May 24, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

‘Esseri assetati di sangue’: CA Dipartimento di Ed. Citato in giudizio per un curriculum di svezzamento in cui gli studenti pregano gli dei aztechi del sacrificio umano

Il Dipartimento della Pubblica Istruzione della California ha approvato un curriculum in cui gli studenti pregano gli dei aztechi, secondo una causa intentata venerdì dal Società Thomas More.

Le preghiere, secondo lo studio legale nazionale senza scopo di lucro di interesse pubblico, vengono suscitate sotto le spoglie di un curriculum di studi etnici.

La causa è stata intentata presso la California Superior Court per conto della Californians for Equal Rights Foundation e dei singoli contribuenti e genitori di bambini in età scolare. È arrivato dopo che il sovrintendente statale della pubblica istruzione ha scelto di non rispondere a una lettera con richieste legali. La lettera chiedeva alla massima autorità educativa dello stato di ritirare la preghiera azteca dal curriculum.

Come CBN News riportato a marzo, secondo quanto riferito, il curriculum presenta il proprio “canto della comunità di studi etnici” e raccomanda agli insegnanti di guidare gli studenti in una serie di canzoni, canti e affermazioni indigene, tra cui “In Lak Ech Affermation”, che fa appello direttamente agli dei aztechi “, secondo il Diario della città sito web.

La causa descrive in dettaglio il curriculum del modello di studi etnici approvato dal consiglio statale di studi etnici, che include una sezione di “Affermazione, canti ed energizzanti”. Sebbene etichettato come “affermazione”, si rivolge alle divinità sia per nome che per i loro titoli tradizionali, le riconosce come fonti di potere e conoscenza, invoca la loro assistenza e le rende grazie. In breve, la denuncia indica che è chiaramente una preghiera statale.

“Gli Aztechi eseguivano regolarmente atti raccapriccianti e orribili al solo scopo di pacificare e placare gli stessi esseri che le preghiere del curriculum invocano”, ha spiegato Paul Jonna, partner di LiMandri & Jonna LLP e consulente speciale della Thomas More Society. “Il sacrificio umano, il taglio dei cuori umani, lo scuoiamento delle vittime e l’uso della loro pelle, sono una questione di documentazione storica, insieme ai sacrifici di prigionieri di guerra e ad altri atti e cerimonie ripugnanti che gli Aztechi conducevano per onorare le loro divinità. Qualsiasi forma di la preghiera e la glorificazione di questi esseri assetati di sangue nel cui nome sono state compiute orribili atrocità è ripugnante per qualsiasi osservatore ragionevolmente informato”.

Inoltre, il curriculum include la preghiera Ashe dalla religione Yoruba. Yoruba è un antico concetto spirituale che è la radice di molte religioni pagane, tra cui la Santeria e il Vodou o Voodoo haitiano.

In L’articolo del City Journal da marzo, l’editore Christopher F. Rufo descrive il canto ai cinque dei aztechi.

“Gli studenti prima applaudono e cantano al dio Tezkatlipoka, che gli aztechi tradizionalmente adoravano con sacrifici umani e cannibalismo, chiedendogli il potere di essere “guerrieri” per la “giustizia sociale”. Successivamente, gli studenti cantano agli dei Quetzalcoatl, Huitzilopochtli e Xipe Totek, cercando “epistemologie curative” e “uno spirito rivoluzionario”. Huitzilopochtli, in particolare, è la divinità azteca della guerra e ha ispirato centinaia di migliaia di sacrifici umani durante il dominio azteco. Infine, il canto raggiunge il culmine con una richiesta di “liberazione, trasformazione e decolonizzazione”, dopo di che gli studenti gridano “Panche beh! Panche beh!’ alla ricerca della massima “coscienza critica”.

Questi canti hanno un chiaro significato: uno spostamento dal Dio cristiano all’instaurazione di “dei” nativi nella cosiddetta gerarchia della giustizia sociale.

“Sia la Costituzione della California che quella degli Stati Uniti vietano la preghiera nelle scuole pubbliche, in particolare le preghiere redatte da funzionari pubblici”, ha spiegato Jonna. “Riuscite a immaginare se elementi della fede cristiana venissero proposti per essere inclusi nel curriculum della scuola pubblica? E se una classe incorporasse la preghiera alla Beata Vergine Maria, o anche la recita del Padre Nostro? Come verrebbe accolto?”

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***