August 19, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

L’atleta trans una volta ha detto che il suo obiettivo olimpico è “bruciare una bandiera degli Stati Uniti sul podio”

Un’atleta transgender che si è qualificata ed è stata nominata supplente per rappresentare gli Stati Uniti ai Giochi Olimpici del mese prossimo a Tokyo, in Giappone, lo scorso anno ha dichiarato pubblicamente che il suo obiettivo era vincere una medaglia olimpica “così posso bruciare una bandiera degli Stati Uniti sul podio”.

Fox News riporta in un post su Facebook del 25 marzo 2020, il pilota di BMX Freestyle Chelsea Wolfe ha scritto: “Il mio obiettivo è vincere le Olimpiadi in modo da poter bruciare una bandiera degli Stati Uniti sul podio. Questo è ciò su cui si concentrano durante una pandemia. Ferire i bambini trans .” Si era collegata a una storia di PinkNews intitolata “L’amministrazione Trump dichiara ufficialmente di credere che le ragazze trans debbano essere trattate come ‘maschi biologici'”.

Wolfe si identifica come una donna transgender e ha detto a Fox che il post ora cancellato non aveva lo scopo di mostrare disprezzo per l’America, ma era un tentativo di “prendere posizione contro il fascismo”.

“Chiunque pensa che non mi importi degli Stati Uniti si sbaglia gravemente”, ha detto Wolfe. “Uno dei motivi per cui lavoro così duramente per rappresentare gli Stati Uniti nella competizione internazionale è mostrare al mondo che questo paese ha morale e valori, che non sono tutte le cose cattive per cui siamo conosciuti. Prendo posizione contro il fascismo perché tengo a questo paese… Come cittadino che vuole essere orgoglioso del mio paese d’origine, sono sicuro che non lascerò che prenda piede qui”.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***

Il giornalista Ian Miles Cheong ha riportato per la prima volta il post sui social media di Wolfe nel suo blog online il 18 giugno, scrivendo, crede che Wolfe odi il suo paese.

“Nel caso di Wolfe, Wolfe ha un vantaggio fisico su tutti gli altri nella competizione, e il Team USA lo sa”, ha scritto Cheong. “A parte l’accettazione di Wolfe, l’atleta non è adatto al Team USA, perché Wolfe odia l’America”.

Secondo quanto riferito, il ciclista di BMX ha anche scherzato sull’esplosione della testa dell’ex presidente Donald Trump.

“Non direi mai che qualcuno dovrebbe far esplodere la testa del presidente. Sarebbe illegale”, ha scritto Wolfe nei commenti di Facebook secondo uno screenshot pubblicato da Cheong. “Ma dirò ‘con la dinamite.’ Perché è solo un frammento di frase e in realtà non significa nulla. Non è necessariamente correlato alla frase che l’ha preceduta”.

Per poter competere nei giochi del prossimo mese, il Comitato Olimpico Internazionale specifica che gli atleti devono dichiarare che la loro identità di genere è femminile e non possono modificare tale dichiarazione per un minimo di quattro anni.

L’atleta deve anche dimostrare che il suo livello di testosterone totale è inferiore a una misurazione specifica per almeno 12 mesi prima della prima competizione.

La politica del CIO afferma inoltre: “L’obiettivo sportivo prioritario è e rimane la garanzia di una concorrenza leale”.