December 9, 2021

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Statua di Robert E. Lee abbattuta nell’ex capitale confederata di Richmond

La statua del generale confederato Robert E. Lee è stata rimossa dal suo piedistallo mercoledì nell’ex capitale confederata di Richmond, in Virginia, dove si trovava dal 1890.

La scultura in bronzo di 21 piedi di altezza di Lee si trovava in cima a un piedistallo di granito alto quasi il doppio, che torreggiava sopra Monument Avenue. È stato l’ultimo monumento confederato a essere rimosso dal viale, che un tempo ospitava i memoriali del generale confederato JEB Stuart, del presidente confederato ed ex segretario alla Guerra degli Stati Uniti Jefferson Davis, del generale Stonewall Jackson e di Matthew Fontaine Maury.

La figura di Lee a cavalcioni del suo amato cavallo Traveler è stata abbassata a terra dopo che un operaio edile che allacciava i finimenti intorno alla figura ha alzato le braccia in aria e ha contato: “Tre, due, uno!” alle grida di giubilo di centinaia di spettatori.

Gli operai hanno usato una sega elettrica per tagliare in due la scultura lungo la vita del generale in modo che possa essere trasportata sotto i cavalcavia dell’autostrada fino a una struttura statale sconosciuta fino a quando non verrà presa una decisione sul suo futuro.

“Qualsiasi residuo come questo che glorifichi la causa persa della guerra civile, deve essere abbattuto”, ha detto il governatore Ralph Northam (D), che lo ha definito “si spera che un nuovo giorno, una nuova era in Virginia”. Il democratico ha affermato che la statua rappresenta “più di 400 anni di storia di cui non dovremmo essere orgogliosi”.

Sharon Jennings, una donna afroamericana nata e cresciuta a Richmond, ha detto all’Associated Press di aver avuto sentimenti contrastanti nel vederlo andare.

“È una buona giornata ed è una giornata triste allo stesso tempo”, ha detto Jennings, 58 anni. “Non importa di che colore sei se ti piace davvero la storia, e capisci cosa è stata questa strada per tutta la tua vita e sei cresciuto così».

“Ma quando invecchi, capisci che ha bisogno di scendere”, ha aggiunto.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Ora l’unica statua rimasta sul viale onora Arthur Ashe, un tennista afroamericano di fama mondiale e figlio di Richmond. Anch’essa è stata vandalizzata in una certa misura durante le proteste dello scorso anno, ma è ancora in piedi.

Dopo la morte di George Floyd, tutti i monumenti confederati della città e della nazione sono diventati fonte di controversie. Così hanno fatto le statue di personaggi storici centrali come George Washington, Abraham Lincoln e persino Lewis e Clark.

Ma a Richmond, l’area intorno alla figura di Lee è diventata un centro di proteste e scontri occasionali tra polizia e manifestanti.

Northam aveva ordinato la rimozione della statua nel giugno del 2020, ma ne è seguita una battaglia legale da parte di residenti e organizzazioni del patrimonio, che alla fine è stata decisa dalla Corte Suprema della Virginia. L’alta corte ha stabilito che i patti restrittivi di oltre 100 anni fa non erano più applicabili e lo statuto poteva essere rimosso dallo stato.

Il sindaco di Richmond Levar Stoney ha usato il suo potere esecutivo per rimuovere gli altri monumenti confederati.

“Ho dato questo ordine per due motivi”, ha detto Stoney Notizie CBN nel luglio del 2020. “Prima per una questione di sicurezza pubblica. La seconda ragione per cui agisco oggi è perché è passato il tempo. Come capitale della Virginia, abbiamo dovuto voltare pagina per decenni e oggi lo faremo”.

Anche uno dei discendenti di Lee credeva che fosse giunto il momento di collocare la somiglianza in bronzo del suo antenato in un museo. Robert E. Lee V, il pronipote di Lee, ha detto Newsweek nel 2017 che il suo antenato non credeva nel tipo di messaggio predicato dai suprematisti bianchi, il Klu Klux Klan, o i neonazisti di oggi.

“La nostra convinzione è che nemmeno il generale Lee tollererebbe questo tipo di comportamento. La sua prima cosa da fare dopo la guerra civile è stata quella di riunire l’Unione, in modo da poter diventare un paese più unificato”, ha detto.

Lee ha detto che le statue dovrebbero essere spostate in un museo e inserite nel giusto “contesto storico”.

ANALISI

Sul suo Canale di notizie CBN serie La corsia globale, ha aggiunto anche Gary Lane di CBN News qualche analisi alla demolizione dei monumenti confederati in tutto il paese e al modo in cui gli ricordava l’ISIS che distruggeva antichi manufatti assiri e giudeo-cristiani.

“In entrambi i casi, l’obiettivo delle parti offese è distruggere la storia che non gli piace”, ha detto Lane. “Si tratta di un atto immediato che li fa sentire meglio senza pensare all’impatto a lungo termine su una cultura o una civiltà. Tutto ciò che conta sono le emozioni del minuto e l’eliminazione dell’offesa”.

“Dovremmo permettere che la storia americana venga alterata? Qual è la conseguenza e qual è la soluzione?” chiese.

Il filosofo George Santayana una volta ha offerto una prospettiva sulla questione dicendo: “Coloro che non riescono a ricordare il passato sono condannati a ripeterlo!” In un discorso del 1948 alla Camera dei Comuni, Winston Churchill cambiò leggermente la citazione quando disse (parafrasando): “coloro che non imparano dalla storia sono condannati a ripeterla”.