December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Tlaib, AOC intensifica gli sforzi del BDS per punire gli enti di beneficenza statunitensi che aiutano gli israeliani in Giudea e Samaria

I rappresentanti degli Stati Uniti Rashida Tlaib (D-MI) e Alexandria Ocasio-Cortez (D-NY) si sono uniti a cinque dei loro colleghi democratici per chiedere al Tesoro degli Stati Uniti di smettere di concedere lo status di esenzione fiscale alle organizzazioni di beneficenza statunitensi con operazioni in Cisgiordania e Gerusalemme orientale – aree ebraiche conosciute biblicamente come Giudea e Samaria.

È l’ultimo esempio di una strategia globale di sinistra per boicottare, sanzionare e disinvestire (BDS) da qualsiasi organizzazione che aiuta o fa affari con Israele, uno sforzo che molti hanno ritenuto antisemita.

L’AlgemeineSecondo quanto riportato in una lettera del 22 luglio al segretario al Tesoro Janet Yellen, i legislatori democratici hanno espresso la loro “estrema preoccupazione per il fatto che gli enti di beneficenza statunitensi finanzino e forniscano supporto diretto alle organizzazioni israeliane che stanno lavorando per espandere e perpetuare” gli insediamenti ebraici. Affermano che gli enti di beneficenza “sostengono l’espropriazione e lo spostamento forzato dei palestinesi”.

“Siamo preoccupati che queste politiche violino gli obblighi degli Stati Uniti ai sensi del diritto internazionale, così come la legge fiscale federale”, si legge nella lettera.

Tlaib twittato un’immagine della lettera, in cui si affermava: “Sapevi che le organizzazioni che finanziano insediamenti israeliani illegali attualmente ottengono lo status di esenzione fiscale, in chiara violazione del diritto internazionale E della legge fiscale federale degli Stati Uniti? Il Dipartimento del Tesoro @SecYellen deve agire per far rispettare la legge degli Stati Uniti e porre fine a queste organizzazioni 501 (c) (3) status.”

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Le reazioni degli utenti dei social media sono state contrastanti. Un utente ha scritto: “Qualcuno dovrebbe ricordare a Rashida che i suoi elettori vivono a Detroit, non a Ramallah”.

Un altro utente ha risposto: “Qual è il conteggio dei tweet anti-Israele di questa settimana? 104?”

La lettera è stata firmata anche da Ocasio-Cortez e dagli US Reps. Cori Bush (D-MO), André Carson (D-IN), Mark Pocan (D- WI), Ayanna Pressley (D-MA) e Betty McCollum (D -MN).

I Democratici affermano che lo status di esenzione fiscale delle organizzazioni di beneficenza senza scopo di lucro è come un “sussidio” del governo federale per finanziare “gravi violazioni del diritto internazionale”.

La lettera elencava specificamente il Fondo centrale di Israele (CFI) come tra quei gruppi accusati di “alimentare l’espropriazione e lo spostamento dei palestinesi”, così come gli American Friends of Beit El, secondo L’Algemeiner.

I legislatori democratici hanno chiesto a Yellen di fornire ai membri della commissione per gli affari esteri della Camera un elenco di enti di beneficenza americani che operano nel cosiddetto “territorio occupato” e di rispondere alle loro domande entro il 22 agosto.

Come riportato da CBN News il mese scorso, l’attivista palestinese e analista politico Bassem Eid ha sfidato Tlaib e Ocasio-Cortez per le loro dichiarazioni secondo cui Israele è uno stato di apartheid.

“Politici come Omar, Rashida Tlaib e Alexandria Ocasio-Cortez passano molto tempo ad attaccare Israele per il presunto danno che infligge ai palestinesi”, ha detto. “Se si preoccupano veramente del benessere dei palestinesi, dovrebbero concentrare la loro attenzione altrove. In questi giorni, la stragrande maggioranza dell’esperienza dei palestinesi sofferenti è il risultato diretto della corruzione dell’Autorità Palestinese e dell’influenza del gruppo terroristico Hamas.. . Chiedere boicottaggi, sanzioni e la distruzione di Israele non crea un vero cambiamento positivo per i palestinesi”.