July 20, 2024

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Un ‘pegno di amicizia’: Israele inizia a inviare aiuti per il virus all’India

GERUSALEMME, Israele – Israele ha inviato una spedizione di forniture mediche salvavita in India martedì per aiutare il paese a combattere una nuova devastante epidemia di coronavirus.

“State assistendo ora a un’altra pietra miliare del legame, il legame indissolubile tra Israele e l’India”, ha detto all’aeroporto Ben Gurion Gilad Cohen, vicedirettore generale per gli affari dell’Asia e del Pacifico al ministero degli esteri di Israele. “Israele è al fianco dell’India e sta inviando attrezzature mediche, generatori di ossigeno e respiratori di ossigeno, così come attrezzature mediche al nostro grande amico. E speriamo che queste attrezzature aiutino (le persone a) sopravvivere e che gli indiani si riprendano da questo COVID-19 che l’India sta affrontando in questo momento”.

***Come la censura di Big Tech continua a crescere, per favore iscriviti a CBN Newsletters e scaricare il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva decisamente cristiana.***

La spedizione di martedì è stata la prima di molte che saranno volate da Israele all’India nel corso della settimana.

“Nei prossimi giorni, assisteremo a un ponte aereo di aerei indiani che atterreranno qui all’aeroporto Ben Gurion e raccoglieranno le prossime spedizioni che saranno inviate in India”, ha detto Cohen. “Durante i primi giorni della pandemia in Israele all’inizio dell’anno scorso, l’India ci ha inviato attrezzature mediche molto necessarie, tra cui guanti, maschere e materiali per le medicine. Questo è ora un piccolo segno di amicizia e reciprocità da Israele all’India”.

L’India sta attualmente vivendo una delle peggiori epidemie dall’inizio della pandemia. Il conteggio ufficiale dei casi di coronavirus in India ha superato i 20 milioni martedì, quasi raddoppiando negli ultimi tre mesi. Gli ospedali del paese hanno ceduto sotto l’epidemia e molti pazienti stanno morendo soffocati a causa della mancanza di ossigeno.

Il bilancio delle vittime del paese ha ufficialmente superato i 220.000 martedì, mentre i crematori lavorano senza sosta per gestire l’ondata.