September 19, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

La Cina rifiuta il piano di studio dell’OMS sulle origini del COVID

La Cina non può accettare il piano dell’Organizzazione mondiale della sanità per la seconda fase di uno studio sulle origini di COVID-19, ha detto giovedì un alto funzionario sanitario cinese.

Zeng Yixin, il vice ministro della Commissione sanitaria nazionale, si è detto “colto di sorpresa” dal piano e, in particolare, dalla teoria secondo cui il virus potrebbe essere trapelato da un laboratorio cinese.

Ha liquidato la teoria come una voce che va contro il “senso comune” e la scienza in una conferenza stampa convocata per affrontare il problema delle origini di COVID-19.

La ricerca delle origini del virus è diventata una questione diplomatica che ha peggiorato le relazioni della Cina con gli Stati Uniti e molti dei suoi alleati.

Gli Stati Uniti e altri affermano che la Cina non è stata trasparente su ciò che è accaduto nei primi giorni della pandemia.

La Cina accusa i critici di politicizzare una questione che dovrebbe essere lasciata agli scienziati.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore generale dell’OMS, ha riconosciuto la scorsa settimana che era prematuro escludere un potenziale collegamento tra la pandemia e una fuga da un laboratorio del governo cinese a Wuhan, la città in cui la malattia è stata rilevata per la prima volta alla fine del 2019.

Zeng ha affermato che il laboratorio di Wuhan non ha virus in grado di infettare direttamente gli esseri umani.

Ha notato che un team di esperti internazionali coordinato dall’OMS che ha visitato il laboratorio all’inizio di quest’anno ha concluso che una perdita di laboratorio era altamente improbabile.

I punti di Zeng sono stati supportati alla conferenza stampa di giovedì dal professor Yuan Zhiming dell’Istituto di virologia di Wuhan.

La maggior parte degli esperti ritiene che il virus sia passato dagli animali agli umani.

Il dibattito altamente politicizzato è incentrato sul fatto che una perdita di laboratorio sia così improbabile che la teoria dovrebbe essere esclusa come possibilità.

La Cina ha spesso cercato di deviare le accuse secondo cui la pandemia ha avuto origine a Wuhan e si è diffusa a causa di primi passi falsi burocratici e un tentativo di insabbiamento.

I portavoce del governo hanno chiesto un’indagine per stabilire se potrebbe essere stato prodotto in un laboratorio militare statunitense, una teoria non molto diffusa nella comunità scientifica.

La Cina ha in gran parte posto fine alla trasmissione locale del virus attraverso blocchi, requisiti di mascheramento e distribuzione di oltre 1 miliardo di dosi di vaccino.

Giovedì sono stati segnalati solo 12 nuovi casi locali e il bilancio delle vittime della Cina per il virus rimane invariato a 4.636.

Tutti i contenuti © copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati