto: ‘Joe, ero nella bocca di una balena’ e ha detto ‘Non posso credere it, ero nella bocca di una balena Joe!'”

Packard in seguito stimò di essere rimasto nella bocca della balena per circa 30-40 secondi.

È stato dimesso da un ospedale locale venerdì pomeriggio con quello che è stato descritto come “un sacco di danni ai tessuti molli”. Packard, un subacqueo con più di 40 anni di esperienza, ha detto al Tempi di Cape Cod sarebbe tornato alle immersioni non appena le sue ferite fossero guarite.

Peter Corkeron, uno scienziato senior del New England Aquarium, ha detto WBZ-TV che quando le megattere si nutrono, “fanno ciò che chiamiamo alimentazione a sorsate, e possono aprire la bocca in modo incredibilmente ampio”.

“È un incidente molto insolito… questo è uno in un – chissà cosa – un trilione di possibilità”, ha detto. “È stato solo abbastanza sfortunato da trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato”.

I social media erano in fermento con la balena di una storia di Packard venerdì con molti inclusi riferimenti alla storia biblica di Giona.

Ci sono somiglianze nella storia del tuffatore di aragoste. Un uomo viene inghiottito, ma non da una balena. La Bibbia dice che Dio ha fornito un pesce enorme per Giona. E invece di stare dentro il pesce per almeno mezzo minuto, Giona rimase dentro il pesce per tre giorni.

Secondo il libro biblico di Giona nell’Antico Testamento, il profeta biblico fu incaricato da Dio di andare a predicare nella città di Ninive. Ma invece di fare ciò che il Signore aveva comandato, Giona fuggì.

“La parola del Signore fu rivolta a Giona figlio di Amittai: “Va’ alla grande città di Ninive e predica contro di essa, perché la sua malvagità è salita davanti a me”.

Ma Giona fuggì dal Signore e si diresse a Tarsis. Scese a Giaffa, dove trovò una nave diretta a quel porto. Dopo aver pagato il biglietto, salì a bordo e salpò per Tarsis per fuggire dal Signore.

Allora il Signore mandò un gran vento sul mare e si levò una tempesta così violenta che la nave minacciò di rompersi. Tutti i marinai ebbero paura e ognuno gridò al proprio dio. E gettarono il carico in mare per alleggerire la nave.

Ma Giona era sceso sottocoperta, dove si distese e cadde in un sonno profondo. Il capitano andò da lui e gli disse: “Come puoi dormire? Alzati e invoca il tuo dio! Forse si prenderà cura di noi in modo che non periremo”.

Allora i marinai si dissero l’un l’altro: “Venite, tiriamo a sorte per scoprire chi è responsabile di questa calamità”. Tirarono a sorte e la sorte cadde su Giona. Così gli chiesero: “Dicci, chi è responsabile di averci creato tutti questi problemi? Che tipo di lavoro fai? Da dove vieni? Qual è il tuo paese? Di che popolo sei?”

Rispose: “Sono ebreo e adoro il Signore, Dio del cielo, che ha fatto il mare e l’asciutto”.

Questo li terrorizzò e chiesero: “Che cosa hai fatto?” (Sapevano che stava scappando dal Signore, perché glielo aveva già detto.)

Il mare diventava sempre più agitato. Allora gli chiesero: “Cosa dobbiamo fare a te per calmare il mare per noi?”

“Raccoglimi e gettami in mare”, rispose, “e si calmerà. So che è colpa mia se questa grande tempesta è venuta su di te”.

Invece, gli uomini hanno fatto del loro meglio per tornare a terra. Ma non potevano, perché il mare diventava ancora più selvaggio di prima. Allora gridarono al Signore: “Ti prego, Signore, non lasciarci morire per aver tolto la vita a quest’uomo. Non ritenerci responsabili dell’uccisione di un uomo innocente, perché tu, Signore, hai fatto come ti è piaciuto”. Allora presero Giona e lo gettarono in mare, e il mare in tempesta si calmò. Allora gli uomini temettero grandemente il Signore e offrirono un sacrificio al Signore e gli fecero voti.

Ora il Signore diede un pesce enorme per inghiottire Giona, e Giona rimase nel ventre del pesce tre giorni e tre notti. Dall’interno del pesce Giona pregò il Signore suo Dio.

Nel versetto 10 di Giona capitolo 2, ci viene detto che Dio disse al pesce di liberarlo: “E il Signore comandò al pesce, ed esso vomitò Giona sulla terraferma.

Allora la parola del Signore fu rivolta per la seconda volta a Giona: “Va’ alla grande città di Ninive e annunzia ad essa la parola che ti do”.

Giona obbedì alla parola del Signore e andò a Ninive». — Giona 1:1 fino a 3:3. (Nuova versione internazionale)