December 3, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Le immagini satellitari mostrano che la Cina sta costruendo nuovi silos di missili nucleari

Nuove immagini satellitari mostrano un’importante espansione del programma missilistico cinese.

I ricercatori della Federazione degli scienziati americani hanno scoperto 250 sospetti silos di missili nucleari in costruzione in un deserto nella provincia occidentale dello Xinjiang, in Cina.

Questa immagine satellitare del 4 giugno 2021, fornita da Planet Labs Inc., è stata annotata da esperti che mostrano ciò che gli analisti ritengono sia un campo di silos di missili balistici intercontinentali vicino a Yumen, in Cina. AP

La crescente riserva nucleare della Cina è stata solo una delle tante minacce evidenziate mercoledì da un’audizione del comitato di intelligence del Senato.

“Xi Jinping ha un obiettivo: essere il leader geopolitico, militare ed economico del mondo. Periodo”, William Evanina, Fmr. Dir. National Counterintelligence & Security Center, ha detto ai legislatori statunitensi durante l’udienza.

La provincia dello Xinjiang è la stessa regione in cui i gruppi per i diritti umani ritengono che Pechino stia detenendo circa 2 milioni di musulmani uiguri in enormi campi di concentramento come parte del genocidio del governo comunista contro il gruppo di minoranza etnica.

Le immagini di un vasto sito nel nord della Cina rivelano anche più silos in costruzione. Questi probabilmente ospiterebbero missili balistici intercontinentali, ciascuno in grado di trasportare più testate.

Questa foto composita di immagini satellitari scattate nel giugno 2021 fornita da Planet Labs Inc. mostra quello che gli analisti ritengono sia un campo di silos di missili balistici intercontinentali vicino ad Hami, in Cina. (Planet Labs Inc. tramite AP)

Il comando strategico degli Stati Uniti, il supervisore dell’arsenale nucleare americano, ha risposto a queste allarmanti rivelazioni twittando: “Il pubblico ha scoperto ciò che abbiamo sempre detto sulla crescente minaccia che il mondo deve affrontare e sul velo di segretezza che lo circonda”.

La Cina ha già 350 testate nucleari, un arsenale che il Pentagono ritiene raddoppierà nel prossimo decennio.

“Questo rapido accumulo è diventato più difficile da nascondere e mette in evidenza come la RPC [People’s Republic of China] sembra ancora una volta deviare da decenni di strategia nucleare basata sulla deterrenza minima”, ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

È un’ulteriore prova delle ambizioni militari sempre più decise della Cina sotto il presidente Xi Jinping.

In un discorso alla comunità dell’intelligence statunitense la scorsa settimana, il presidente Joe Biden ha affermato che la Cina è “terribilmente attenta a diventare la forza militare più potente del mondo, nonché l’economia più grande e più importante del mondo entro la metà degli anni Quaranta. anni 2040”.

Il senatore Mark Warner, (D-VA) presidente del comitato per l’intelligence del Senato, ha detto ai membri del comitato durante l’audizione di mercoledì che la Cina “si sta concentrando sull’obiettivo delle tecnologie chiave degli Stati Uniti sia per l’acquisizione che per lo sviluppo. Questi includono aerospaziale, produzione avanzata, intelligenza artificiale, biotecnologia, analisi dei dati, semiconduttori, energie rinnovabili, tutto al fine di garantire il futuro dominio della RPC in queste aree”.

I membri del comitato hanno anche ascoltato testimoni dire come la Cina stia scavando in quasi ogni aspetto della vita americana: dal mondo accademico a Hollywood e alle imprese private, ai governi statali e locali, gli esperti dicono che l’influenza di Pechino è profonda e ampia.

“Il titolo di questa udienza è The Long Arm of China. Il lungo braccio della Cina non è una minaccia futuristica, è già qui”, ha affermato il senatore Marco Rubio (R-FL).

“È la minaccia più complessa, perniciosa, aggressiva e strategica che la nostra nazione abbia mai affrontato”, ha avvertito Evanina.

Il senatore Rubio ha accusato la Cina di “aver già effettuato il più grande trasferimento illegale di ricchezza da una nazione all’altra nella storia dell’umanità”, principalmente attraverso la tecnologia americana e la proprietà intellettuale.

“Hanno armato la nostra apertura, hanno armato la nostra decenza e hanno armato la nostra brama di profitto aziendale contro di noi”, ha detto.