December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Studente di medicina fa causa all’università dicendo che è stato espulso per convinzioni a favore della vita poco prima della laurea

Un ex studente della University of Louisville Medical School ha citato in giudizio la scuola, sostenendo di essere stato espulso a pochi mesi dalla laurea per le sue opinioni pro-vita.

Il filo quotidiano riferisce che Austin Clark ha intentato una causa contro il presidente dell’università Neeli Bendapudi e altri 13 membri dello staff sostenendo che la scuola ha perdonato “comportamenti umilianti e molesti” e lo ha espulso a causa delle sue opinioni pro-vita nel luglio del 2020.

Clark, uno studente di medicina del quarto anno, e un cristiano conservatore era nel consiglio direttivo del suo gruppo di studenti di medicina per la vita. Sostiene che le azioni della scuola siano state una rappresaglia dopo ripetute conversazioni stizzose con i docenti della scuola.

Sostiene che la risposta vendicativa della scuola può essere fatta risalire all’organizzazione di un evento pro-life nel 2018, secondo il gruppo pro-life Studenti per la vita.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

La causa sostiene che la scuola ha tentato di impedire ad Alex McFarland, un oratore cristiano, di fare una presentazione sul tema dell’inizio della vita umana. Molti docenti e studenti della scuola si sono opposti all’evento, che ha portato allo studio legale per i diritti religiosi Alleanza che difende la libertà farsi coinvolgere.

Secondo la causa, un professore avrebbe definito Clark “stupido” e ha persino messo in dubbio il modo in cui il suo “cervello funzionava”.

La causa dell’ex studente sostiene che tali commenti sono spesso “diretti verso studenti e tirocinanti di medicina… un comportamento particolarmente ostile nei confronti degli studenti religiosi e conservatori”.

La causa sostiene anche che dopo l’evento di discorso del campus, gli istruttori hanno iniziato a trattare Clark in modo diverso. Le accuse vanno dalla punizione accademica alle denunce di molestie fisiche che hanno portato a un declino della salute mentale dell’ex studente, secondo Il filo quotidiano.

Fox News riferisce che Clark afferma che la scuola alla fine gli ha dato un voto negativo nel suo corso di medicina interna anche se “oggettivamente” l’ha superato in base al punteggio numerico che ha ricevuto.

L’ex studente sostiene anche che il vicepreside della scuola gli abbia chiesto di firmare un “contratto di professionalità” che non era stato richiesto ad altri studenti di firmare.

“Stanno dicendo che ero poco professionale, ma tutto quello che ho fatto è stato essere uno studente pro-vita, in grado di resistere ai bulli”, ha detto Clark Studenti per la vita.

L’università ha rifiutato di commentare la causa, secondo Fox News.

Sul suo sito web, l’università sostiene di sostenere la tutela della libertà di parola, a meno che i funzionari non sentano che si frappongono.

“UofL supporta un discorso creativo, riflessivo e rispettoso in cui le prospettive contrastanti vengono discusse vigorosamente e discusse a fondo”, si legge nel sito web. “UofL si impegna a offrire a tutti i membri della comunità UofL le protezioni per la libertà di parola, espressione, assemblea, religione e stampa disponibili ai sensi delle costituzioni degli Stati Uniti e del Kentucky e di tutte le leggi federali e statali applicabili, in conformità con lo scopo e la funzione dell’Università, tranne nella misura in cui le limitazioni a tali libertà sono necessarie al funzionamento di UofL.”

La causa è stata presentata il mese scorso, ma è stata modificata la scorsa settimana. Clark, marito e padre di due figli, chiede di reintegrare la facoltà di medicina e di potersi laureare in modo da poter diventare un medico pro-vita, secondo Studenti per la vita.