May 24, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

In Israele è in corso una massiccia caccia all’uomo per sei prigionieri palestinesi evasi

GERUSALEMME, Israele – È in corso una caccia all’uomo per sei prigionieri palestinesi fuggiti lunedì da un carcere di massima sicurezza vicino al Mar di Galilea.

La polizia israeliana ha istituito posti di blocco in Cisgiordania – la biblica Giudea e Samaria – e ha schierato droni, elicotteri e pattuglie alla ricerca degli uomini.

La Radio dell’esercito israeliano ha detto che i prigionieri sono evasi dalla prigione di Gilboa attraverso un tunnel e hanno spostato 400 prigionieri come misura di protezione contro eventuali ulteriori tentativi di fuga.

I media israeliani hanno riportato diversi errori commessi dai funzionari della prigione che hanno contribuito alla fuga. Ad esempio, il progetto della prigione era disponibile online, la guardia della torre di guardia dormiva durante l’intero incidente e i funzionari della prigione non avevano segni di scavo proprio sotto il loro naso.

Il ministro della pubblica sicurezza Omer Barlev ha affermato che la fuga è stata pianificata in modo approfondito e che i prigionieri probabilmente hanno avuto “assistenza esterna”.

I fuggitivi potrebbero aver organizzato un veicolo per la fuga e si ritiene che siano diretti verso la loro città natale di Jenin, che si trova a 15 miglia di auto dalla prigione.

Gli uomini sono considerati altamente pericolosi. Cinque di loro sono membri del gruppo terroristico della Jihad islamica palestinese e quattro stavano scontando l’ergastolo per attacchi contro israeliani.

I funzionari della sicurezza temono che gli uomini possano tentare di compiere un attacco. Barlev ha detto che non crede che un attacco sia probabile, “ma io non sono un profeta e stiamo prendendo in considerazione tutte le possibilità”.

La fuga è la più grande evasione del suo genere da decenni ed è avvenuta poche ore prima dell’inizio delle celebrazioni in Israele per Rosh Hashanah, il capodanno ebraico.

I palestinesi considerano i prigionieri detenuti in Israele degli eroi e molti hanno celebrato la loro fuga sui social media. Il partito Fatah del presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas ha elogiato la fuga.

Nel frattempo, centinaia di sostenitori della Jihad islamica palestinese si sono radunati a Gaza e il gruppo ha inviato palloni incendiari in Israele a sostegno dei prigionieri fuggiti.

“Questo è un grande atto eroico, che causerà un grave shock al sistema di sicurezza israeliano”, ha affermato Daoud Shehab, portavoce della Jihad islamica.

Aerei da guerra israeliani hanno preso di mira un sito di produzione di missili di Hamas e un complesso militare in rappresaglia per gli attacchi incendiari.

La fuga pone un dilemma per Abbas, che è già profondamente impopolare tra i palestinesi. Il suo governo si coordina con Israele per prendere di mira i sospetti terroristi in Cisgiordania, ma qualsiasi sforzo per aiutare Israele a catturare i prigionieri evasi rischia di minare ulteriormente l’Autorità Palestinese agli occhi dei palestinesi.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***