May 24, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Non avrebbero mai pensato che ce l’avrebbero fatta: gli escursionisti in sedia a rotelle scendono in pista

Nel profondo dei boschi del Monte. Airy Forest Park a Cincinnati, un gruppo di escursionisti le cui vite sono normalmente molto limitate si ritrovano a godersi l’abbondante fogliame e ad accompagnare immagini e suoni di questo terreno remoto.

Anche il ronzio delle cicale è un gradito cambiamento rispetto alla loro vita quotidiana che offre poca o nessuna attività all’aperto.

Questi escursionisti hanno limitazioni fisiche che in genere li tengono costretti su sedie a rotelle, ma grazie a un ministero innovativo sono ora in grado di esplorare i boschi e i sentieri che prima erano inaccessibili.

Pastore Kevin Schwieger iniziato questo ministero, Luca 5 avventure, poco prima dell’inizio della pandemia.

La sua amicizia con un amico in sedia a rotelle ha portato a quello che sarebbe diventato un’impresa unica nel suo genere. Durante una visita dopo una delle escursioni di Schwieger, voleva condividere il suo entusiasmo con lei, solo per rendersi conto di quanto potesse essere doloroso.

“Sono convinto che Dio abbia tenuto a freno la mia lingua in quella conversazione perché volevo dirle ed esprimere tutta questa eccitazione”, ha detto. “Mi è venuto in mente che è qualcosa che non avrebbe mai, mai potuto sperimentare.”

Schwieger si sentì turbato dal pensiero e iniziò un viaggio per esplorare le sedie a rotelle fuoristrada che avrebbero portato al nuovo ministero.

Ha scoperto una sedia a una ruota che può essere facilmente percorsa da due persone.

Il Joëlette la sedia è popolare in Europa ma Schwieger è stata la prima a portarla negli Stati Uniti.

Luke 5 Adventures usa la sedia per trasportare bambini e adulti con disabilità attraverso vari terreni, principalmente nel sud-ovest dell’Ohio, ma Schwieger spera che altre chiese afferrino il concetto.

“Questo è così potente oltre quello che avremmo potuto immaginare”, ha detto a CBN News. “Penso che probabilmente andremo avanti per aprire capitoli locali in tutto il paese”.

Doug Frank è solo uno degli escursionisti entusiasti di essere coinvolti. La sua famiglia ama fare escursioni, ma la paralisi cerebrale di Frank lo ha tenuto in disparte per anni. Da quando Luke 5 ha iniziato, ha partecipato a quattro escursioni e sua madre Pam dice che i sentieri offrono una gradita sfida.

“Non vede l’ora di farsi un po’ male”, spiega. “Perché è quello che tutti gli altri [does] – tornano a casa e dicono ‘Mi sono divertito moltissimo ma ho fatto X, Y, Z. Mi sono fatto male al gomito o mi sono storto la caviglia». Per lui, questa sarebbe una buona ragione per ferire il tuo corpo invece della semplice terapia”.

E Frank dice che suo figlio ha trovato altrettanto preziosa l’amicizia offerta dai volontari di Luke 5.

“Tutte queste persone in questa chiesa sono il gruppo più straordinario di persone”, ha detto. “Fanno tutti amicizia con lui. Non si limitano a fare le solite chiacchiere che ricevi dagli estranei. Vogliono conoscerlo.”

Parte della strategia di Schweiger nell’iniziare Luke 5 è stata quella di raggiungere le persone con disabilità e le loro famiglie in modi che le chiese in genere non hanno.

Ricerca da Clemson University il sociologo Andrew Whitehead ha dimostrato che queste famiglie di solito fanno fatica ad andare in chiesa e spesso hanno un’esperienza dolorosa quando vi partecipano, che le porta a rimanere a casa. I bambini con condizioni di salute croniche hanno il 14% di probabilità in più di non frequentare mai e Whitehead ha scoperto che le disabilità che influenzano l’interazione sociale rappresentano il più grande impedimento. Un bambino su 4 con ritardi nello sviluppo, difficoltà di apprendimento e ansia non va mai in chiesa e uno su tre con autismo, problemi di linguaggio, lesioni cerebrali o depressione non va mai.

“Queste persone sono isolate. Si sentono sole. Si sentono su un’isola”, ha detto Schwieger. “Per le chiese parlare a quella popolazione, non è scienza missilistica. È amore”.

Whitney Blackston, vicepresidente di Luke 5 Adventures, ha una figlia di otto anni cieca, con problemi di udito e non verbale.

“Non tutto è accessibile ea volte sperimentiamo giudizio”, riconosce Blackston. “A volte le persone non capiscono.”

Ma lei e suo marito si sono goduti la comunità e hanno visto la loro figlia iniziare ad amare la vita all’aria aperta, grazie a Luke 5.

“Sperimenta la creazione di Dio ascoltando gli uccelli, ascoltando gli insetti e sentendo la natura: gli alberi, le foglie, i bastoncini e sentendo il vento sul viso”, ha detto Blackston.

Blackston ha condiviso una foto recente di sua figlia che immerge la sua piccola mano in un ruscello che ha risposto alla sua preghiera affinché Dio confermasse che Egli si rivela davvero a suo figlio.

“Lo Spirito Santo, in quel momento mentre la guardavo, mi ha ricordato il Salmo 42: “Come il cervo anela ai corsi d’acqua, così la mia anima anela a te, mio ​​Dio”, disse Blackston. “Mi stava ricordando che può placare la sete della sua anima, anche se non ha la capacità di vedere la creazione di Dio”.

Blackston e Schwieger stanno lavorando per moltiplicare Luca 5 in modo che altre chiese possano offrire alle persone con disabilità l’opportunità di vivere la vita all’aria aperta all’interno della comunità cristiana.

“Quello che vogliamo fare è introdurre le persone a Cristo, ma poi anche introdurle a una comunità all’interno della chiesa locale”, ha detto Blackston. “La nostra speranza è che le nostre chiese locali crescano grazie a questo e imparino come servire meglio le nostre famiglie colpite dalla disabilità”.