August 19, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

L’olimpionico israeliano è diventato un eroe nazionale dopo aver vinto l’oro nella ginnastica artistica

GERUSALEMME, Israele – Il ginnasta israeliano Artem Dolgopyat è tornato a casa martedì con un benvenuto da eroe dopo aver vinto la prima medaglia d’oro israeliana nella ginnastica artistica.

I tifosi lo hanno accolto all’aeroporto Ben Gurion con acclamazioni e applausi.

“Questo è davvero l’accoglienza più calorosa che abbia mai ricevuto in vita mia”, ha detto. “Voglio piangere per tutta l’emozione, anche più della medaglia. Sto solo scherzando, ma in realtà è anche un momento molto divertente”.

La routine del 24enne gli è valsa un punteggio di 14.933, spingendolo davanti allo spagnolo Rayderley Miguel Zapata, che ha vinto l’argento e al cinese Xiao Ruoteng, che ha preso la medaglia di bronzo.

Dolgopyat ha detto ai giornalisti durante la cerimonia di premiazione che eravamo “senza parole”.

“Non ho fatto la mia routine migliore… ed ero preoccupato che non sarebbe stato abbastanza per una medaglia… ma tutti gli altri erano nervosi e hanno commesso degli errori ed è stato abbastanza”, ha detto.

La vittoria di Dolgopyat ha assicurato a Israele la sua seconda medaglia d’oro olimpica.

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett si è congratulato con Dolgopyat e ha affermato che la sua routine ha portato “immenso orgoglio ed eccitazione a tutto Israele”.

Dolgopyat è stato salutato come un eroe nazionale e ha anche portato alla ribalta un’altra questione chiave: il matrimonio in Israele.

Dopo la sua vittoria, la madre di Dolgopyat si è lamentata in un’intervista che non può sposarsi in Israele perché non è considerato ebreo secondo la legge ortodossa. Il padre della ginnasta di origine ucraina è ebreo, ma sua madre no.

Secondo la legge religiosa ebraica, bisogna avere una madre ebrea per essere considerati ebrei. Tuttavia, secondo la legge israeliana del ritorno, chiunque abbia almeno un nonno ebreo può ottenere la cittadinanza israeliana.

Questa discrepanza significa che a decine di migliaia di israeliani che sono emigrati in Israele e hanno prestato servizio nell’esercito è vietato celebrare matrimoni e funerali rituali ebraici. Invece, devono viaggiare fuori da Israele per sposarsi. Cristiani e musulmani devono anche sposarsi all’interno della loro fede.

I tentativi di legalizzare i matrimoni civili sono ferocemente osteggiati dai potenti partiti ultra-ortodossi israeliani.

Mentre Dolgopyat ha minimizzato la controversia, il ministro degli Esteri israeliano ha affermato che si batterà per legalizzare i matrimoni civili.

“È insopportabile ai miei occhi che qualcuno possa salire sul podio, ascoltare Hatikva e ottenere una medaglia d’oro nel nome di Israele, e poi non essere in grado di sposarsi qui”, ha detto, riferendosi all’inno nazionale di Israele. “È una situazione che non può continuare e lotteremo per il cambiamento”.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***