July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Israele rinvia l’ingresso di singoli turisti per un altro mese a causa dell’aumento dei casi di coronavirus Coronavirus

Israele ha deciso di posticipare di un mese l’ingresso dei turisti individuali e vaccinati (quelli che non sono in gruppo), spostando la data al primo agosto.

In precedenza, Israele aveva dichiarato che avrebbe aperto le sue porte ai singoli visitatori vaccinati a partire dal 1 luglio dopo l’apertura a un numero limitato di gruppi di tour a partire da maggio.

Ma dopo un aumento dei casi di COVID questo mese (più di 100 nuovi casi ogni giorno per diversi giorni consecutivi), i funzionari hanno deciso di posticipare il piano.

Adi Aharoni, CEO di Israel Experts, la compagnia turistica che ha vinto la lotteria per portare il primo gruppo di turisti in Israele dopo la pandemia, ha affermato di ritenere che la decisione “danneggerà ulteriormente l’industria del turismo, che è già in uno stato critico. “

“Una media di 10mila israeliani va all’estero ogni giorno, non tutti sono vaccinati e alcuni vanno nei paesi rossi”, ha detto Aharoni a CBN News. Incontrano molti più israeliani quando tornano rispetto a un turista, quindi le loro possibilità di diffondere il virus sono molto più alte, ha detto.

Aharoni ha affermato che ci sono stati “zero nuovi casi” dal programma pilota per consentire ai gruppi di turisti di rientrare nel paese. L’aumento dei casi, ha detto, è stato “causato da israeliani che hanno infranto le regole”.

“Penso che con i termini di soli turisti vaccinati + test PCR noi [are] molto sicuro. Non dovrebbero fermarsi [letting] turisti. Sono sicuro che scopriranno che non saranno diffusori di COVID”, ha aggiunto.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett ha tenuto una discussione con ministri e professionisti del governo sul governo del coronavirus ristabilito sulla diffusione del coronavirus, in particolare sulla variante Delta.

“Il nostro obiettivo in questo momento, prima di tutto, è salvaguardare i cittadini di Israele dalla variante Delta che sta impazzendo nel mondo. Oltre a questo, vogliamo ridurre al minimo i danni alla vita di routine nel paese”, ha affermato Bennett.

“Pertanto, abbiamo deciso di agire il prima possibile, anche adesso, per non pagare un prezzo più alto in seguito, adottando azioni rapide e responsabili. Questo dipende da noi. Se aderiamo rigorosamente alle regole e agiamo in modo responsabile, ce la faremo insieme”, ha affermato.

Bennett ha indirizzato i professionisti del gruppo a basare le proprie decisioni sui dati ea mantenere la massima trasparenza.

Tra le loro decisioni c’è quella di organizzare un’operazione nazionale per vaccinare tutti gli israeliani dai 12 anni in su; raccomandare l’uso delle mascherine negli spazi chiusi; organizzare una campagna di informazione per aumentare gli sforzi di vaccinazione; e aumentando i test.

Per quanto riguarda i viaggi internazionali, è stato deciso che tutti gli israeliani in viaggio all’estero avrebbero dovuto firmare una dichiarazione prima di partire promettendo di non recarsi in paesi ad alto rischio.

Bennett ha visitato l’aeroporto internazionale Ben Gurion di Israele all’inizio di questa settimana. Ha detto che Israele sta trattando l’aumento dei casi come un nuovo focolaio di coronavirus, concentrandosi sulla variante Delta. Ha detto che il tasso di infezione per questa variante ha un tasso di infezione superiore del 50%, anche tra coloro che sono vaccinati.

“Il nostro obiettivo è tagliarlo, prendere un secchio d’acqua e versarlo sul fuoco mentre il fuoco è ancora piccolo. Per interromperlo presto e con forza, ed essere molto trasparente con te, il pubblico israeliano, perché meriti di sapere tutto”, ha detto poi.

Ha detto che ci sono state massicce violazioni della quarantena e ha detto che avrebbero mobilitato circa 270 ispettori per controllare gli israeliani, specialmente quelli di ritorno dall’estero.

Bennett ha incoraggiato gli israeliani a non viaggiare all’estero a meno che non debbano farlo, ma piuttosto a fare una vacanza all’interno del proprio paese quest’estate. (Molti israeliani in genere amano viaggiare all’estero per le vacanze estive.)

“Chi non ha bisogno di andare all’estero, non vada all’estero. Se è essenziale, va bene, ma se non è necessario, viaggia in Israele. Abbiamo un bel paese. Rafforzeremo il turismo interno”, ha esortato Bennett ai suoi connazionali.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***