December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Inizia il processo a 20 sospetti dell’ISIS, accusati di aver ucciso 130 persone nel 2015 Paura di terrore a Parigi

PARIGI (AP) – In un complesso sicuro costruito su misura all’interno di un tribunale del XIII secolo, la Francia ha iniziato mercoledì il processo contro 20 uomini accusati degli attacchi del gruppo dello Stato Islamico del 2015 a Parigi che hanno causato 130 morti e centinaia di feriti.

Gli imputati sono stati condotti uno ad uno in una teca di vetro a lato dell’aula, circondati da ufficiali armati.

Nove uomini armati e attentatori suicidi hanno colpito a pochi minuti l’uno dall’altro allo stadio nazionale di calcio francese, alla sala concerti Bataclan e ai ristoranti e caffè di Parigi il 13 novembre 2015. I sopravvissuti agli attacchi e coloro che piangono i loro morti hanno riempito le stanze, che sono stati progettati per contenere 1.800 querelanti e oltre 300 avvocati.

L’unico sopravvissuto della cellula estremista di quella notte, Salah Abdeslam, è l’imputato chiave. Abdeslam è apparso indossando una maglietta nera a maniche corte e pantaloni neri.

Gli imputati sono stati chiamati in ordine alfabetico e Abdeslam è stato il primo e gli è stato chiesto di identificarsi.

Richiesto di dichiarare la sua professione, Abdeslam ha affermato che la sua “ambizione è quella di diventare un combattente per lo Stato islamico”.

Il processo è iniziato quasi un’ora dopo il previsto. Nessun motivo per il ritardo è stato immediatamente fornito.

Abdeslam è l’unico accusato di omicidio. La stessa rete IS ha continuato a colpire Bruxelles mesi dopo, uccidendo altre 32 persone.

Dominique Kielemoes, il cui figlio è morto dissanguato in uno dei caffè quella notte, ha affermato che il mese dedicato alle testimonianze delle vittime al processo sarà cruciale sia per la loro guarigione che per quella della nazione.

“Gli assassini, questi terroristi, pensavano di sparare sulla folla, su una massa di persone. Ma non era una massa: erano individui che avevano una vita, che amavano, avevano speranze e aspettative, e di cui dobbiamo parlare al processo. È importante”, ha detto.

Venti uomini sono accusati, ma sei di loro saranno processati in contumacia. Abdeslam, che ha abbandonato la sua auto a noleggio nel nord di Parigi e ha scartato un giubbotto suicida malfunzionante prima di fuggire a casa a Bruxelles, si è rifiutato di parlare con gli investigatori. Ma ha le risposte a molte delle restanti domande sull’attacco e sulle persone che l’hanno pianificato, sia in Europa che all’estero.

La moderna aula del tribunale fu costruita all’interno del leggendario Palazzo di Giustizia del XIII secolo a Parigi, dove Maria Antonietta ed Emile Zola furono processati, tra gli altri.

Per la prima volta, le vittime possono anche avere un collegamento audio sicuro per ascoltare da casa, se lo desiderano, con un ritardo di 30 minuti.

Il processo dovrebbe durare nove mesi. Il mese di settembre sarà dedicato alla disposizione della polizia e delle prove forensi. Ottobre sarà dedicato alla testimonianza delle vittime. Da novembre a dicembre testimonieranno funzionari tra cui l’ex presidente francese François Hollande, così come i parenti degli aggressori.

Abdeslam sarà interrogato più volte. Finora si è rifiutato di parlare con gli investigatori.

Gli attacchi hanno trasformato la Francia, che quella notte ha dichiarato lo stato di emergenza e ora ha ufficiali armati che pattugliano costantemente gli spazi pubblici. E ha cambiato per sempre la vita di tutti coloro che hanno subito perdite o hanno testimoniato la violenza quella notte.

“La nostra capacità di essere spensierati è sparita”, ha detto Kielemoes. “Il desiderio di uscire, viaggiare – tutto questo è sparito. Anche se facciamo ancora un certo numero di cose, il nostro appetito per la vita è scomparso».

Per Jean-Luc Wertenschlag, che vive sopra il caffè dove è morto suo figlio e che si è precipitato al piano di sotto subito dopo i primi colpi di pistola per cercare di salvare vite umane, è persino cambiato il modo in cui si muove nella città in cui è nato e cresciuto. Non esce mai di casa senza l’attrezzatura di pronto soccorso che gli mancava quella notte in cui si è strappato la maglietta per fermare l’emorragia di una vittima.

“Quello che abbiamo fatto quella sera con altre persone, per fornire assistenza alle persone ferite durante l’attacco, è stato un modo per opporci a ciò che questi mostri avevano cercato di farci”, ha detto.

Nessuno degli atti sarà trasmesso in televisione o ritrasmesso al pubblico, ma saranno registrati a fini di archiviazione. La registrazione video è stata consentita solo per una manciata di casi in Francia considerati di valore storico, incluso il processo dello scorso anno per gli attacchi del 2015 contro il quotidiano Charlie Hebdo a Parigi e un supermercato kosher.

Copyright 2021 The Associated Press. Tutti i diritti riservati.