August 19, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

La famiglia Robertson condivide testimonianze emotive nella nuova serie di video “Disfunzione alla dinastia”

La famiglia Phil Robertson, resa famosa da “Duck Dynasty” della rete A&E, ha una nuova serie in uscita che offre ai fan uno sguardo dietro le quinte durante alcuni dei giorni più bui di Robertson prima di trovare la fede nel Signore.

Durante la serie di otto episodi, “Disfunzione alla dinastia”, Phil Robertson e sua moglie, Kay, parlano del loro matrimonio prima del successo televisivo, mentre altri membri della famiglia raccontano storie sulle loro difficoltà.

La serie ha debuttato il 16 maggio attraverso l’organizzazione no-profit, Sono secondo.

Il figlio maggiore di Robertson, Al, che è anche un pastore, narra la serie. Disse Il Post Cristiano che la famiglia è aperta sulle proprie questioni personali in modo che gli altri possano imparare dai propri errori.

“Qualcuno mi ha detto molto tempo fa che ‘l’esperienza era il miglior insegnante.’ Ma io dico che l’esperienza di qualcun altro è in realtà un insegnante migliore in modo che tu possa imparare. Questa è sempre stata la nostra mentalità “, ha detto Al.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Ha spiegato che I Am Second voleva mostrare una storia generazionale sulla famiglia.

“Era papà, ed è stato il mio fratello più giovane, Jep, e poi è stato Reed, che è il figlio di Jase, quindi abbiamo avuto tre generazioni. Ovviamente, tutti e tre hanno avuto difficoltà, e poi la mamma si è messa in mezzo per parlare di quella.”

Al ha aggiunto: “Semplicemente raccontiamo la storia che, guarda, puoi lottare, e puoi ancora seguire Cristo e farlo bene”, ha detto della serie. “Da allora, abbiamo avuto più storie e più cose da raccontare. Abbiamo scoperto di avere una sorella, Phyllis, che è presente nella nuova serie. Quindi ci siamo sentiti come se ci fossero più storie da raccontare”.

Durante i primi tre episodi, Phil e Kay discutono delle sfide che la famiglia ha dovuto affrontare mentre Phil viveva uno stile di vita spericolato e caotico. Kay descrive anche com’era vivere con il comportamento irregolare di suo marito mentre cresceva i bambini.

“Una delle cose che mi piace davvero di questa serie è che le persone sono state in grado di vedere un aggiornamento su mamma e papà. In un certo senso capisci la storia e sembra brutta, ma era brutta 50 anni fa”, ha sottolineato Al. “Sono stati una coppia fantastica per il Regno per tutti questi anni. Quindi ora puoi vederlo nel film. Ho pensato che l’avessero catturato alla grande, che sono migliori amici e (hanno) tutti questi anni insieme”.

Oltre a concentrarsi sugli alti e bassi del matrimonio di Phil e Kay, altri episodi coprono le sfide matrimoniali di Al e la moglie Lisa insieme ai punti bassi e alle svolte per il figlio Jep e il nipote Reed.

E episodio sette mette in evidenza Phyllis Thomas, la figlia perduta da tempo di Phil per infedeltà.

“Ci è voluto un po’ di tempo prima che il processo si risolvesse. Ma una volta che è diventato evidente che era esattamente chi pensava di essere, allora penso che questo abbia appena aperto la porta”, ha detto Al di Phyllis.

Ha spiegato che l’accettazione di Phyllis da parte di Kay, nonostante le circostanze, dimostra il vero significato del perdono.

“Quando guardo mia madre, che 44 anni prima aveva perdonato mio padre per la vita che aveva condotto, che includeva avere delle relazioni e non esserle fedele, lo intendeva davvero”, Al continuò. “Il motivo per cui sapevo che lo intendeva è perché 44 anni dopo, quando una figlia entra nella nostra vita, l’abbraccia a braccia aperte e dice: ‘Ti amo. Ho sempre voluto una figlia.'”

Al ha aggiunto: “Il perdono, significa qualcosa. L’ho imparato nella mia vita. Lisa e io ne abbiamo parlato nel nostro segmento. L’ho perdonata anni fa per l’infedeltà. E lo intendevo davvero, quindi vivere il perdono significa che tu non siamo più legati dal dolore e dal dolore, ma Dio lo porta via. Lo abbiamo visto alla grande nella nostra famiglia”.

Anche se i membri della famiglia condividono apertamente le loro testimonianze, Al ha detto che è ancora difficile sentire quanto dolore abbiano passato.

“In effetti, papà, dopo aver visto la serie, si è emozionato guardandola. Ha detto nel nostro podcast: ‘Sono solo imbarazzato quando devo ascoltarlo di nuovo da solo.’ E io ho detto: “Beh, papà, siamo tutti imbarazzati. A nessuno di noi piace parlare del nostro passato, dei nostri peccati e dei nostri errori. Ma quando ci rendiamo conto che Dio ci ha redenti, che grande testimonianza per le persone”,” Al ha ricordato.

Nel complesso, Al crede che Dysfunction to Dynasty offrirà speranza a coloro che hanno incontrato difficoltà simili.

“Vedere un ragazzo a cui ammirano, che vedono come un’icona della fede che ha lottato proprio come loro e che non l’ha capito fino all’età di 28 anni, questo porta molta speranza alle persone”, ha concluso Al.

Per guardare la serie in otto parti, fai clic su Qui.