December 3, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Un raro ritrovamento archeologico suggerisce la vita romana a Gerusalemme dopo la distruzione del Secondo Tempio

Un raro reperto archeologico scoperto nell’antica Città di Davide accenna alla vita romana a Gerusalemme dopo la distruzione del Secondo Tempio ebraico.

Gli archeologi israeliani che stavano scavando lungo il Sentiero del Pellegrino nella Città di Davide hanno portato alla luce una rara lampada a olio in bronzo, sepolta nel muro di un edificio lungo il percorso.

“Dobbiamo ricordare che dopo la distruzione del 70 d.C., l’intera collina della Città di Davide uscì dai confini della città. Non faceva più parte della città, ma l’importanza della zona è di nuovo l’acqua nel Silwan [Siloam] piscina”, ha detto l’archeologo della Israel Antiquities Authority (IAA) Ari Levy.

Il Sentiero del Pellegrino era la strada che collegava la piscina di Siloam al Monte del Tempio ai tempi di Gesù. Ma dopo che il Tempio fu distrutto nel 70 d.C., i Romani continuarono a sorvegliare la strada per poter accedere all’acqua della piscina.

“I Romani stessi costruirono la struttura per custodire l’acqua. Così, abbiamo iniziato a scavare la struttura e all’interno di uno dei muri della struttura, abbiamo trovato la metà di una lampada ad olio in bronzo a forma di maschera teatrale”, ha detto Levy, che conduce lo scavo lungo il Cammino del Pellegrino per l’IAA.

Modellata sulla mitologia romana, la lampada ha la forma di un volto grottesco ed è tagliata a metà.

“La lampada stessa è stata inserita alla struttura stessa, al muro della struttura come deposito di fondazione per dare fortuna e per proteggere la struttura stessa e le persone che vivevano all’interno della struttura”, ha detto Levy a CBN News.

Levy ha detto che la lampada potrebbe essere riempita di olio e accesa ma è raro perché è fatta come una metà di lampada e non hanno trovato l’altra metà.

“Si può, in teoria, prendere l’altra metà e collegarla e apparirà come un volto completo o si può mettere su un muro, solo questa metà e per accenderla”, ha spiegato Levy.

Un’altra scoperta fu che all’interno della lampada c’era il suo stoppino, che era insolitamente conservato.

“Ma questo è più di questo, è molto simbolico, la forma stessa e anche il luogo dove è stato trovato, che gli dà il significato e il simbolismo”, ha detto.

“Le persone che vivevano lì avevano bisogno dell’acqua. Ma avevano bisogno di proteggere la via verso l’acqua, e avevano bisogno di proteggere i protettori”, ha aggiunto. “È molto emozionante. Non troverete una scoperta come questa ogni giorno, non ogni anno, non ogni decennio. È un’occasione unica”.

Secondo Levy, gli archeologi hanno scoperto circa 40 metri (130 piedi) dell’edificio romano e continueranno a scavare, sperando forse di trovare l’altra metà della lampada.