October 18, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

‘Rapid Repeat Second abortions’: un enorme studio rivela che gli aborti finanziati dai contribuenti creano un ciclo di tragedie

Un nuovo studio peer-reviewed su 2.162.600 beneficiari Medicaid in 17 stati con aborto finanziato dai contribuenti statali rivela che la “gravidanza ripetuta rapida” (definita come una seconda gravidanza entro 2 anni) è più comune tra le donne che abortiscono.

Contrariamente alla narrativa promossa dall’industria dell’aborto secondo cui l’aborto allevia i problemi finanziari o personali delle donne incinte, il nuovo studio creato dai ricercatori del Istituto Charlotte Lozier suggerisce che un numero elevato di donne subisce pressioni per avere aborti non desiderati per la prima volta.

“I dati di Medicaid erano coerenti con altri studi che mostravano che fino al 64% delle donne si sente sotto pressione da parte di altri per abortire indesiderate e solo una minoranza di gravidanze abortite è indesiderata”, ha affermato il Dr. David Reardon, autore principale dello studio e Associate Scholar presso Istituto Charlotte Lozier. “Sulla base di questi studi precedenti, la nostra nuova analisi dei dati grezzi di Medicaid suggerisce che quando una donna subisce pressioni per un primo aborto indesiderato, è probabile che quelle stesse condizioni persistano e contribuiscano a ripetere rapidamente un secondo aborto”.

Il documento, intitolato Intervalli ed esiti della prima e della seconda gravidanza nelle donne a basso reddito: uno studio di coorte prospettico longitudinale di record-linkage, è stato recentemente pubblicato online nel Medical Science Monitor sottoposto a revisione paritaria.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

I ricercatori CLI Dr. David Reardon e Christopher Craver hanno studiato gli esiti della gravidanza (nascita viva, aborto o perdita naturale) sperimentati da 2.162.600 iscritti a Medicaid (nati dopo il 1982 e di almeno 14 anni) nei 17 stati in cui il finanziamento dei contribuenti copre l’aborto che ha almeno due esiti di gravidanza tra il 1999 e il 2009.

È stato identificato l’esito di ciascuna gravidanza e sono stati calcolati i tempi e l’intervallo tra l’esito della prima gravidanza e il concepimento della seconda gravidanza.

Principali risultati dello studio:

  • La ripetizione rapida della gravidanza era più comune tra le donne che hanno abortito
  • Il 37,5% delle donne che hanno abortito ha concepito di nuovo entro due anni contro il 25,6% delle donne che hanno subito un aborto spontaneo concepito di nuovo entro due anni
  • L’aborto porta ad altro aborto
  • Il 60% delle donne che hanno abortito la prima gravidanza ha abortito la seconda gravidanza

“L’industria dell’aborto vuole che le donne credano che togliere una vita innocente sia una strategia per la felicità. Questo studio sottoposto a revisione paritaria dimostra ancora una volta che l’aborto non è una strategia, è una tragedia”, ha affermato il presidente della CLI Charles A. “Chuck” Donovan. “Una tragedia per il bambino, sì, ma anche una tragedia per la madre che spesso è costretta ad abortire che non vuole invece di ricevere il sostegno di cui ha bisogno per affrontare veramente la sua situazione personale… sia essa economica, relazionale, temporale o altrimenti.

Donovan ha aggiunto che coloro che sono in dubbio sull’affermazione dello studio devono solo “seguire i dati”.

“L’aborto su richiesta finanziato dai contribuenti spesso estende o esacerba le sfide reali affrontate dalle donne coraggiose che vengono sfruttate da un’industria dell’aborto predatoria”, ha affermato. “I decisori politici pro-choice dovrebbero riconoscere che offrono alle donne una scelta sbagliata e farebbero bene a concentrare le risorse disponibili sul sostegno reale per le donne, compresi i centri di assistenza alla gravidanza, i centri sanitari comunitari e altre risorse basate sulla comunità che possono soddisfare i bisogni sottostanti”.

Lanciato nel 2011 come braccio di istruzione e ricerca di Susan B. Anthony List, il Istituto Charlotte Lozier è un hub per la ricerca e l’analisi delle politiche pubbliche su alcune delle questioni più urgenti che gli Stati Uniti e le nazioni di tutto il mondo devono affrontare. L’istituto prende il nome da un medico femminista noto per il suo impegno per la santità della vita umana e per le pari opportunità di carriera e istruzione per le donne.