July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

I talebani tengono in ostaggio 100 americani, bloccano la partenza degli aerei di Glenn Beck: “Uccidere, picchiare le donne, picchiare i bambini”

Gli americani sono tenuti in ostaggio dai talebani, secondo un alto repubblicano al Congresso.

Lo ha detto il rappresentante degli Stati Uniti Michael McCaul (R-Texas) Fox News Sunday i voli vengono trattenuti perché i talebani vogliono che gli Stati Uniti li riconoscano come il governo legittimo dell’Afghanistan.

Newsweek conferma che a più di 100 americani, insieme ad altri 1.500 rifugiati, è stato impedito di partire, anche se erano già sugli aerei all’aeroporto.

I sei aerei privati ​​sono stati noleggiati dall’ospite dei media conservatori cristiani Fondo Nazareno di Glenn Beck e la beneficenza Mercury One, secondo il sito web.

I talebani hanno bloccato i voli dopo un’interruzione dei negoziati con il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, secondo un funzionario di una ONG.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Nel frattempo, i talebani stanno accelerando il loro regno del terrore in Afghanistan, uccidendo e attaccando donne e persino picchiando i bambini.

Qui negli Stati Uniti, gli ultimi gruppi di afgani sono arrivati ​​all’aeroporto Dulles fuori Washington, DC. Probabilmente sono tra gli ultimi ad arrivare dopo che gli Stati Uniti hanno consegnato l’Afghanistan ai talebani islamici radicali.

Uomini, donne e bambini, vecchi e giovani, hanno riempito silenziosamente i posti di blocco di sicurezza e sono saliti sugli autobus uno dopo l’altro, sfuggendo per un pelo al rinnovato regno del terrore dei talebani nel loro paese d’origine.

Una volta che i migranti arrivano all’aeroporto di Dulles, vengono portati alle basi militari in Virginia per completare l’elaborazione. Chi ha bisogno di assistenza, la prenda. Sono i fortunati.

Un numero imprecisato di americani ancora bloccati, insieme a decine di migliaia di alleati afghani, non ha scampo.

Molti di loro stavano aiutando il governo degli Stati Uniti. Una donna scappata all’ultimo minuto con i suoi figli ha chiesto a CBN News di nascondere la sua identità perché teme ritorsioni.

“Stavano uccidendo, picchiando donne, picchiando bambini davanti ai miei occhi”, ha detto. “Stavo vedendo gli stessi talebani che c’erano 20 anni fa. Non sono cambiati. Questa volta sono audaci. Hanno più esperienza. Hanno ancora più esperienza per trovare le persone”.

Persone come suo marito, suo padre e i fratelli che hanno lavorato a fianco del governo degli Stati Uniti per anni sono lasciate indietro senza via d’uscita dal caos e dalla violenza.

“È davvero difficile, e al mattino ti svegli e vedi che hai perso tutto ciò che hai ottenuto in 20 anni”, ha detto la donna. “Non li abbiamo raggiunti facilmente. Abbiamo pagato molto. Abbiamo pagato con le nostre vite”.

Si rammarica anche di non essere stata in grado di onorare il desiderio morente di sua madre.

“Mi ha chiesto di aiutare due delle mie sorelle. Non sono stato in grado di aiutarle. Non sono solo le mie sorelle. Ci sono milioni di donne. Hanno pagato molto. Hanno perso tutto”.

In una corsa contro il tempo, un’organizzazione senza scopo di lucro chiamata Jewish Family Service di Seattle sta cercando di aiutare la sua famiglia e gli altri a mettersi in salvo.

“È molto importante tenere a mente il motivo per cui queste persone si trovano in questa situazione è il loro servizio e il servizio della loro famiglia all’esercito americano”, ha detto il rabbino Will Berkovitz.