December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

L’allenatore dei Phoenix Suns Monty Williams parla della sua fede cristiana, serve la sua squadra e perdona il pilota che ha ucciso sua moglie

Anche se i suoi Phoenix Suns sono in vantaggio per 2-0 sui Milwaukee Bucks nelle finali NBA, l’allenatore dei Suns Monty Williams potrebbe dirti che la sua fede in Gesù Cristo è la migliore vittoria che porterà al premio finale.

Williams, 49 anni, ha vissuto una tragedia familiare cinque anni fa quando sua moglie Ingrid è morta dopo che un autista sotto l’effetto di metanfetamine, ha attraversato la corsia del traffico e ha investito l’auto di Ingrid con tre dei loro figli a bordo.

Proprio come allora, l’allenatore rimane vocale sulla sua fede e dice che considera i suoi sforzi verso i suoi giocatori come un atto di servizio.

Il sitoweb chiesaleaders.com riferisce che dopo che i Suns hanno sconfitto i Los Angeles Clippers nelle finali della Western Conference, a Williams è stato chiesto come bilancia i ruoli di mentore e supervisore.

“L’essenza del mio allenatore è servire”, ha detto alla conferenza stampa post-partita. “Come credente in Cristo, sono qui per questo. E dico sempre ai miei giocatori, se ti prendo addosso, non ti chiamo fuori; ti chiamo. Hai del potenziale e Devo lavorare fino in fondo per aiutarti a raggiungere quel potenziale”.

I giocatori hanno “abbracciato” quella strategia, ha aggiunto Williams. “Ci è servito bene.”

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

“L’essenza del mio allenatore è servire”, ha detto alla conferenza stampa post-partita. “Come credente in Cristo, sono qui per questo. E dico sempre ai miei giocatori, se ti prendo addosso, non ti chiamo fuori; ti chiamo. Hai del potenziale e Devo lavorare fino in fondo per aiutarti a raggiungere quel potenziale”.

I giocatori hanno “abbracciato” quella strategia, ha aggiunto Williams. “Ci è servito bene.”

Il mese scorso, l’allenatore dei Suns è stato nominato allenatore dell’anno dalla National Basketball Coaches Association, ed è arrivato secondo nella votazione per NBA Coach of the Year, secondo chiesaleaders.com.

Williams può essere ricordato per il suo allenatore, ma è stato il perdono espresso al funerale di sua moglie nel 2016 che ha attirato l’attenzione della nazione. Non ci è voluto molto perché il video del suo toccante elogio a Ingrid diventasse virale.

“Tutti stanno pregando per me e la mia famiglia, il che è giusto. Ma non dimentichiamo che c’erano due persone in questa situazione. E anche quella famiglia ha bisogno della preghiera. E non abbiamo rancore verso quella famiglia”, ha detto.

in an intervista a CBN, Williams ha detto che voleva assicurarsi che i suoi figli capissero il perdono e voleva che anche gli altri lo capissero.

“Nella mia casa abbiamo un cartello che dice: ‘Quanto a me e alla mia casa, serviremo il Signore.’ Non possiamo servire il Signore se non abbiamo un cuore di perdono”, ha detto.

Due anni fa sul Podcast dello spettro sportivo, Williams ha discusso di come ha continuato a confidare in Dio mentre piangeva.

“(Dio) è buono”, ha detto. “Lui mi ama. Passi un momento del genere e tendi a perderlo di vista perché stai male, ma Dio è buono”.

Da allora Williams si è risposato e ha detto di avere “quella speranza di rivedere Ingrid, che è una delle cose più belle della nostra fede”, secondo chiesaleaders.com.

“Essere in grado di condividerlo con i miei figli e Dio che lo usa attraverso di noi per fare qualunque cosa farà nel regno, è una cosa fantastica che non posso perdere di vista”, ha aggiunto l’allenatore dei Suns.

I Suns giocheranno contro i Bucks nella terza partita delle NBA Finals domenica alle 20:00 Eastern su ABC.