October 18, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Il padre di Britney Spears accetta di porre fine alla tutela

Dopo quasi un decennio e mezzo, il padre della pop star Britney Spears ha chiesto di porre fine alla tutela della figlia, che gli ha conferito il controllo unilaterale sui cordoni della borsa dell’intrattenitore 39enne.

Martedì Jamie Spears ha depositato i documenti necessari presso la Corte Superiore di Los Angeles, secondo The Hollywood Reporter.

“Come il signor Spears ha detto più e più volte, tutto ciò che vuole è ciò che è meglio per sua figlia”, afferma il documento legale. “Se la signora Spears vuole porre fine alla tutela e crede di poter gestire la propria vita, il signor Spears crede che dovrebbe avere questa possibilità”.

Prima che possa andare avanti, però, il giudice Brenda Penny, che sovrintende al caso, dovrà firmare la fine dei 13 anni di tutela.

David Glass, un avvocato certificato di diritto di famiglia non associato alla questione Spears, ha detto a Fox News che, dato che Jamie Spears chiede che “l’intera tutela venga liberata”, farà pressione sul co-conservatore Jodi Montgomery “per spiegare come Britney è ancora malata di mente o andrà d’accordo” con la fine della tutela.

Montgomery ha dichiarato all’inizio di agosto di avere delle preoccupazioni, secondo TMZ, sul “comportamento recente e sulla salute mentale generale” di Britney Spears. A quel tempo, Jamie Spears rivendicava il co-conservatore lo chiamò freneticamente il 9 luglio per dire che Britney Spears stava “sfuggendo al controllo”.

Il deposito di Jamie Spears martedì arriva settimane prima dell’udienza del 29 settembre per una petizione presentata dall’avvocato di Britney Spears per far rimuovere il padre della pop star dalla tutela. Il padre del cantante, va notato, ha segnalato in un documento del 12 agosto che aveva intenzione di dimettersi da conservatore delle finanze di sua figlia, anche se non ha offerto una tempistica su quando la sua autorità sarebbe scaduta.

Britney Spears ha cercato più volte di essere liberata dalla tutela.

È stato fondato nel 2008, quando la cantante di “Gimme More” ha iniziato a lottare pubblicamente con problemi di salute mentale, probabilmente aggravati da un media esagerato che documentava e criticava costantemente ogni sua mossa.

A metà giugno, Britney Spears ha tenuto un discorso appassionato in tribunale implorando di essere liberato dalla tutela, che ha attirato molta attenzione della stampa e ha scatenato il movimento “Free Britney” composto da fan desiderosi di vedere l’intrattenitore riacquistare la piena autonomia sulle decisioni della sua vita.

“Voglio solo indietro la mia vita”, ha detto Britney Spears il 23 giugno. “E sono passati 13 anni, ed è abbastanza. È passato molto tempo da quando ho posseduto i miei soldi. Ed è il mio desiderio e il mio sogno che tutto questo finisca senza essere messo alla prova.

Durante il suo discorso, Britney Spears ha anche chiarito il suo desiderio di prendere le proprie decisioni in merito alle sue cure mediche e terapeutiche, affermando che all’epoca è stata costretta, come parte della tutela, a prendere determinati farmaci e a utilizzare un dispositivo intrauterino per controllo delle nascite contro i suoi desideri.

Jamie Spears, da parte sua, ha chiesto un’indagine giudiziaria su tali affermazioni, rilevando che tali decisioni non erano di sua competenza, dato che si era dimesso da conservatore della persona di sua figlia, una posizione ora ricoperta da Montgomery.

Il deposito di questa settimana rileva che Britney Spears non era a conoscenza di poter presentare la propria petizione per porre fine alla tutela, cosa che non ha ancora fatto. Afferma, tuttavia, che la decisione di Penny di consentire alla cantante di “Oops!… I Did It Again” di assumere il proprio avvocato, Mathew Rosengart, mostra che la corte si fida di Britney Spears per prendere decisioni importanti, aggiungendo che le prove fino ad oggi hanno “dimostrato un livello di indipendenza” da parte dell’intrattenitore.

In un post su Instagram pubblicato questa settimana, Britney Spears ha ringraziato la collega pop star Iggy Azalea per il suo sostegno, scrivendo: “Dio ti benedica e grazie per tutte le tue gentili parole”.

Azalea ha rotto un accordo di non divulgazione all’inizio di quest’anno, quando ha condannato le presunte regole restrittive imposte a Britney Spears come parte della tutela.

Le due intrattenitrici hanno collaborato nel 2015 per la canzone “Pretty Girls”.

“È una decenza umana di base, perlomeno, rimuovere dalla sua vita una persona che Britney ha identificato come abusante”, ha scritto il rapper australiano a luglio. “Questo dovrebbe essere illegale. Durante il periodo in cui abbiamo lavorato insieme nel 2015, ho assistito personalmente allo stesso comportamento che Britney ha descritto nei confronti di suo padre la scorsa settimana e voglio solo sostenerla [and] dillo al mondo: non sta esagerando o mentendo”.

*** Poiché il numero di voci che affrontano la censura delle big-tech continua a crescere, iscriviti a La newsletter quotidiana di Faithwire e scarica il CBN News app per essere sempre aggiornato sulle ultime notizie da una prospettiva spiccatamente cristiana.***