January 28, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Sopravvissuto all’Olocausto che ha testimoniato contro Eichmann muore a 91 anni

GERUSALEMME (AP) – Joseph Zalman Kleinman, un sopravvissuto dell’Olocausto che sopravvisse al campo di sterminio di Auschwitz e testimoniò contro Adolf Eichmann nel processo contro il comandante nazista a Gerusalemme, è morto martedì, hanno riferito i media israeliani. Aveva 91 anni.

La causa della morte non è stata rilasciata immediatamente. Kleinman era uno dei meno di 180.000 sopravvissuti all’Olocausto rimasti in Israele.

Kleinman era nato in Slovacchia nel gennaio 1930 e fu deportato dalla Germania nazista nel campo di Auschwitz-Birkenau all’età di 14 anni. Suo padre, sua madre e sua sorella furono uccisi ad Auschwitz, uno dei più noti campi di sterminio nazisti nella Polonia occupata.

“Nell’estate del 1944, 3.000 giovani dai 14 ai 16 anni furono riuniti ad Auschwitz … in condizioni difficili, fame acuta. Siamo stati lì per tutta l’estate e poi al capodanno ebraico e allo Yom Kippur e Simchat Torah (alte feste ebraiche), quasi tutti sono stati sterminati”, ha detto.

Eichmann, uno dei principali organizzatori dell’Olocausto della Germania nazista, fu catturato da agenti del Mossad israeliano fuori Buenos Aires, Argentina, nel 1960. Fu processato a Gerusalemme nel 1961 e riconosciuto colpevole di crimini contro l’umanità, crimini contro il popolo ebraico e crimini di guerra. Fu giustiziato l’anno seguente.

Nella testimonianza durante il processo, Kleinman raccontò alla corte le condizioni ad Auschwitz e come evitò di essere giustiziato come ordinato da Josef Mengele, l’ufficiale e medico nazista conosciuto come “l’angelo della morte”.

Dopo la sua liberazione da parte delle forze americane da un campo di concentramento vicino a Dachau, in Germania, Kleinman cavalcò “un enorme treno, con due grandi locomotive che lo trainavano, che iniziò a muoversi verso sud” attraverso l’Europa, raccontò in seguito agli archivisti di Yad Vashem, il Centro Mondiale per la Memoria dell’Olocausto.

“In ogni stazione ferroviaria, gli italiani scendevano dal treno, tornando alle case che non vedevano da anni. Tutti i cittadini aspettavano questo treno con rinfreschi, qua e là anche un’orchestra di benvenuto. In ogni stazione la gente scendeva, ma per noi ebrei – nessuno ci aspettava”.

Kleinman emigrò in Israele dopo la guerra.

All’inizio di quest’anno, ha parlato con The Associated Press dopo aver ricevuto le sue vaccinazioni contro il coronavirus. Ha raccontato di essere entrato ripetutamente in contatto con la malattia, sia durante il suo periodo ad Auschwitz che dopo. Mentre la guerra stava finendo, gli ebrei furono messi nei campi per gli sfollati interni.

Kleinman incoraggiò gli altri ad andare a prendere il vaccino contro il coronavirus. “Non trascurate questa cosa. Deve essere fatto, e il fatto è che salva le persone”, ha detto.

Kleinman è stato deposto martedì a Gerusalemme.

Tutti i contenuti © copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati