February 9, 2023

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Le richieste di disoccupazione negli Stati Uniti scendono a 360.000, un nuovo minimo pandemico

WASHINGTON (AP) – Il numero di americani che chiedono l’indennità di disoccupazione ha raggiunto il livello più basso da quando la pandemia ha colpito lo scorso anno, un’ulteriore prova che l’economia e il mercato del lavoro statunitensi si stanno rapidamente riprendendo dalla recessione della pandemia.

Il rapporto di giovedì del Dipartimento del Lavoro ha mostrato che le richieste di disoccupazione sono diminuite di 26.000 la scorsa settimana a 360.000. Il conteggio settimanale, un proxy per i licenziamenti, è diminuito più o meno costantemente da quando ha superato i 900.000 all’inizio di gennaio.

La ripresa degli Stati Uniti dalla recessione sta procedendo così rapidamente che molti previsori hanno previsto che l’economia si espanderà quest’anno di circa il 7%. Questa sarebbe la crescita annuale più robusta dal 1984.

Il lancio dei vaccini COVID-19 ha ridotto drasticamente i nuovi casi virali, da una media di sette giorni di circa 250.000 all’inizio di gennaio a circa 25.000 di recente, nonostante un recente aumento. Mentre la crisi sanitaria si è ritirata, gli americani rinchiusi sono sempre più usciti dalle loro case, desiderosi di spendere per le cose che avevano perso durante il blocco della pandemia: cene fuori, un giro di bevande, eventi sportivi e di intrattenimento, vacanze e shopping.

In risposta, le aziende si sono affrettate a soddisfare l’inaspettato aumento della domanda dei clienti: stanno pubblicando offerte di lavoro – un record di 9,2 milioni a maggio – più velocemente di quanto possano riempirle. La carenza di lavoratori in molti settori sta inducendo i datori di lavoro ad aumentare i salari e in alcuni casi ad aumentare i prezzi per compensare i loro maggiori costi del lavoro.

L’offerta di potenziali assunzioni è frenata da una serie di fattori. Molti americani hanno ancora problemi di salute nel lavorare con un gran numero di persone. Molte persone, per lo più donne, non lavorano più o non cercano lavoro perché hanno dovuto occuparsi dei bambini quando le scuole e gli asili nido hanno chiuso. E circa 2,6 milioni di lavoratori anziani hanno approfittato dei portafogli azionari ampliati e dei valori delle case per andare in pensione anticipatamente.

Un sussidio federale di disoccupazione temporaneo di 300 dollari a settimana, oltre al regolare aiuto statale per la disoccupazione, che forse consente ad alcune persone di essere più selettive nella ricerca e nell’assunzione di posti di lavoro. Circa la metà degli stati prevede di smettere di pagare il supplemento entro la fine di luglio in quello che dicono i sostenitori è uno sforzo per spingere più disoccupati a cercare lavoro.

“Mentre la vita si normalizza e il settore dei servizi continua a prendere slancio, ci aspettiamo che le richieste di disoccupazione iniziali rimangano in una tendenza al ribasso”, ha affermato Joshua Shapiro, capo economista statunitense presso la società di consulenza Maria Fiorini Ramirez.

Il mese scorso, i datori di lavoro hanno aggiunto ben 850.000 posti di lavoro e la paga oraria è aumentata di un solido 3,6% rispetto a un anno fa, più veloce del ritmo annuale pre-pandemia e prova che le aziende sono costrette a pagare di più per attirare e trattenere i lavoratori. Anche così, gli Stati Uniti rimangono circa 6,8 milioni di posti di lavoro al di sotto del numero che avevano nel febbraio 2020, poco prima che il virus scoppiasse in tutto il paese e paralizzasse l’economia.

E le domande settimanali per i sussidi di disoccupazione rimangono elevate rispetto agli standard storici: poco prima della pandemia, ammontavano a circa 220.000 a settimana. In tutto, 13,8 milioni di americani hanno ricevuto un qualche tipo di sussidio di disoccupazione durante la settimana del 26 giugno, in calo rispetto ai 30,6 milioni dell’anno prima.

Copyright 2021 di The Associated Press. Tutti i diritti riservati.