October 18, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

L’impatto emotivo spesso trascurato del cancro e come uscirne più forti dall’altra parte

Molti malati di cancro sperimentano traumi emotivi spesso trascurati dal momento in cui viene loro diagnosticata la malattia fino a molto tempo dopo che il loro medico dichiara di essere guariti.

Circa 17 milioni di americani che vivono oggi hanno sconfitto il cancro. Questo è il più alto livello di sopravvivenza della temuta malattia nella storia. Gli oncologi e altri specialisti del cancro si concentrano sul liberare il corpo dalla malattia, ma raramente approfondiscono gli aspetti emotivi di ciò che significa ascoltare la diagnosi devastante, sopportare il trattamento del cancro e convivere con i suoi postumi.

Disturbo da stress post-traumatico da cancro

Uno di questi effetti collaterali è la paura che la malattia possa ripresentarsi ogni volta che un sopravvissuto al cancro avverte il minimo dolore o dolore. Altri includono ansia e depressione che sono emozioni comuni tra i pazienti a cui è stato dato un buono stato di salute. Sfortunatamente, queste emozioni sono raramente affrontate. Alcuni lo chiamano “cancro PTSD”.

Le emozioni traumatiche associate al cancro spesso iniziano con l’impatto iniziale della devastazione originale che un paziente prova sentendo le parole “Hai il cancro”, secondo Cynthia Hayes, un sopravvissuto al cancro che conosce in prima persona l’ampia varietà di emozioni associate alle varie fasi del cancro.

“Per la maggior parte di noi, non abbiamo alcun segno o sintomo”, ha detto Notizie CBN, “E quella diagnosi arriva all’improvviso e ci manda in uno shock istantaneo, nella paura, nel panico e nell’incredulità”.

Un dirigente di marketing di successo, Cynthia pensava di essere in buona salute. Poi un pap test di routine ha rivelato un cancro ginecologico aggressivo.

“Avevo bisogno di un’isterectomia radicale e poi di sei mesi di chemioterapia. È stata un’esperienza molto disorientante”, ha detto.

Fortunatamente, il suo trattamento ha funzionato e i medici le hanno detto che il cancro era sparito. Per Cynthia, tuttavia, le emozioni associate alla diagnosi sono rimaste.

“Torniamo ad avere paura perché, ancora una volta, i nostri corpi ci hanno tradito”, ha spiegato. “Non possiamo fidarci che sapremo se il cancro è tornato”.

Un’esperienza comune

Dopo aver svolto le proprie ricerche coinvolgendo centinaia di sopravvissuti al cancro, nonché oncologi e professionisti della salute mentale, Cynthia ha scoperto di non essere sola.

“Sono rimasta sorpresa dal grado in cui il cancro era una diagnosi emotiva oltre che fisica”, ha detto.

Quella rivelazione ha portato al suo libro più venduto, Il grande calvario: comprendere e gestire il tumulto psicologico del cancro.

“Stiamo tutti lottando con la perdita e un senso di identità che dobbiamo riconquistare mentre usciamo dall’esperienza”.

Una dieta sana aiuta

Per farlo, il tuo corpo ha bisogno di aiuto. La ricerca di Cynthia l’ha portata a scoprire che una dieta antinfiammatoria aiuta a guarire le emozioni. Ciò comporta una dieta ricca di una varietà di verdure e frutta. Un’altra chiave per una dieta antinfiammatoria consiste nel consumare grassi sani come avocado, olio d’oliva e noci.

Mira alle cosiddette proteine ​​”pulite”, come il pesce pescato in natura, così come il manzo e il pollame che sono stati allevati senza mangimi chimici.

Inoltre, cerca di evitare cibi e bevande che possono causare infiammazioni come bibite zuccherate e altri dolci.

Sfortunatamente, la maggior parte degli alimenti trasformati porta a infiammazioni dannose nel corpo. Questo perché la maggior parte degli alimenti confezionati e dei fast food sono realizzati con oli e dolcificanti nocivi. Ci sono oltre 100 diversi tipi di zucchero aggiunti agli alimenti trasformati.

Riduce lo stress

La ricerca di Cynthia l’ha anche portata a comprendere l’importanza della riduzione dello stress quando si cerca di affrontare le emozioni negative associate al cancro.

L’esercizio fisico è un ottimo antistress. Verificare con il proprio medico quale tipo di esercizio è giusto per te durante e dopo il trattamento. A volte aiuta a riprendere gradualmente una routine di esercizi che si adatta al tuo stile di vita. Assicurati di non esagerare all’inizio, il che può portare a lesioni o a volte può sabotare il tuo desiderio di continuare a esercitare. Una camminata veloce quotidiana è spesso tutto ciò di cui una persona ha bisogno per notare gli effetti mentali positivi dell’esercizio.

Un’altra bandiera rossa quando si tratta di stress è tornare al lavoro troppo velocemente o in modo troppo aggressivo. La maggior parte dei malati di cancro dovrebbe tornare alle responsabilità stressanti. Questo a volte richiede disciplina.

“È così facile pensare, ‘Bene ok, ora devo rimediare, sono stato fuori dall’ufficio per sei mesi’ o ‘Non stavo facendo il mio lavoro per casa per un periodo di tempo. devo rimediare'”, ha detto Cynthia.

Ottieni qualche tipo di terapia

Anche parlare attraverso le tue emozioni può aiutare.

“La maggior parte degli ospedali e dei centri oncologici hanno supporto psicosociale, cure di supporto o cure palliative”, ha spiegato Cynthia. “E tutte quelle risorse sono lì per te se le chiedi.”

I malati di cancro possono anche trovare una varietà di gruppi di supporto online. Un numero crescente di chiese fornisce anche ministeri contro il cancro. Discutere le emozioni che hanno a che fare con il cancro ha dimostrato di aiutare i partecipanti non solo a guarire da sentimenti dolorosi, ma Cynthia ha descritto molte persone che in realtà crescono in una persona più forte, sia emotivamente che spiritualmente, di quanto non fossero prima della diagnosi di cancro.

Ha spiegato che molte persone hanno realizzazioni come: “‘Lascerò il mio lavoro, tornerò in chiesa, farò tutto ciò che non ho fatto perché ho ero così concentrato su altre cose, ma ora il cancro mi ha insegnato cosa è importante per me.'”

Sebbene nessuno voglia una diagnosi di cancro, un certo numero di sopravvissuti al cancro afferma che affrontare la morte ha messo la loro vita nella giusta prospettiva ed è diventata la cosa migliore che sia mai capitata loro.