September 28, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

L’amministratore di Biden riaprirà il consolato di Gerusalemme per rafforzare i legami palestinesi, Blinken promette milioni di aiuti statunitensi

Il segretario di Stato Antony Blinken ha annunciato martedì che gli Stati Uniti riapriranno il loro consolato a Gerusalemme che è stato chiuso durante l’amministrazione Trump.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha declassato le operazioni del consolato e le ha poste sotto l’autorità del suo ambasciatore in Israele quando ha trasferito l’ambasciata a Gerusalemme.

Ora servirà come ufficio autonomo responsabile delle relazioni diplomatiche con i palestinesi.

Blinken non ha fornito una data precisa per la riapertura del consolato. Ha annunciato il passo dopo un incontro con il presidente palestinese Mahmoud Abbas a Ramallah.

“Sono qui per sottolineare l’impegno degli Stati Uniti a ricostruire il rapporto con l’Autorità Palestinese e il popolo palestinese, un rapporto costruito sul rispetto reciproco e anche sulla convinzione condivisa che palestinesi e israeliani meritano uguali misure di sicurezza, opportunità di libertà e dignità “, ha detto Blinken.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il file App CBN News per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva decisamente cristiana. ***

Blinken è nella regione per aiutare a sostenere il cessate il fuoco adottato la scorsa settimana che ha posto fine a una devastante guerra di 11 giorni tra Israele e il gruppo terroristico palestinese Hamas che ha il controllo su Gaza. I combattimenti hanno ucciso più di 250 persone, per lo più palestinesi, e hanno causato una distruzione diffusa nella Striscia di Gaza, dove Israele ha preso di mira i tunnel dei terroristi e i siti di lancio di razzi di Hamas.

Ha promesso di “raccogliere il sostegno internazionale” per aiutare Gaza dopo la guerra. In seguito ha annunciato quasi 40 milioni di dollari in aiuti ai palestinesi, inclusi 5,5 milioni di dollari in aiuti di emergenza per Gaza. Ciò porta l’assistenza totale degli Stati Uniti ai palestinesi sotto l’amministrazione Biden a oltre 360 ​​milioni di dollari dopo che l’amministrazione Trump ha interrotto quasi tutta l’assistenza a loro per timore che il denaro venisse incanalato nella promozione del terrorismo.

Blinken ha promesso che qualsiasi assistenza sarà tenuta fuori dalle mani di Hamas, che non riconosce il diritto di Israele di esistere e che Israele e gli Stati Uniti considerano un’organizzazione terroristica.

La mossa aiuta a mostrare il sostegno degli Stati Uniti ad Abbas nella sua lotta per il potere contro Hamas. Abbas è a capo dell’Autorità Palestinese sostenuta a livello internazionale, che amministra parti della Cisgiordania occupata ma le cui forze sono state cacciate da Gaza quando Hamas ha preso il potere lì nel 2007.

Blinken deve affrontare gli stessi ostacoli che hanno soffocato un più ampio processo di pace per più di un decennio, comprese le divisioni palestinesi e le tensioni profondamente radicate intorno a Gerusalemme e ai suoi luoghi santi.

L’amministrazione era stata aspramente criticata per la sua percepita risposta iniziale alla violenza mortale dei suoi alleati democratici al Congresso che le chiedevano di adottare una linea più dura nei confronti di Israele. Biden ha ripetutamente affermato il diritto di Israele di difendersi dagli attacchi missilistici da Gaza.

Come CBN News ha riferito, nel suo incontro con Blinken martedì, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto al massimo diplomatico statunitense che sperava che gli Stati Uniti non rinnoveranno l’accordo nucleare con l’Iran e che, se necessario, Israele traccerà la propria rotta.

“Abbiamo anche ribadito che qualunque cosa accada Israele si riserverà sempre il diritto di difendersi da un regime impegnato nella nostra distruzione, impegnato a ottenere le armi di distruzione di massa a tal fine”, ha detto.