February 25, 2024

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Keystone XL Pipeline annullata dopo che Biden è rimasto fermo sul permesso

BILLING, Mont. (AP) – Lo sponsor dell’oleodotto Keystone XL ha staccato la spina al progetto controverso mercoledì dopo che i funzionari canadesi non sono riusciti a convincere il presidente Joe Biden a revocare la sua cancellazione del permesso il giorno in cui è entrato in carica.

TC Energy, con sede a Calgary, ha affermato che lavorerà con le agenzie governative “per garantire una chiusura e un’uscita sicure” dalla linea parzialmente costruita, che doveva trasportare il greggio dai giacimenti di sabbia bituminosa del Canada occidentale a Steele City, nel Nebraska.

La costruzione dell’oleodotto di 1.200 miglia (1.930 chilometri) è iniziata lo scorso anno quando l’ex presidente Donald Trump ha rilanciato il progetto a lungo ritardato dopo che era stato bloccato sotto l’amministrazione Obama. Avrebbe movimentato fino a 830.000 barili (35 milioni di galloni) di greggio al giorno, collegandosi in Nebraska ad altri oleodotti che alimentano le raffinerie di petrolio sulla costa del Golfo degli Stati Uniti.

Biden ha annullato il permesso di attraversamento del confine dell’oleodotto a gennaio per le preoccupazioni di vecchia data che bruciare greggio di sabbie bituminose potrebbe peggiorare il cambiamento climatico e renderlo più difficile da invertire.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau si era opposto alla mossa , aumentando le tensioni tra Stati Uniti e Canada. I funzionari dell’Alberta, dove ha avuto origine la linea, hanno espresso frustrazione nelle ultime settimane per il fatto che Trudeau non stesse spingendo più duramente Biden per ripristinare il permesso dell’oleodotto.

L’anno scorso l’Alberta ha investito più di 1 miliardo di dollari nel progetto, dando il via alla costruzione che era in fase di stallo a causa della determinata opposizione alla linea da parte di ambientalisti e tribù di nativi americani lungo il suo percorso.

I funzionari dell’Alberta hanno detto mercoledì di aver raggiunto un accordo con TC Energy, precedentemente noto come TransCanada, per uscire da tale partnership. La società e la provincia intendono tentare di recuperare l’investimento del governo, anche se nessuna delle due ha fornito dettagli immediati su come ciò accadrà.

“Rimaniamo delusi e frustrati dalle circostanze che circondano il progetto Keystone XL, inclusa la cancellazione del permesso presidenziale per l’attraversamento del confine del gasdotto”, ha dichiarato il premier dell’Alberta Jason Kenney in una nota.

La provincia aveva sperato che l’oleodotto avrebbe stimolato un maggiore sviluppo nelle sabbie bituminose e portato decine di miliardi di dollari in royalties per decenni.

Gli attivisti del cambiamento climatico hanno visto l’espansione dello sviluppo delle sabbie bituminose come un disastro ambientale che potrebbe accelerare il riscaldamento globale mentre il carburante viene bruciato. Ciò ha trasformato Keystone in un punto critico nel dibattito sul clima, ed è diventato il fulcro di manifestazioni e proteste a Washington, DC e in altre città.

Gli ambientalisti che avevano combattuto il progetto da quando è stato annunciato per la prima volta nel 2008 hanno affermato che la sua cancellazione segna un “momento fondamentale” nello sforzo di frenare l’uso dei combustibili fossili.

“Buona liberazione a Keystone XL”, ha detto Jared Margolis del Center for Biological Diversity, uno dei tanti gruppi ambientalisti che hanno fatto causa per fermarlo.

Nella riserva di Fort Belknap del Montana, il presidente della tribù Andy Werk Jr. ha descritto la fine di Keystone come un sollievo per i nativi americani che si sono opposti per la preoccupazione che un’interruzione di linea potesse intaccare il fiume Missouri o altri corsi d’acqua.

I procuratori generali di 21 stati avevano fatto causa per annullare la cancellazione del gasdotto da parte di Biden, che avrebbe creato migliaia di posti di lavoro nell’edilizia. I repubblicani al Congresso hanno fatto della cancellazione un punto di discussione frequente nelle loro critiche all’amministrazione, e persino alcuni democratici moderati del Senato, tra cui Jon Tester del Montana e Joe Manchin del West Virginia, avevano esortato Biden a riconsiderare.

Il tester ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione di essere deluso dalla fine del progetto, ma non ha fatto menzione di Biden.

Il senatore del Wyoming John Barrasso, il massimo repubblicano nella commissione per l’energia del Senato, è stato più diretto: “Il presidente Biden ha ucciso il Keystone XL Pipeline e con esso, migliaia di posti di lavoro americani ben pagati”.

Un portavoce della Casa Bianca non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento sull’annuncio di TC Energy. Nel suo ordine di cancellazione del 20 gennaio, Biden ha affermato che consentire alla linea di procedere “non sarebbe coerente con gli imperativi economici e climatici della mia amministrazione”.

Tutti i contenuti © copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati