December 3, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Violenti scontri scoppiano nel quartiere di Gerusalemme al centro della battaglia per lo sfratto

GERUSALEMME, Israele – La violenza è scoppiata giovedì sera tra israeliani e palestinesi nel quartiere orientale di Gerusalemme di Sheikh Jarrah, il sito di una disputa legale che potrebbe portare allo sfratto di decine di palestinesi dalle loro case.

Israeliani e palestinesi si sono lanciati oggetti a vicenda mentre la tensione ribolliva. A un certo punto, un’auto appartenente a israeliani è stata incendiata da manifestanti arabi, riferisce Ynet. Il video mostra israeliani vicino al veicolo in fiamme con le loro pistole estratte, e un uomo ha sparato un colpo in aria.

La polizia è intervenuta per separare i gruppi e ha arrestato 15 persone per aver disturbato la pace e attaccato gli agenti. Erano tutti arabi di Gerusalemme.

I manifestanti pro-palestinesi si sono incontrati per gli iftar notturni – il pasto che i musulmani consumano dopo aver rotto il loro digiuno diurno per il Ramadan – su lunghi tavoli all’esterno. Giovedì, Itamar Ben-Gvir, leader di un partito israeliano di estrema destra, si è unito ad altri israeliani che hanno allestito lunghi tavoli di fronte agli arabi di Gerusalemme.

***Si prega di registrarsi per CBN Newsletters e scaricare il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva decisamente cristiana.***

Sheikh Jarrah è al centro di una disputa sui diritti di terra in cui quattro famiglie palestinesi potrebbero essere sfrattate dalle loro case nelle prossime settimane se la Corte Suprema di Israele non interverrà. Una piccola comunità ebraica viveva nella zona prima del 1948, quando Gerusalemme est cadde sotto il controllo giordano e Israele vinse la sua guerra per l’indipendenza. I querelanti ebrei sostengono che le loro famiglie hanno perso la terra nella guerra, che ha visto anche centinaia di migliaia di arabi palestinesi sfollati dalle loro case.

Le famiglie palestinesi che vivono lì sono rifugiati arrivati a Sheikh Jarrah dopo la guerra d’indipendenza di Israele. Questi palestinesi sostengono di aver acquistato le case dalle autorità giordane che hanno controllato il quartiere dal 1948 al 1967. Le Nazioni Unite hanno raggiunto un accordo con la Giordania negli anni ’50 per aiutare i palestinesi a stabilirsi lì.

Abdelfattah Eskafi, che rischia lo sfratto, vive lì da 65 anni. La sua famiglia è fuggita a Sheikh Jarrah dopo essere stata sfollata durante la guerra d’indipendenza di Israele.

“Abbiamo sentito che l’ONU ci avrebbe costruito una casa. Abbiamo fatto domanda e hanno organizzato una lotteria. Abbiamo vinto e ci siamo aggiudicati una casa lassù”, ha raccontato The Times of Israel.

La Giordania è intervenuta nel caso legale e ha fornito prove e documenti a sostegno delle rivendicazioni dei palestinesi. Israele ha strappato Gerusalemme est alla Giordania nel 1967 con una mossa non riconosciuta a livello internazionale. Ai rifugiati palestinesi che vivono lì sono stati dati i diritti di residenza ma generalmente non la cittadinanza israeliana. I palestinesi vedono Gerusalemme est come la capitale del loro futuro stato e sostengono che gli sgomberi sono una mossa di Israele per cacciarli dalle proprietà che hanno avuto per decenni.

Gli sfratti si basano in parte su una legge israeliana del 1970 che permette agli israeliani di reclamare la terra a Gerusalemme est che era precedentemente abitata dagli ebrei prima del 1948.

“C’è una legge in questo paese. Nessuno è al di sopra della legge. Ognuno ha diritti inviolabili, e a nessuno è permesso di violare i diritti degli altri”, ha detto il vice sindaco di Gerusalemme Aryeh King The Times of Israel. “Così come gli arabi vengono sfrattati, a volte anche gli ebrei vengono sfrattati”.

Nessuna legge simile esiste per i palestinesi che hanno perso le loro case nel 1948 e sono fuggiti in territorio controllato dalla Giordania. I palestinesi sostengono che la legge israeliana è prevenuta contro di loro, lasciando poche speranze di poter vincere la loro causa legale.

Il tribunale distrettuale di Gerusalemme ha stabilito all’inizio di quest’anno che la terra appartiene agli ebrei, citando acquisti di terra di decenni fa.

Per il membro del consiglio comunale di Gerusalemme Yonatan Yosef, un residente della zona, le rivendicazioni della terra vanno ancora più indietro. Il quartiere è sede di un santuario venerato dagli ebrei come luogo di riposo finale di Shimon Hatzadik, un sommo sacerdote del III secolo. Il quartiere è spesso visitato da pellegrini ebrei.

“Per me, la storia inizia migliaia di anni fa, quando Shimon Hatzadik fu sepolto lì. Shimon Hatzadik era un quartiere ebraico, è un quartiere ebraico e rimarrà ebraico”, ha detto.

Nel frattempo, i palestinesi stanno cercando di appellarsi alla decisione della corte distrettuale.

“Queste sono le nostre case dal 1956, siamo nati qui, siamo cresciuti qui, e rimarremo nelle nostre case”, ha detto Muna Kurd The Associated Press. Rischia lo sfratto con i suoi genitori e il fratello.

La Corte Suprema di Israele ha ordinato ad entrambe le parti di raggiungere un compromesso. Se non riescono a raggiungere un accordo, l’alta corte potrebbe decidere se i palestinesi possono appellarsi alla decisione della corte distrettuale. Un appello potrebbe richiedere anni.

La battaglia legale ha ottenuto l’attenzione di Hamas, che martedì ha avvertito che Israele pagherà “un prezzo pesante” se sfratta i palestinesi. “Se l’aggressione contro il nostro popolo nel quartiere di Sheikh Jarrah non si ferma immediatamente, non staremo a guardare”, ha detto Mohammad Deif, un leader dell’ala armata di Hamas.

Il presidente dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas ha detto che porterà la questione davanti al Tribunale penale internazionale.

La controversa battaglia legale arriva in mezzo a tensioni accresciute a Gerusalemme. C’è tipicamente un aumento della violenza intorno al Ramadan, ma c’è stato anche un aumento degli attacchi violenti contro israeliani e palestinesi da parte di estremisti.