July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Russell Brand afferma che democratici, big tech e media “hanno cospirato” nel 2020 in

Il comico e attore Russell Brand questa settimana ha criticato il Partito Democratico, le grandi aziende tecnologiche e le piattaforme di social media, accusandoli di “cospirare” l’anno scorso per sopprimere informazioni sgradevoli sull’allora candidato Joe Biden e suo figlio Hunter.

Brand ha fatto i commenti durante la sua conversazione con il giornalista investigativo Glenn Greenwald, che si è unito all’intrattenitore nel suo podcast, “Under the Skin”.

“I media e i social media hanno cospirato per tenere fuori dai media le informazioni sulla relazione di Joe Biden e Hunter Biden con le società energetiche straniere?” chiese Brand. “La risposta è: sì, l’hanno fatto”.

Si riferiva specificamente alla decisione a cui le mie piattaforme di social media acceleratore e sopprimere un rapporto del New York Post delineando tutta una serie di e-mail dal laptop di Hunter Biden che sollevavano domande sui collegamenti di suo padre con le iniziative commerciali internazionali di suo figlio.

Twitter ha anche bloccato l’account del Post sulla scia della storia.

***Poiché il numero di voci che affrontano la censura delle big-tech continua a crescere, iscriviti a La newsletter quotidiana di Faithwire e scarica il CBN News app, sviluppato dalla nostra casa madre, per essere sempre aggiornato con le ultime notizie da una prospettiva spiccatamente cristiana.***

“Guarda, non sono una persona filo-repubblicana”, ha detto Brand. “Non mi vedo così. Non mi vedo come un conservatore, o che sono in un Trump o Giuliani o istituzioni dei media che riportavano su queste rivelazioni, non sono i miei alleati culturali, sociali o politici. Non è certo così che mi vedo”.

“Tuttavia”, ha continuato, “mi sembra che la ragione sia Hunter Biden? [sitting] nel consiglio di amministrazione di una società energetica in Ucraina? Qual è la ragione di James Biden? [sitting] nel consiglio di amministrazione o ricevere pagamenti da una compagnia energetica in Cina?”

La celebrità ha continuato dicendo: “In un momento in cui parliamo di squallore, corruzione, reati finanziari e relazioni tra aziende, grandi imprese e politici, ammettiamolo: a meno che tu non sia maledettamente stupido, sai che sta andando su tutto il tempo. Quindi, o cambia la situazione, o smettiamola di fingere che i politici aspirino a qualcosa di diverso dal progresso dei propri interessi. E se c’è un sottoprodotto, alcune persone vengono aiutate lungo la strada, beh, allora è fantastico”.

Brand si è detto “triste nel rendersi conto che non posso più nemmeno pretendere di credere che Joe Biden o il Partito Democratico potrebbero essere la risposta perché guarda come si comportano”.

“E guarda le relazioni tra media, social media e quel partito”, ha aggiunto. “Hanno cospirato per tenerti lontano dalle informazioni perché non era conveniente per la loro agenda”.

Dopo le elezioni presidenziali, il CEO di Twitter Jack Dorsey ha ammesso durante un’audizione al Senato degli Stati Uniti che la sua azienda ha commesso “un errore” nel sopprimere il rapporto sulla famiglia di Biden.

“Lo riconosciamo come un errore che abbiamo fatto”, ha detto, “sia in termini di intenzione della politica che anche dell’azione esecutiva di non consentire alle persone di condividerla pubblicamente o privatamente”.