September 28, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Metà della Gen-Z lascerebbe il lavoro se non gli venisse data un’opzione di lavoro ibrida

Nessuno ha una soluzione definitiva su come sarà il moderno ambiente di lavoro nella nuova normalità post-Covid, ma la maggior parte sarebbe d’accordo sul fatto che le aziende dovranno implementare un modello di lavoro ibrido. Questo è un desiderio particolarmente forte tra i lavoratori della Generazione Z, ma c’è una certa resistenza al lavoro ibrido da parte di alcuni datori di lavoro, ha rilevato un sondaggio di Kettle.

Nel suo studio su Gen-Z e il futuro del posto di lavoro nell’era del coronavirus, l’azienda di tecnologia per spazi di lavoro ha commissionato un sondaggio su oltre 1.000 dipendenti Gen-Z con sede negli Stati Uniti che sono entrati di recente nella forza lavoro.

È emerso che quasi i due terzi (65%) degli intervistati ha affermato il posto di lavoro ibrido, dove le persone hanno la possibilità di lavorare di persona o a distanza, era “importante” quando si considerava un potenziale datore di lavoro.

Mentre quasi il 70% ha affermato che avrebbe scelto un datore di lavoro che offrisse un modello ibrido rispetto a uno che non lo offriva, quasi la metà (47%) dei Gen-Z ha affermato che se il loro datore di lavoro richiedeva il lavoro di persona e non forniva opzioni ibride o remote , avrebbero cercato lavoro altrove. Due terzi degli intervistati (67%) ha affermato a luogo di lavoro ibrido gioverebbe alla salute mentale e al benessere.

Tuttavia, l’indagine ha anche portato alla luce una serie di sfide relative al lavoro ibrido. I primi tra questi erano la comunicazione tra i dipendenti remoti e di persona (28%), la perdita di cultura aziendale (14%) e la garanzia che i dipendenti remoti siano trattati allo stesso modo dei dipendenti di persona (13%). La preoccupazione è che il 53% degli intervistati ritiene che i propri datori di lavoro non siano preparati a implementare modelli ibridi.

“Al di là della flessibilità e della scelta, il lavoro ibrido aiuta i datori di lavoro a rispettare diversi valori chiave della Generazione Z”, ha affermato Nick Iovacchini, CEO e co-fondatore di Kettle, commentando la ricerca.

“L’equilibrio tra lavoro e vita privata è un incentivo fondamentale quando si cerca un lavoro, così come aziende più inclusive e attente all’ambiente. Un luogo di lavoro ibrido controlla tutte queste caselle, consentendo una maggiore diversità nelle assunzioni, contribuendo nel contempo a ridurre l’impronta di carbonio di un’azienda e ottimizzare l’uso dello spazio fisico”.

Un altro problema rivelato è che l’isolamento sociale è una delle principali sfide nel lavoro a distanza. Nello studio, Bollitore ha riscontrato che le maggiori sfide che possono derivare dal lavoro da casa sono state l’isolamento sociale (49%), le distrazioni in casa come l’assistenza all’infanzia e gli animali domestici (45%), le difficoltà a collaborare con i membri del team (39%) e la mancanza di visibilità da parte dei dirigenti alla paura di non essere promossi (37%).

La società ha affermato che mesi di lavoro da casa hanno confermato che, sebbene i dipendenti godano della flessibilità, possono provare sentimenti di isolamento sociale. Ha aggiunto che l’isolamento sociale può essere dannoso per la salute mentale, quindi avere la possibilità di lavorare in un ufficio o in un terzo luogo di lavoro, come un bar o la hall di un hotel, può eliminare i sentimenti di isolamento e fornire una comoda opzione per l’interazione con gli altri in un spazio creativo

“Abbiamo visto come un ambiente di lavoro ibrido aiuta a ridurre i livelli di stress, aumentare la produttività e incoraggiare un equilibrio tra lavoro e vita privata. La nostra salute mentale è importante tanto quanto la nostra salute fisica e l’ibrido aiuta a ridurre i fattori di stress, rendendolo un vantaggio per tutti”, ha aggiunto Iovacchini.

“È fondamentale che i leader siano in grado di pianificare e sapere chi si trova dove e quando. Con una struttura e degli obiettivi adeguati, leader e team possono garantire la continuità tra le riunioni su Zoom, di persona o attraverso modalità miste. Con questa struttura, i membri del team possono sentirsi soddisfatti del loro equilibrio tra lavoro e vita privata e i leader avranno il supporto dei loro team”.