February 9, 2023

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Gli esperti avvertono che hacker informatici, attacchi EMP e tempeste solari potrebbero “annientare il nostro sistema elettrico”

Dai fenomeni naturali agli hack informatici come la massiccia operazione SolarWinds e il recente attacco al gasdotto coloniale, gli esperti di sicurezza avvertono che è chiaro che la maggior parte delle aziende e delle infrastrutture chiave come le reti elettriche in tutto il paese sono tristemente impreparate a far fronte a tali minacce.

“Hanno cercato il nostro gas e sono andati dietro ai nostri hot dog. Nessuno è fuori dai limiti qui. Tutti sono in gioco qui”, ha avvertito Christopher Krebs, ex direttore della sicurezza informatica presso il Department of Homeland Security

Anche i legislatori come il senatore Bob Hall (R-TX) temono che gli hacker possano essere a pochi colpi di distanza dallo spegnere le luci nelle città del nostro paese.

“Siamo certamente vulnerabili su tutta la linea alle minacce naturali e provocate dall’uomo al nostro sistema di rete elettrica che potrebbero renderlo irreparabile nel corso della nostra vita”, ha detto Hall a CBN News.

Hall ha detto che è particolarmente preoccupato per un impulso magnetico elettronico o un attacco EMP contro la rete.

“Si tratta semplicemente di far esplodere una piccola arma nucleare sopra la parte centrale degli Stati Uniti, nel Nebraska, nell’area del Kansas, che creerebbe un impulso da costa a costa, da confine a confine, che annienterebbe totalmente il nostro sistema elettrico”, ha spiegato. .

Il dottor Peter Pry, un ex ufficiale dell’intelligence della CIA, fa parte della task force EMP del Dipartimento della sicurezza interna.

Ha pubblicato un rapporto questa settimana concludendo che la Corea del Nord è ora in possesso di armi EMP così potenti che nessuna rete elettrica potrebbe sopravvivere a un simile attacco.

“La Corea del Nord ha quasi certamente sviluppato armi super EMP”, ha detto Pry a CBN News. “Queste sono armi nucleari specializzate per produrre effetti di impulsi elettromagnetici straordinariamente potenti e la renderebbero, insieme a Russia e Cina, una delle poche nazioni al mondo ad avere queste armi”.

San Antonio, Texas, sta guidando gli sforzi della nazione per difendersi da tali minacce elettromagnetiche.

In collaborazione con la Joint Base San Antonio dell’Aeronautica Militare, Ret. Brigantino. Il generale Guy Walsh, insieme a team di ricercatori, scienziati ed esperti di sicurezza, stanno studiando le vulnerabilità della rete e implementando misure per proteggerle dal rischio di rotture.

Per ovvie ragioni di sicurezza Walsh non divulgherà dettagli specifici, ma afferma che il loro obiettivo è “guardare davvero a tutti i livelli la formazione, l’istruzione e le tecnologie che contribuiranno a rendere la rete elettrica sia resiliente agli attacchi ma anche in grado di riprendersi più rapidamente “, ha detto Walsh a CBN News.

Nel frattempo, gli operatori di rete in alcune regioni del paese stanno anche ascoltando gli avvertimenti per prepararsi a tempeste solari e macchie solari che fanno esplodere particelle nello spazio chiamate Coronal Mass Ejections o CME.

Il gruppo di William Murtagh presso la National Oceanic and Atmospheric Administration o NOAA mantiene una linea diretta con tutte le compagnie elettriche in caso di eruzione geomagnetica.

“Quando vediamo una di queste grandi eruzioni che si verificano nel sole, quella che chiamiamo espulsione di massa coronale, che viene verso la Terra, avviamo questa chiamata alla hotline e mettiamo in comunicazione essenzialmente l’intera rete, i proprietari e gli operatori in tutta la nazione”, Murtagh, che funge da coordinatore del programma presso lo Space Weather Prediction Center della NOAA, ha detto a CBN News.

I ricercatori dell’US Geological Survey hanno pubblicato una mappa lo scorso anno che mostra i sistemi di rete nel Midwest e nella costa orientale che sono particolarmente vulnerabili alle tempeste solari.

Murtagh afferma che gli operatori elettrici ora valutano costantemente le aree di vulnerabilità.

“Se c’è vulnerabilità in alcune apparecchiature, forse possono modificare quell’attrezzatura, la produzione di quell’attrezzatura, per renderla indurita, per renderla più protetta contro una tempesta geomagnetica”, ha detto Murtagh. “Ci sono molte azioni diverse che possono intraprendere per garantire che la rete rimanga attiva e funzionante durante queste grandi tempeste geomagnetiche”.

Tuttavia, la grande sfida è che molti dei sistemi elettrici americani non sono stati progettati o costruiti con l’idea di essere protetti dalle minacce informatiche o dagli attacchi EMP.

“I sistemi stessi sono molto antiquati, sono molto vecchi, la sicurezza è molto difficile da fare su questo tipo di dispositivi e abbiamo visto in precedenti attacchi in cui la Russia si è infiltrata nella nostra rete elettrica da una prospettiva di preparazione militare, il che significa che nel caso ci fosse un conflitto potrebbe avere un impatto sulla nostra rete della Russia”, ha affermato David Kennedy, esperto di sicurezza informatica e fondatore di TrustedSec e Binary Defense Systems.

Kennedy, un ex hacker della NSA, ha affermato che solo alcune di queste reti elettriche sono pronte a gestire il livello odierno di sofisticatezza dell’hacking, in particolare quegli attacchi provenienti dalla Cina.

“La Cina è molto pressante perché ha una visione a lungo termine, è molto concentrata sul furto di proprietà intellettuale e sulle sue capacità militari dal punto di vista della guerra informatica, voglio dire, ce la stanno consegnando qui negli Stati Uniti da un prospettiva di guerra informatica e sono decisamente spaventosi”, ha detto Kennedy a CBN News.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

L’industria energetica è il terzo settore più preso di mira dai criminali informatici, dietro solo alla finanza e alla produzione. E secondo il Dipartimento dell’Energia, gli hacker hanno la capacità di spegnere la rete elettrica americana.

“Ci sono attori molto malvagi che stanno provando, anche mentre parliamo, ci sono migliaia di attacchi di tutti gli aspetti del settore energetico e del settore privato in generale, sta accadendo tutto il tempo”, ha detto recentemente alla CNN il segretario all’Energia Jennifer Granholm.

Un nuovo sondaggio questa settimana del gruppo apartitico Protect Our Power ha rilevato che la maggioranza delle persone sostiene maggiori finanziamenti federali per proteggere la rete elettrica della nostra nazione prima di una potenziale catastrofe.

“Come spesso accade quando affrontiamo sfide o minacce all’orizzonte, è meglio affrontarle prima che colpiscano piuttosto che dopo che colpiscono”, ha detto Jim Cunningham di Protect Our Power a CBN News.