January 28, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

Facebook ripristina la pagina della squadra di preghiera di Gerusalemme dopo un presunto attacco informatico

GERUSALEMME, Israele – Facebook ha ripristinato la pagina del Jerusalem Prayer Team (JPT) dopo averla chiusa all’inizio di quest’anno tra le accuse di una presunta campagna antisemita contro il gruppo durante la guerra di 11 giorni di Israele con Gaza a maggio.

Il Jerusalem Prayer Team, fondato da Mike Evans nel 2002, vanta più di 75 milioni di seguaci. Secondo Evans, “organizzazioni islamiche radicali” hanno spammato la pagina con due milioni di post antisemiti in 72 ore a maggio. Crede anche che l’attacco sia collegato a un uomo giordano che avrebbe “hackerato” la pagina e inondata di commenti antisemiti per farla chiudere.

“Hanno pubblicato oltre un milione di commenti sul nostro sito e poi le persone hanno contattato Facebook dicendo che non hanno mai pubblicato sul sito. Quella era una truffa completa e una frode. È stato un piano molto intelligente e ingannevole dei radicali islamici”, ha detto Evans a CBN News.

Facebook ha rimosso la pagina JPT il 16 maggio e ha informato Evans. Alla domanda sul perché, un portavoce della società ha dichiarato: “Abbiamo rimosso la pagina Facebook del Jerusalem Prayer Team per aver violato le nostre regole contro lo spam e il comportamento non autentico”, cosa che Evans ha contestato.

Facebook ha anche negato le affermazioni di Evans secondo cui la pagina era l’obiettivo di un attacco islamista.

“Non vediamo alcuna prova che questa pagina sia stata vittima di un attacco informatico”, ha detto un portavoce di Facebook al Washington Times.

Evans crede che il presunto attacco fosse parte di una più ampia campagna di attivisti filo-palestinesi che hanno accusato Facebook di censurare account e post palestinesi durante la guerra di Gaza. NBC News ha riferito che questi attivisti si sono coordinati per abbassare la valutazione di Facebook da 4 a 2,3 stelle sull’App Store di Apple e 2,4 stelle su Google Play.

Il JPT ha continuato a fare appello a Facebook per ripristinare la propria pagina ed è stata ripristinata a settembre. Ora che è tornato, Evans ha detto che la pagina si concentrerà sul suo obiettivo: “Costruire il marchio di Israele e fare amicizia con Sion educando fondamentalmente i Millennial e combattendo l’antisemitismo”.

*** Per favore iscriviti a Newsletter CBN e scarica il CBN News app per assicurarti di continuare a ricevere le ultime notizie da una prospettiva distintamente cristiana.***