July 2, 2022

PAPERS

A volte la vita ti colpirà alla testa con un mattone

I talebani formano un governo afghano composto da veterani della linea dura

KABUL, Afghanistan (AP) – I talebani hanno annunciato martedì un governo ad interim tutto maschile per l’Afghanistan composto da veterani del loro governo intransigente degli anni ’90 e della battaglia ventennale contro la coalizione guidata dagli Stati Uniti, una mossa che sembra improbabile per ottenere il sostegno internazionale i nuovi leader hanno disperatamente bisogno di evitare un crollo economico.

A ricoprire il ruolo chiave di ministro degli Interni è stato Sirajuddin Haqqani, che è nella lista dei più ricercati dell’FBI con una taglia di 5 milioni di dollari sulla testa e si ritiene che tenga ancora in ostaggio almeno un americano. Ha guidato la temuta rete Haqqani che è accusata di molti attacchi mortali e rapimenti.

L’annuncio è arrivato poche ore dopo che i talebani hanno sparato in aria per disperdere i manifestanti nella capitale Kabul e arrestato diversi giornalisti, la seconda volta in meno di una settimana che sono state usate tattiche pesanti per disperdere una manifestazione.

Attratto principalmente dal gruppo etnico pashtun dominante in Afghanistan, la mancanza di rappresentanza del governo da parte di altri gruppi etnici sembra anche certo zoppicare il suo sostegno dall’estero.

Ben l’80% del budget dell’Afghanistan proviene dalla comunità internazionale e una crisi economica di lunga data è peggiorata negli ultimi mesi. Quasi tutti i giorni voli dal Qatar portano aiuti umanitari, ma i bisogni sono enormi e i talebani difficilmente possono permettersi l’isolamento.

Nell’annunciare il governo, il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha sottolineato che le nomine erano temporanee. Non ha detto per quanto tempo sarebbero serviti e quale sarebbe stato il catalizzatore per un cambiamento.

Da quando hanno preso il controllo dell’Afghanistan a metà agosto dopo il ritiro delle truppe statunitensi, i talebani non hanno mostrato alcuna indicazione che terranno le elezioni.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti in una dichiarazione ha espresso preoccupazione per il fatto che il gabinetto includesse solo talebani, nessuna donna e personalità con precedenti preoccupanti, ma ha affermato che la nuova amministrazione sarebbe stata giudicata dalle sue azioni. La dichiarazione accuratamente formulata indicava che il governo era provvisorio, ma affermava che i talebani sarebbero stati mantenuti alla loro promessa di dare un passaggio sicuro sia ai cittadini stranieri che agli afgani, con documenti di viaggio adeguati, e garantire che il suolo afghano non sarebbe stato utilizzato per danneggiare un altro.

“Il mondo sta guardando da vicino”, afferma la dichiarazione.

Anche il primo ministro ad interim, il mullah Hasan Akhund, ha guidato il governo talebano a Kabul durante gli ultimi anni del suo governo. Il mullah Abdul Ghani Baradar, che aveva guidato i colloqui con gli Stati Uniti e firmato l’accordo che ha portato al ritiro, sarà uno dei due vice di Akhund.

Una dichiarazione politica che accompagna l’annuncio del governo ha cercato di placare i timori dei vicini dell’Afghanistan e del resto del mondo, ma era improbabile che calmasse i timori delle donne, che non hanno ottenuto un solo posto.

“Il nostro messaggio ai nostri vicini, alla regione e al mondo è che il suolo dell’Afghanistan non sarà utilizzato contro la sicurezza di nessun altro paese”, afferma la dichiarazione.

Ha esortato diplomatici, ambasciate, consolati e organizzazioni umanitarie stranieri a tornare in Afghanistan. “La loro presenza è la necessità del nostro Paese”, ha affermato.

La dichiarazione parlava di proteggere i diritti delle minoranze e dei diseredati e prometteva istruzione “a tutti i connazionali nel quadro della sharia”. Le donne non sono state menzionate nella dichiarazione di tre pagine.

Abdul Salam Hanafi, di etnia uzbeka, è stato nominato secondo vice di Hasan Akhund. Da lungo tempo membro dei talebani, è improbabile che soddisfi le richieste di inclusività e rappresentanza delle minoranze.

