December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Semi di rinascita in Afghanistan: l’oppressiva governance islamica dei talebani crea “terreno maturo per far crescere la chiesa”

Mentre il nuovo governo talebano stringe la presa sull’Afghanistan, le persone lì vedono chiaramente l’oscurità dell’Islam e corrono verso la luce del Vangelo.

“Come dice Giobbe, nel libro di Giobbe dice: ‘Quando un uomo è in un mucchio per terra, tende la mano a Dio’, così è in mezzo alla disperazione che le anime hanno fame, e così è un momento di opportunità”, racconta Joel Richardson, del Global Catalytic Ministries (GCM). Notizie CBN.

Richardson dice che la storia dimostra che il governo islamico oppressivo porta al risveglio nella Chiesa.

“L’Iran ha la Chiesa in più rapida crescita al mondo. Sette anni dopo la guerra lampo dell’ISIS, c’è un risveglio nel nord della Siria… l’istituzione del governo islamico fornisce un terreno maturo per la crescita della Chiesa”, ha spiegato Richardson.

La Chiesa in Afghanistan è determinata a fare lo stesso.

“Si stanno ancora incontrando attivamente, studiando le Scritture insieme e condividendo il Vangelo. In realtà abbiamo un rapporto di uno dei nostri leader che ha condiviso il Vangelo con i membri talebani che sono venuti nel loro villaggio e si sono effettivamente impegnati nella Bibbia studi e preghiera”, ha detto Richardson.

Mentre sono spesso i rapporti sensazionali che fanno i titoli, come uno recente che affermava falsamente che la Chiesa sotterranea era stata martirizzata, o altri che mettono in luce solo azioni eroiche, Richardson afferma che i cristiani dell’Afghanistan sono solo persone reali che scelgono di vivere la loro fede cristiana.

“Dicono di essere spaventati. Molti di loro sono disperati, ma è in quella debolezza che stanno ancora spingendo in avanti e stanno trovando dolcezza in tutto ciò”, ha detto.

Un cristiano afghano ha recentemente riferito a GCM: “C’è dolore e gioia in questo momento. Dio non se ne è andato. Non c’è bisogno di temere quello che stanno facendo i talebani, sì, possono succederci cose brutte, ma Dio farà qualcosa e glorificate il suo nome».

Richardson teme che questa possa essere la calma prima della tempesta, ma dice che i cristiani si sono sottomessi alla volontà di Dio, qualunque cosa accada.

“Hanno dato il loro futuro, il loro destino, alla volontà di Dio, sapendo che potrebbe portare al martirio. Lo capiscono molto, molto chiaramente, eppure stanno spingendo avanti a prescindere”, ha detto.

La più grande richiesta di preghiera in questo momento è per la protezione divina. Un cristiano di recente ha fatto riferimento a Luca 4:29-30, dicendo: “Si alzarono, cacciarono (Gesù) fuori città e lo portarono sul ciglio del monte, sul quale era costruita la città, per gettarlo giù dal precipizio. Ma passò tra la folla e se ne andò».

Nascondersi a coloro che cercano di far loro del male, mentre continuano ad uscire e a fare discepoli degli uomini. Questo è il desiderio della Chiesa afghana.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***