October 18, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Le scuole spingono i mandati delle maschere per evitare la ripetizione dell'”apprendimento a distanza”

Milioni di bambini stanno tornando a scuola. Per molti, è la prima volta in oltre un anno che si riuniscono di persona, qualcosa che secondo gli esperti medici è molto più salutare per i bambini rispetto all’apprendimento a distanza.

Gli educatori temono, tuttavia, che l’istruzione di persona possa essere interrotta a causa dei diffusi focolai di COVID-19 nelle scuole, nel qual caso i bambini saranno costretti a tornare all’apprendimento a distanza.

Casi pediatrici COVID-19 in aumento

I casi pediatrici di COVID-19 continuano ad aumentare. La scorsa settimana sono stati segnalati più di 204.000 casi di COVID-19 tra i bambini, il secondo più alto mai registrato. Ogni giorno più di 300 bambini vengono ricoverati negli ospedali.

Nel tentativo di ridurre al minimo le infezioni, molti distretti scolastici stanno prendendo in considerazione l’obbligo di mascherine, con alcuni che hanno ricevuto un notevole rifiuto da parte dei genitori che ritengono che le mascherine dovrebbero essere facoltative.

Un sondaggio Gallup mostra che il 48% dei genitori afferma che tutti gli studenti dovrebbero indossare maschere a scuola. Il 41% afferma che a nessuno studente dovrebbe essere richiesto di indossare maschere e l’11% afferma che le maschere dovrebbero essere richieste solo per gli studenti non vaccinati.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

I governatori della Florida, del Texas, dell’Arkansas, dell’Arizona, dell’Iowa, dell’Oklahoma, della Carolina del Sud, del Tennessee e dello Utah hanno messo al bando i mandati delle mascherine scolastiche. Il Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti ha annunciato che sta conducendo un’indagine sui diritti civili in Iowa, Oklahoma, Carolina del Sud, Tennessee e Utah per aver discriminato studenti con sistema immunitario compromesso e altri problemi che rendono gli studenti più vulnerabili alla cattura di COVID-19.

“Sappiamo che la diffusione del COVID si verifica quando non vengono utilizzate le maschere”, ha affermato il segretario alla Pubblica Istruzione Miguel Cardona.

Per ora, il Dipartimento della Pubblica Istruzione sta ignorando stati come Florida, Texas, Arkansas e Arizona, perché stanno già affrontando sfide legali per i loro divieti di mandato di mascheratura.

Dati CDC contestati

Il CDC afferma che, sulla base di dati recenti, i distretti scolastici dovrebbero richiedere mascherine. Tuttavia, alcuni contestano tali conclusioni.

Doug Badger, ricercatore senior di studi di politica interna presso La Fondazione del Patrimonio ha affermato in una dichiarazione che i dati del CDC sono errati, sostenendo che il tasso di infezione tra i bambini nelle scuole con mandato di maschera “non era statisticamente significativo rispetto alle scuole in cui l’uso della maschera era facoltativo”.

L’Associazione Americana di Pediatria hanno aggiornato la loro guida per il ritorno a scuola “che include una raccomandazione che tutti di età superiore ai 2 anni indossino maschere, indipendentemente dallo stato di vaccinazione”.

W. Chris Winter, MD, autore di Il bambino riposato, ha detto a CBN News, sebbene le maschere siano sgradevoli, sono necessarie per i bambini in età scolare in questo momento.

“Eviterà che ogni comunità si diffonda di una variante del virus Delta? Certo che non lo è. Nulla di ciò che sappiamo può. Può rallentare o ostacolare il progresso di qualcosa di simile? Penso che i dati siano assolutamente lì. È non è davvero discutibile”, ha detto, “le maschere funzionano”.

I sostenitori dei mandati delle maschere affermano che le maschere possono fare la differenza tra tenere aperte le scuole e chiuderle a causa di epidemie.

Coloro che si oppongono ai mandati delle maschere affermano che i genitori dovrebbero avere il diritto di decidere cosa è meglio per i propri figli.