Oltre ad Haqqani come capo della polizia, l’altro posto di vertice della sicurezza del ministro della difesa è andato al mullah Mohammad Yaqoob, figlio del fondatore dei talebani e figura mitica vicino al mullah Mohammad Omar.

La rete Haqqani, che domina la maggior parte dell’Afghanistan orientale, è stata accusata di drammatici attacchi a Kabul negli ultimi due decenni e di aver orchestrato i rapimenti, spesso di americani. Washington crede di possedere ancora Mark Frerichs, un appaltatore civile, che è stato rapito nel gennaio 2020 e da allora non ha più avuto notizie.

Il nuovo ministro degli Esteri sarà Amir Khan Muttaqi, altra figura di spicco dell’ultima volta dei talebani al potere. Ha di fronte un compito difficile, data la mancanza di diversità del governo.

La selezione del Gabinetto ha sfidato le molte voci che avevano sollecitato l’inclusione e la moderazione. Invece, sembrava essere un inchino alle decine di migliaia di combattenti talebani, che avrebbero faticato ad accettare cifre dai governi precedenti che considerano corrotti e che credono di essere stati chiamati a cacciare.

“I combattenti hanno fatto i sacrifici. … Sono loro i decisori, non i politici”, ha detto l’analista e autore Fazelminallah Qazizai, che ha scritto molto sui talebani.

Eppure, anche con un governo dominato da etnia pashtun, la forza combattente dei talebani sembrerebbe aver già raggiunto una certa diversità, con i loro ranghi notevolmente rafforzati da tagiki etnici e uzbeki. Ciò potrebbe aver contribuito a dare ai talebani una vittoria sorprendente nella provincia prevalentemente tagika del Badakhshan, che hanno invaso senza quasi combattere. Quando hanno governato l’ultima volta, la provincia era l’unica che non riuscivano a controllare.

Alla manifestazione di martedì, interrotta da colpi di arma da fuoco, i manifestanti si erano radunati davanti all’ambasciata pakistana per accusare Islamabad di aver aiutato l’assalto dei talebani alla provincia settentrionale del Panjshir. I talebani hanno detto lunedì di aver preso possesso della provincia – l’ultima non sotto il loro controllo – dopo la loro avanzata fulminea attraverso l’Afghanistan il mese scorso.

Il precedente governo afghano accusava abitualmente il vicino Pakistan di aiutare i talebani, un’accusa che Islamabad ha negato.

Tra i manifestanti c’erano dozzine di donne e alcune portavano cartelli che lamentavano l’uccisione dei loro figli da parte di combattenti talebani che si dice siano stati aiutati dal Pakistan. Un cartello diceva: “Sono una madre. Quando uccidi mio figlio, uccidi una parte di me”.

A un certo punto, un combattente talebano ha risposto: “Abbiamo annunciato l’amnistia a tutti coloro che hanno ucciso i nostri figli”.

I talebani si sono mossi rapidamente e duramente per porre fine alla protesta quando i manifestanti sono arrivati ​​vicino al palazzo presidenziale. Hanno sparato in aria con le armi e arrestato diversi giornalisti che seguivano la manifestazione. A un certo punto, un talebano che agitava un fucile Kalashnikov ha preso un microfono da un giornalista e ha iniziato a picchiarlo. Il giornalista è stato poi ammanettato e detenuto per diverse ore.

“Questa è la terza volta che vengo picchiato dai talebani che coprono le proteste”, ha detto il giornalista all’Associated Press, parlando a condizione di non essere identificato perché temeva ritorsioni. “Non andrò più a coprire una dimostrazione. È troppo difficile per me”.

Un giornalista del popolare TOLO News afghano è stato detenuto per tre ore dai talebani prima di essere liberato. Gli è stata restituita la sua attrezzatura e il suo video della dimostrazione era intatto.

Sabato, le forze speciali talebane in mimetica hanno sparato in aria con le armi per porre fine a una marcia di protesta a Kabul da parte delle donne che chiedevano pari diritti.

—-

Gli scrittori dell’Associated Press Tameem Akhgar e Rahim Faiez a Istanbul hanno contribuito a questo rapporto.

Tutti i contenuti © copyright 2021 Associated Press. Tutti i diritti riservati