May 24, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Google Chromebook estratto dalla “sporca dozzina di elenchi” di aziende che propagano lo sfruttamento sessuale

Google ha messo a punto misure questo mese per rendere più difficile la proliferazione dello sfruttamento sessuale sui suoi dispositivi utilizzati dai bambini.

Prima del cambiamento, il Chromebook di Google era presente nella “Dirty Dozen List” pubblicata dal National Center on Sexual Exploitation, un’organizzazione no profit focalizzata sulla lotta contro il traffico sessuale. L’elenco, pubblicato a febbraio, include le grandi società tecnologiche NCOSE che sostiene il profitto dallo sfruttamento sessuale.

“Date le misure di sicurezza che sono state implementate a partire da oggi, abbiamo rimosso Google Chromebook dalla nostra lista della sporca dozzina del 2021”, ha dichiarato Lina Nealon, direttore delle iniziative aziendali e strategiche per NCOSE. una dichiarazione. “I miglioramenti sono stati a lungo ricercati da NCOSE e dai suoi alleati e alla fine limiteranno la quantità di esposizione a contenuti dannosi e potenziali predatori attraverso i Chromebook forniti dalle scuole”.

ASCOLTA IL PODCAST DI OGGI E ISCRIVITI:

Nealon ha proseguito affermando che la decisione di Google “di rendere predefiniti dispositivi e prodotti per la sicurezza per i bambini è ora uno standard del settore e invitiamo altre aziende tecnologiche a seguire l’esempio”.

Google Chromebook — che è stato utilizzato un ottimo affare da studenti minorenni durante la pandemia di coronavirus – è stato inserito nell’elenco per le preoccupazioni che i bambini potrebbero accedere a contenuti sessualmente espliciti.

NCOSE ha sostenuto che il “rifiuto di Google di attivare le funzionalità di sicurezza per i Chromebook distribuiti nelle scuole ha portato innumerevoli studenti a essere esposti a materiale sessualmente esplicito e a predatori sessuali sui dispositivi assegnati dalla scuola”.

“Più di 40 milioni di studenti e insegnanti in tutto il mondo stavano utilizzando questi dispositivi popolari prima alla pandemia”, ha affermato l’organizzazione no profit. “Milioni in più hanno ricevuto Chromebook per l’istruzione virtuale durante il COVID-19. Invece di proteggere in modo proattivo i bambini, questo gigante tecnologico da trilioni di dollari sceglie di porre l’onere su scuole e genitori sopraffatti, lasciando i bambini a rischio. “

Cosa è cambiato?

Jennifer Holland, direttrice della gestione dei programmi educativi di Google, annunciato a fine giugno che la società con sede in California avrebbe messo in atto diverse misure di sicurezza per i Chromebook, a partire da settembre.

In un post sul blog, Holland ha spiegato:

Stiamo lanciando una nuova impostazione di accesso basata sull’età per consentire agli amministratori di personalizzare più facilmente le esperienze per i propri utenti in base all’età quando utilizzano servizi Google come YouTube, Foto e Maps. A partire da oggi, tutti gli amministratori delle istituzioni primarie e secondarie devono indicare quali dei loro utenti, come insegnanti e personale, hanno almeno 18 anni utilizzando unità organizzative o gruppi in Admin Console. Dopo il 1° settembre 2021, gli studenti di età inferiore a 18 anni vedranno cambiamenti nella loro esperienza nei prodotti Google.

Ad esempio, dopo il 1° settembre, gli studenti designati come minori di 18 anni nei domini K-12 possono visualizzare i contenuti di YouTube assegnati dagli insegnanti, ma non potranno pubblicare video, commentare o trasmettere in live streaming utilizzando l’account Google della scuola. Gli amministratori devono assicurarsi che Google Takeout sia attivato in modo che gli utenti finali possano scaricare i propri dati, come i video caricati in precedenza, utilizzando Google Takeout.

Holland ha proseguito affermando che gli amministratori che non sono riusciti a effettuare una selezione entro il 1 settembre, i dispositivi “passeranno tutti per impostazione predefinita all’esperienza di età inferiore a 18 anni, mentre gli utenti degli istituti di istruzione superiore passeranno all’esperienza di età pari o superiore a 18 anni”.

“Queste impostazioni basate sull’età non sono bloccate e gli amministratori possono sempre regolarle in base all’età dei loro utenti”, ha aggiunto.

Dawn Hawkins, CEO di NCOSE, descritto i cambiamenti implementato da Google questa settimana come un “grande passo avanti per la sicurezza dei bambini”, affermando il “fardello per la sicurezza non dovrebbe essere sui bambini” [and] genitori” da soli e che anche le aziende tecnologiche “devono svolgere questo ruolo”.