December 3, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

La mente dietro l’acquisizione dei talebani è stata rilasciata da Obama da Gitmo in cambio del disertore degli Stati Uniti

Aggiungendo al danno la beffa, l’uomo che ha aiutato a ideare la rapida conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani, che ha sbalordito il presidente Joe Biden, è stato trattenuto a Guantanamo Bay per 12 anni fino a quando non è stato liberato nel 2014 dall’allora presidente Barack Obama come parte di uno scambio di prigionieri per un disertore americano.

Il New York Post riferisce che Khairullah Khairkhwa, un amico del leader di al-Qaeda Osama bin Laden, era la mente dietro l’offensiva lampo dei talebani che ha riconquistato il paese in soli sette giorni.

Khairkhwa, un mullah talebano, era stato ministro degli interni dei talebani in Afghanistan. È stato catturato dopo gli attacchi terroristici dell’11 settembre a New York City e Washington, DC, ed è stato trattenuto nel sito di detenzione del terrorismo statunitense a Guantanamo Bay (Gitmo) dal 2002 al 2014, secondo Fox News.

Dopo che Khairkhwa e gli altri quattro comandanti talebani sono stati rilasciati da Gitmo in cambio del disertore dell’esercito americano Bowe Bergdahl, sono stati trasferiti in Qatar.

Erano gli unici detenuti classificati come “prigionieri per sempre” ad essere rilasciati senza l’approvazione del comitato per la libertà vigilata, secondo il Inviare.

Infatti, Obama ha rilasciato Khairkhwa e gli altri da Gitmo anche se il Pentagono lo aveva classificato come troppo pericoloso per essere rilasciato.

Il defunto senatore dell’Arizona John McCain aveva criticato il rilascio dei cinque uomini da parte di Obama, dicendo all’epoca a Face the Nation della CBS che “sono i più duri degli irriducibili. Queste sono le persone ad alto rischio”.

Non è noto se l’allora vicepresidente Biden fosse d’accordo con la decisione di Obama di rilasciare i cinque detenuti, ma recentemente ha rilasciato un suo detenuto terrorista di alto valore da Gitmo.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Come CBN News ha riportato alcuni anni fa, subito dopo essere stati liberati, i “Taliban 5” hanno promesso di tornare nel loro paese per combattere gli americani. Sono riusciti a entrare in contatto con alcuni dei loro compagni militanti in Afghanistan e hanno persino usato il Qatar come base per ristabilire il loro regime. Tutti e cinque erano vicini al fondatore della linea dura del movimento radicale talebano islamico, il mullah Mohammed Omar.

Per tutto il tempo, l’amministrazione Obama-Biden ha chiuso un occhio su inquietanti rapporti di intelligence sulle loro azioni, il Inviare rapporti.

Lo scorso febbraio, Khairkhwa ha partecipato ai colloqui con l’inviato afgano del presidente Biden Zalmay Khalilzad a Mosca, dove i rappresentanti talebani hanno negoziato l’accordo finale per il ritiro militare degli Stati Uniti, che avrebbe riportato i talebani al potere dopo due decenni.

“Ho iniziato la jihad per rimuovere le forze straniere dal mio paese e stabilire un governo islamico, e la jihad continuerà fino a quando non raggiungeremo questo obiettivo attraverso un accordo politico”, ha detto Khairkhwa al vertice.

Secondo il Inviare, Khairkhwa ha promesso di non lanciare un’offensiva militare se Biden si fosse impegnato a rimuovere tutte le forze statunitensi. Ha anche promesso che non ci sarebbero state ritorsioni contro gli afgani che avevano lavorato per gli Stati Uniti o per il governo afghano.

Con l’acquisizione del paese completata con successo, ci sono rapporti secondo cui gli estremisti islamici hanno iniziato ad andare porta a porta per uccidere gli afgani che hanno collaborato con gli Stati Uniti

Pur promettendo di essere più moderati nelle sue politiche e di rispettare i diritti delle donne, i combattenti jihadisti hanno sparato e ucciso una donna per non aver indossato il burka in pubblico, secondo Fox News.

Come CBN News riportato a luglio, l’amministrazione Biden ha trasferito Abdullatif Nasser, il suo primo sospettato di terrorismo dal campo di detenzione di Guantanamo Bay in Marocco, come un altro passo verso la chiusura della prigione militare.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha affermato che l’amministrazione di Biden continuerà “un processo deliberato e completo” volto a ridurre la popolazione detenuta a Guantanamo “salvaguardando al contempo la sicurezza degli Stati Uniti e dei suoi alleati”.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato che l’amministrazione sta valutando tutte le opzioni disponibili per trasferire in sicurezza gli ultimi detenuti e chiudere Guantanamo.

Nel suo indirizzo alla nazione lunedì, un ribelle Biden ha difeso con fermezza la sua decisione di ritirare tutte le truppe statunitensi dall’Afghanistan, insistendo sul fatto che dopo due decenni non è più nell’interesse della sicurezza nazionale americana.

“La verità è che questo si è svolto più rapidamente di quanto avessimo previsto”, ha ammesso Biden.