May 24, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

La clinica del Texas si vanta di aver eseguito quasi 70 aborti in 17 ore appena prima che il battito cardiaco Bill diventi effettivo

Una delle più grandi cliniche del Texas si è affrettata a completare ben 67 aborti in sole 17 ore prima dell’attuazione della legge statale sul battito cardiaco, che di fatto mette fuori legge l’aborto.

Notizie del giorno. Viste cristiane. Ascolta e ISCRIVITI al nostro PODCAST

La legge pro-vita è entrata in vigore mercoledì alle 12 e, secondo un report dal sito di notizie di sinistra Il 19, la clinica Whole Woman’s Health di Fort Worth pullulava di pazienti fino a martedì sera.

Marva Sadler, il direttore dei servizi clinici, “ha guardato i pazienti in attesa nella hall, l’elenco dei pazienti in attesa di tornare, ancora più pazienti in attesa fuori in auto circondati da manifestanti – e si è reso conto che potrebbero non arrivare a tutti”, riportato lo sbocco.

Descrivendo la nuova legge come un assalto assoluto ai diritti delle donne, The 19th ha descritto Sadler come la determinazione della clinica necessaria per eseguire “otto aborti all’ora con un solo medico di turno, un ottantenne che lavorava dalle 7 del mattino”

Dal sito web:

Fuori, i canti arrivavano attraverso un megafono, i manifestanti gridavano versi di preghiera e sostenevano che la clinica era troppo piena. Già era stata chiamata la polizia. Il maresciallo dei vigili del fuoco sarebbe venuto due volte per problemi di capacità all’interno della clinica. I dipendenti potevano vedere i manifestanti attraverso le telecamere di sicurezza e attraverso le finestre del piccolo edificio in mattoni.

Ci stanno guardando, pensò Sadler, e stanno vincendo.

All’interno, guardò la sua squadra: otto persone in totale tra i tecnici e il personale del front office, il dottore e tre membri dello staff di una clinica vicina che avevano portato per aiutare. Ha chiesto loro di prendere fiato.

“Non siamo i cattivi qui”, ha detto loro. “Stiamo facendo tutto bene e aiuteremo tutti quelli che possiamo. Se c’è qualcuno che non possiamo aiutare, non è colpa nostra».

L’autore dell’articolo, Chabeli Carrazana, si è concentrato su una donna, una tossicodipendente destinata a scontare una pena detentiva di cinque anni in una settimana. La donna, incinta di 12 settimane, aveva già tre figli a casa e non voleva partorire il quarto figlio mentre era dietro le sbarre.

Carrazana ha riferito che la donna “è caduta in ginocchio sul freddo pavimento di piastrelle di fronte a Sadler, pregandola di prenderla, per eseguire l’aborto”.

Secondo la legge già esistente, però, la donna non poteva ricevere un aborto a causa del periodo di attesa di 24 ore richiesto dallo stato, costringendola ad aspettare fino all’entrata in vigore della legge per interrompere la gravidanza, che a quel punto sarebbe stata illegale.

La nuova legge vieta l’aborto dopo sei settimane, prima ancora che molte donne si rendano conto di essere incinte.

Pochi minuti prima della mezzanotte, la clinica ha terminato il suo ultimo aborto: 67 aborti in sole 17 ore al ritmo di circa quattro aborti all’ora.

Tuttavia, ciò non era abbastanza per Sadler, che, secondo lo sbocco di sinistra, in seguito pensò con tristezza alla donna incinta che presto sarebbe tornata in prigione e desiderava disperatamente un aborto.

“Come [Sadler] ha allontanato dalla clinica”, ha scritto Carrazana, “l’adrenalina della giornata è stata spazzata via da ondate di tristezza e dolore. La consapevolezza che, qualunque cosa facesse, non poteva aiutare tutti”.

Ammettono anche di assaporare le loro azioni, descrivendo i momenti della giornata che si concludono come se fossero molto orgogliosi delle loro realizzazioni, prendendo fiato per “assaporare” il momento.

Poco prima che l’SB 8 entrasse in vigore, alle 23:56, il dottore uscì dalla sua ultima procedura. Gli operatori della clinica hanno raggiunto tutti coloro che erano legalmente autorizzati a curare. In 17 ore, avevano eseguito 67 procedure di aborto. Avevano visto 60 persone che avevano preso farmaci per abortire a casa per confermarlo: sì, il processo era completo e non sarebbero stati lasciati nel limbo.

Per un attimo hanno potuto assaporarlo. Sadler guardò il dottore e gli disse che i medici che avevano la metà della sua età non sarebbero stati in grado di fare quello che faceva lui. Anche se avesse eseguito solo un aborto, sarebbe stata una vittoria, ha detto.

La sinistra nei media ha, negli ultimi giorni, paragonato i cristiani pro-vita negli Stati Uniti ai talebani nell’Afghanistan.

*** Poiché il numero di voci che affrontano la censura delle big-tech continua a crescere, iscriviti a La newsletter quotidiana di Faithwire e scarica il CBN News app, per essere sempre aggiornato sulle ultime notizie da una prospettiva spiccatamente cristiana.***