October 18, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

“Volevo letteralmente morire”: il pastore divenuto pornostar voleva sfuggire a tutto fino a quando un semplice atto ha frantumato la sua realtà

Joshua Broome voleva morire. Dopo aver raggiunto la fama nell’industria del porno, è caduto in una spirale di confusione, era alla fine di se stesso e credeva di non avere una strada praticabile.

Per Broome, vedere oltre la nebbia del presente sembrava impossibile. Dopo anni di emozioni sepolte, l’ex star del cinema per adulti non è più riuscita a comprimere la sua angoscia e la sua paura.

SOTTOSCRIVI: ASCOLTA ‘PARLIAMO DI PUREZZA’ SULLA RETE PODCAST DI EDIFI

“L’ultima scena che ho fatto, sono sdraiato a letto”, Broome di recente ha detto al podcast “Parliamo di purezza”. “E sto pensando: ‘Voglio morire. Non ho il coraggio di uccidermi, ma come potrei farlo… semplicemente non voglio più vivere. Non c’è futuro, non c’è nessuno che mi sposerà, non c’è datore di lavoro che mi assumerà … sono assolutamente inutile.’”

Ma piuttosto che arrendersi, Broome ha raccolto il coraggio di lasciare l’industria e ricostruire la sua vita ed è ora un marito, padre e pastore, sfidando coraggiosamente le bugie che si è detto nel bel mezzo della sua disperazione.

Broome ha detto di recente “Parliamo di purezza” ospita Richard e Brittni De La Mora sul suo viaggio dentro e fuori dal porno, spiegando che è entrato nel settore come molti altri fanno: attraverso un incontro casuale e passaggi casuali e poi si è ritrovato intrappolato in un ciclo diabolico.

Ascolta la sua storia assolutamente incredibile:

Broome ha iniziato a fare la modella quando era un adolescente e ha deciso di diventare grande in una città come Los Angeles o New York. Si è diretto in California, ma è stato deviato verso il porno dopo aver incontrato qualcuno che lo collegava all’industria.

SCOPRIRE: ASCOLTA I MIGLIORI PODCAST CRISTIANI SU EDIFI

All’inizio era scettico, ma per qualche motivo accettò di esibirsi nel suo primo film per adulti.

“È così bizzarro. Guardando indietro a chi sono e a come mia madre mi ha cresciuto, non so come sono arrivato al punto di dire ‘sì’ a questo”, ha detto Broome. “Tutti sono vulnerabili in un momento. Ero al culmine dell’insicurezza e ho visto un’opportunità e qualcuno ha parlato della mia debolezza ed ero tipo, ‘Certo che lo farò.’”

Dopo che è stato fatto, ha pensato a se stesso: “Cosa ho appena fatto?” Ma per qualche ragione, Broome ha continuato a esibirsi in vari tipi di pornografia negli anni successivi.

“Non so dove siano andati quattro anni”, ha detto.

Ci sono stati segni in tutta la carriera di Broome che hanno esposto la sua battaglia interna su ciò che stava facendo, poiché spesso tornava a casa dopo una sparatoria e una doccia, descrivendo quanto si sentisse “disgustoso”, ma come non fosse in grado di lavare via tutte quelle emozioni.

Broome nascose il suo dolore a chi lo circondava e si ritirò dalla sua famiglia e dai suoi amici, non ricevendo più chiamate da sua madre.

“Ho dovuto mettere su una facciata perché stavo male così tanto”, ha detto Broome. “Volevo letteralmente morire. … Sto facendo tutto il possibile per mascherare quanto sto male”.

LEGGI ANCHE: CHRISTIAN PODCAST CHE AMERAI: LA MIGLIORE APP PER LA FEDE DEL MONDO

Con il progredire del suo dolore, anche la sua carriera è progredita. Broome ha detto che alla fine lavorava 20-25 volte al mese.

“Sono state 20, 25 volte che sono andato a casa e mi sono seduto sotto la doccia e ho semplicemente pregato Dio [who] Non sapevo che avrei semplicemente smesso di respirare”, ha detto. “Non è mai stato un atto intimo. Era una transazione commerciale che avevo bisogno di usare droghe per essere in grado di fare”.

Broome si ritrovò a chiedersi perché fosse così vuoto se avesse tutto ciò che pensava di aver sempre desiderato. Un giorno, però, un incontro casuale con un cassiere di banca cambiò tutto.

“Sono entrato [the bank] e ho consegnato l’assegno alla persona e loro lo hanno depositato “, ha ricordato. “E mentre me ne stavo andando … hanno detto: ‘Joshua, c’è qualcosa che posso fare per te? … Giosuè, posso aiutarti?’”

Fu un momento che sbalordì Broome, poiché era passato molto tempo da quando qualcuno lo chiamava con il suo vero nome. Tutta la sua vita era stata avvolta dalla sua carriera e la sua identità tossica era intrinsecamente legata al suo nome d’arte.

“Ho i brividi, perché ero arrivato al punto in cui… non stavo interagendo con una persona che mi chiamava con il mio vero nome”, ha detto. “Non ho sentito il mio nome. Quando quel cassiere di banca ha detto il mio nome, ha infranto quella che era la mia realtà e mi ha spaventato”.

Broome corse dall’altra parte della strada al suo appartamento e si guardò a lungo allo specchio.

“L’ho appena perso… non vedevo più quell’attore”, ha detto. “Ho visto Joshua Broome.”

Fu improvvisamente sopraffatto dall’emozione, rendendosi conto di tutti i modi in cui aveva abbandonato la sua famiglia e i suoi cari. E, in quel momento, decise di lasciarsi tutto alle spalle.

“Dopo aver pianto e pianto e pianto, ho preso il telefono e ho chiamato tutti quelli che dovevo chiamare e ho detto: ‘Sono fuori'”, ha detto. “In pochi giorni, ero andato.”

Per i successivi due anni, Broome ha cercato di ricostruire una vita per se stesso. Ha iniziato a lavorare in una palestra e inizialmente ha mentito a tutti quelli che ha incontrato sul suo passato. Alla fine, in palestra incontrò una ragazza che gli fece due domande: “Sai chi è Dio?” e ​​”Hai una relazione con lui?”

Broome iniziò a frequentare la chiesa con lei, i due in seguito si fidanzarono e si sposarono. Ora sono genitori amorevoli e Broome, che una volta voleva morire, è pienamente vivo, predica e condivide la fede che ha contribuito a trasformare la sua vita.

“Gesù è morto per me”, ha detto. “È venuto per farmi vivere”.

Ascolta gli altri episodi di “Parliamo di purezza”: