December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

“Tu appartieni”: la rete dei sopravvissuti all’aborto prega per la guarigione durante il primo ritiro in assoluto

Diciassette sopravvissute all’aborto hanno condiviso le loro storie personali e pregato l’una per l’altra mentre The Abortion Survivors Network ha tenuto il suo primo ritiro lo scorso fine settimana a Schulenburg, in Texas.

Secondo il di rete fondatore, Melissa Ohden, i partecipanti avevano un’età compresa tra 41 e 76 anni. Sono tutti sopravvissuti ad aborti falliti prima e dopo che la pratica è stata legalizzata a livello nazionale dalla Corte Suprema nel 1973.

I sopravvissuti ad aborti salini, aborti chirurgici (dilatazione e curettage), aborti con aspirazione sottovuoto, induzione pretermine e tentativi di aborto a domicilio si sono riuniti dal 23 al 25 luglio. I partecipanti indossavano una maglietta con la scritta “You Belong” per ricordare che le persone si prendevano cura di loro e li sostenevano.

Karen, una sopravvissuta di 76 anni, ha detto Dal vivo era un “luogo sicuro dove condividere le nostre storie affinché la guarigione avesse luogo” e che era grata per il “cameratismo, l’amore reciproco e la connessione” che sentiva.

“Seduto in una stanza piena di persone che ho appena incontrato, non mi sono mai sentito più come se appartenessi. Non sono solo nelle mie lotte. C’era un’intera stanza che echeggiava, ‘anch’io’. È stata una guarigione per me”, ha detto Denisha, sopravvissuta all’aborto.

Il ritiro si è concentrato sui temi del perdono, dell’identità e del superamento del trauma di sopravvivere a un aborto.

“La maggior parte di queste donne non ha mai condiviso la propria storia pubblicamente o mostrato al mondo la propria faccia. Perché? Ci sono un milione di ragioni per cui, ma ciò che conta è che hanno trovato un posto a cui appartengono”, ha condiviso la rete su Instagram.

Ohden, il fondatore della rete, è anche un oratore e scrittore pro-life.

Lei stessa è sopravvissuta all’aborto e ha condiviso la sua potente testimonianza con La nazione della fede di CBN.

“Quarantatre anni fa, mia madre naturale Ruth è stata costretta ad abortire con un’infusione salina”, ha detto Ohden. “Quel tipo di procedura prevedeva l’iniezione di una soluzione salina tossica nel liquido amniotico che avrebbe dovuto proteggermi nell’utero ma aveva lo scopo di avvelenarmi e ustionarmi a morte”.

Ohden ha spiegato che la procedura per questo tipo di aborto è durata cinque giorni, che è più lunga del solito.

“Non sono riusciti a indurre con successo il travaglio di Ruth e così il quinto giorno, quando finalmente ci sono riusciti, hanno creduto che sarei nato come un aborto riuscito, appena partorito come un bambino deceduto. E quello è il giorno in cui sono nato vivo per caso, ” lei spiegò.

E ha recentemente testimoniato contro il Women’s Health Protection Act durante un’audizione al Congresso. Il disegno di legge consentirebbe l’aborto fino alla nascita, utilizzerebbe i soldi dei contribuenti e rimuoverebbe le restrizioni sull’aborto anche dopo che un feto è ritenuto possibile.

Per saperne di più su The Abortion Survivors Network, fare clic su qui.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***